Tutto sull'assegno circolare e bancario

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nel caso in cui vi siano da affrontare delle spese di grosse quantità economiche il metodo più sicuro è sicuramente l'assegno. Questo è un documento fornito dalla banca in cui si è aperto il conto che consente di pagare grosse somme di denaro: così facendo il ricevitore può andare a scambiare tale assegno ricevendo il compenso corrispettivo in tutta sicurezza. Quello più diffuso è l'assegno circolare e tale documento, che è un foglio contenuto all'interno di blocchi, bisogna semplicemente compilarlo con i dati richiesti.
Vediamo dunque, con questa guida, tutto quello che c'è da sapere sull'assegno circolare e bancario.

26

Occorrente

  • Conto in banca abilitato agli assegni
36

Caratteristiche dell'assegno circolare

L'assegno circolare viene emesso soltanto se i fondi sono realmente disponibili, e ciò significa che la banca stessa, quando emette l'assegno, non fa altro che confermare di aver prelevato i fondi direttamente dal conto, mettendolo poi a disposizione del beneficiario. Ciò lascia intuire, a chi riceve tale assegno, che il pagamento è totalmente coperto in quanto la banca funge da garante. In caso contrario l'istituto bancario non concederebbe all'emittente questa forma di pagamento.
Il vantaggio più evidente di questo tipo di pagamento è che il beneficiario non corre alcun rischio, poiché l'assegno circolare non può mai essere a vuoto.

46

Caratteristiche dell'assegno bancario

L'assegno bancario, invece, viene firmato dal contraente, purché disponga dei fondi necessari tali da garantire al beneficiario di versarlo sul proprio conto corrente, ed incassarlo dopo un determinato numero di giorni, che oscilla da un massimo di 3 per i cosiddetti assegni su piazza e fino ad 11 per quelli fuori piazza. Questa operazione, coinvolge quindi tre soggetti: colui che emette l'assegno, la banca ed il beneficiario. Proprio in questo, la nostra stessa banca, ci darà sicuramente la possibilità di richiedere il benefondi che ci garantirà la completa e totale copertura del nostro assegno.

Continua la lettura
56

Confronto tra assegno circolare e bancario

Riassumendo, dunque, l'assegno circolare è uno strumento di pagamento che concede maggiori garanzie a chi lo riceve. L'assegno bancario, invece è uno strumento che, in generale, non conviene accettare, per non incorrere in spiacevoli inconvenienti anche a seguito di eventuali protesti da parte del contraente, che non garantiscono la copertura dei fondi, nemmeno rivolgendosi ad un legale. Per questo motivo coloro che devono ricevere dei pagamenti, come ad esempio per la vendita di una casa o di un terreno o semplicemente per una prestazione professionale, preferiscono sempre l'assegno circolare.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La guida è solo a scopo informativo.
  • La guida fornisce solamente delle informazioni indicative: per delle indicazioni accurate bisogna far riferimento agli esperti del settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario

L'assegno bancario è un utilissimo strumento di pagamento che può essere impiegato in sostituzione del denaro contante. Ma ai fini per contrastare il fenomeno del cosiddetto "denaro sporco, nel 2007, sono state introdotte norme più stringenti in funzione...
Finanza Personale

Come incassare un assegno bancario

In questi ultimi anni l'utilizzo dei contanti è diminuito in modo notevole a favore di metodi di pagamento come il bancomat, la carta di credito e le carte prepagate (utilizzate soprattutto per gli acquisti in rete). Anche se introdotto da molto tempo,...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario non trasferibile

Conseguentemente ad una norma contenuta nella Legge di Stabilità il limite per pagamenti in contanti è stato fissato a 3000 €. Questa manovra è stata fatta al fine di incentivare i consumi e porre fine ad un vero e proprio "terrore" fiscale. Resta,...
Banche e Conti Correnti

Come cambiare un assegno non trasferibile

Un metodo utilizzato per poter pagare grosse somme di denaro, senza alcuna carta di credito, è sicuramente l'assegno. Questo sistema di pagamento è un foglio rilasciato dalla banca dove si ha il proprio conto corrente, e da qui vengono ritirati i soldi...
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Banche e Conti Correnti

Come spedire un assegno bancario

Oggi spostarsi con particolari somme di denaro in tasca, diventa davvero rischioso e problematico. È' per questo motivo che molti preferiscono sfruttare gli assegni per i propri pagamenti. Prima di emettere un assegno però, bisogna anche essere consapevoli...
Finanza Personale

Come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario

Nel momento in cui si va ad emettere un assegno di pagamento, sia bancario e sia postale, c'è la necessità di assicurarsi che la somma che dovrà essere prelevata sia subito a disposizione all'interno del proprio conto corrente personale. Nella guida...
Banche e Conti Correnti

Come cambiare un assegno bancario allo sportello

L'assegno bancario è un metodo di pagamento molto diffuso la cui somma può essere riscossa tramite versamento sul proprio conto corrente, in questo caso bisognerà attendere dai 3 ai 14 giorni per l'avvenuta operazione che vi permetterà di avere la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.