Le sezioni della busta paga

Tramite: O2O 25/07/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Oggigiorno, complice la crisi, il tasso di disoccupazione si è assestato su percentuali molto alte, comportando un danno per sia per le entrate dei cittadini, che per quelle delle casse dello Stato. In questo scenario, l'evasione fiscale, in particolare, attraverso lo strumento del lavoro sommerso, rappresenta un fenomeno dilagante, perché agevola sicuramente i datori di lavoro che non rispondono, in questo caso, al versamento dei contributi. Normalmente, però, tutti i lavoratori dipendenti, devono ricevere una busta paga che attesta la retribuzione percepita per il lavoro svolto. Tale documento, indica non solo la somma che ogni mese gli viene accreditata, ma anche le trattenute previdenziali e le imposte dovute allo Stato a titolo di imposte. La busta paga, è un elemento di grande importanza nel rapporto di lavoro: con questa possiamo verificare se la retribuzione percepita è idonea al tipo di lavoro svolto, e al livello per il quale siamo stati assunti; possiamo controllare se i versamenti previdenziali sono stati elargiti in modo conforme e se il trattamento di fine rapporto sia stato valutato con precisione. In questa guida cercheremo di chiarirvi i punti più importanti della busta paga.

27

Occorrente

  • Busta paga;
37

La parte relativa all'anagrafica

Iniziamo subito con il dire che i prospetti della busta paga, perché siano validi, devono contenere obbligatoriamente la firma del datore di lavoro o la sigla dell'ente o dell'azienda, qualora si tratti di ente pubblico deve essere anche vidimata dagli organi competenti. La busta paga è composta da due sezioni: nella prima sezione, viene indicato il nome dell'azienda, il rapporto di lavoro, i dati anagrafici del lavoratore compreso il codice fiscale ed la sua posizione INPS e INAIL, la qualifica professionale, la retribuzione, le ore ed i giorni lavorativi retribuiti e gli scatti di anzianità. Affinché abbia valore giuridico, essa deve essere perfettamente compilata in tutte le sue parti e sottoscritta dal lavoratore.

47

La parte relativa alle imposte

La seconda sezione della busta paga, invece è piuttosto descrittiva. Sulla base della paga lorda, viene calcolato l'IVS, cioè quella parte dei contributi previdenziali che sono a carico del lavoratore e che sono detratti dalla paga lorda affinché il datore di lavoro li versi allo stato. Tali contributi contribuiscono alla formazione del montante che poi sarà un giorno la base della nostra futura pensione. Detratti i contributi, sulla busta paga rimarrò l'imponibile: questo costituirà la base per il calcolo dell'Irpef, e alla cifra cosi ottenuta si detrarranno le deduzioni fiscali operate per legge. La parte finale della ciotola, è composta dal conguaglio fiscale con la compensazione di tutte le tasse erogate nel corso dell'anno, le ferie godute, le festività ed l'importo netto che percepirà il lavoratore. Gli elementi che svolgono un ruolo significativo nella busta paga, sono gli scatti di anzianità che si incrementano periodicamente. Tali scatti, possono essere biennali o triennali e variano in base alle varie qualifiche professionali del lavoratore.

Continua la lettura
57

La parte relativa a crediti e debiti del lavoratore

Se indicato nel contratto di lavoro, e d esclusivamente nel caso in cui il lavoratore eserciti un impiego di otto ore giornaliere, in busta paga risulterà anche la mezz'ora di riposo retribuita. Possono inoltre essere presenti delle voci riguardanti dei compensi mensili a favore o sfavore del dipendente, a vario titolo: ad esempio il dato relativo agli assegni per il nucleo familiare (che riporta anche il reddito di riferimento per il calcolo dell'assegno stesso); il credito derivante dal D.L. 66/2014, anche conosciuto come Bonus Renzi, e pari ad 80 euro mensili qualora il lavoratore rientri nelle fasce di reddito per il quale è previsto il pagamento per intero del bonus; la quota relativa al sindacato, nel caso in cui il lavoratore abbia rilasciato l'autorizzazione alla trattenuta sindacale mensile sul proprio stipendio; la trattenuta di un quinto dello stipendio, laddove fosse stata autorizzata una cessione del quinto. Infine, è bene ricordare che, in termini di retribuzione, i pagamenti vengono erogati con cadenza mensile nel caso in cui si tratti di impiegati e con retribuzione oraria se si tratta di operai. Questa regola, può però avere delle eccezioni, infatti può anche capitare che in casi particolari gli operai vengano retribuiti mensilmente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per una lettura corretta della busta paga recatevi presso un ufficio di sindacato;
  • Non sottoscrivere la busta paga se non sei sicuro della correttezza dei dati inseriti dal datore di lavoro;
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come leggere la propria busta paga

La busta paga è un vero e proprio tabulato, in cui sono specificate nel dettaglio alcune voci, come: trattenute Irpef, contributi Inps, detrazioni fiscali, assegni familiari (possono essere retribuiti quando un dipendente ha a carico una moglie e dei...
Lavoro e Carriera

Come calcolare le trattenute nella busta paga

Cosa sono le trattenute? Iniziamo con questa semplice domanda.La busta paga oltre a contenere dati identificativi del datore e del dipendente, la posizione assicurativa INAIL, voci da cui è composta la retribuzione, è composta anche dalle trattenute...
Lavoro e Carriera

Tfr in busta paga: 10 cose da sapere

lI TFR (Trattamento di Fine Rapporto) è un corrispettivo in denaro che spetta ad ogni lavoratore quando cessa la sua attività. Qualsiasi lavoratore ha sempre diritto al TFR quando il rapporto di lavoro termina, anche se il lavoro è casuale, occasionale...
Lavoro e Carriera

5 cose da sapere sulla tredicesima in busta paga

Sapete quali sono i mesi preferiti da una certa categoria di lavoratori? Senza dubbio quelli di dicembre e giugno. Perché, vi starete chiedendo? Perché a dicembre si lavora meno per le vacanze natalizie? Oppure perché a giugno iniziano le prime ferie...
Lavoro e Carriera

Come calcolare gli scatti di anzianità in busta paga

I contratti collettivi premiano l'anzianità di servizio del dipendente con i cosiddetti scatti di anzianità. La motivazione che sta alla base di tale norma è molto semplice: il dipendente che passa più tempo nella stessa azienda, conosce molto meglio...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la liquidazione dalla busta paga

La liquidazione, meglio conosciuta come TFR, sigla che sta ad indicare il trattamento di fine rapporto, non è altro che una somma che spetta a ciascun lavoratore non appena cessa il rapporto di lavoro dipendente fra quest'ultimo ed il suo datore di lavoro,...
Lavoro e Carriera

Cosa fare se il datore di lavoro non paga

Può accadere di avere dei seri problemi con il proprio datore di lavoro. I problemi con cui si può venire in contatto sono veramente tanti e possono succedere ogni giorno, in particolar modo in questo periodo di profonda crisi economica. Nello specifico,...
Lavoro e Carriera

Come si calcola il guadagno netto di un'ora di lavoro straordinario

A chi possiede un contratto di lavoro dipendente può essere richiesto, di tanto in tanto, di lavorare anche al di fuori del proprio consueto orario. In tempi di crisi, fare alcune ore di straordinario può essere importante per il proprio bilancio, naturalmente...