Tfr in busta paga: 10 cose da sapere

Tramite: O2O 05/09/2020
Difficoltà: media
113

Introduzione

lI TFR, noto anche come buonuscita o liquidazione, è una somma di denaro corrisposta al dipendente alla cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, raggiungimento dell'età pensionabile oppure dimissioni. Il calcolo del TFR tiene conto della retribuzione mensile e degli elementi retributivi di natura tipica, normale e ripetitiva, come tredicesima, eventuale quattordicesima, superminimi, premi presenza, straordinario fisso, importi forfettari, indennità per disagiata sede, provvigioni, partecipazioni ad esclusione dei rimborsi spese. Pertanto, il calcolo del TFR avviene annualmente sommando le retribuzioni lorde dal primo gennaio fino al 31 dicembre, divise per il coefficiente 13,5. L'anno successivo, l'importo accumulato viene rivalutato tenendo conto di un tasso fisso dell'1,5% più il 75% dell'aumento dell'indice ISTAT. Dal 1° luglio 2018 i lavoratori dipendenti non possono più richiedere il TFR in busta paga ad integrazione dello stipendio. La somma verrà solo accantonata. Ma ecco 10 cose da sapere sul vecchio sistema. .

213

Destinatario

Il TFR in busta paga poteva essere richiesto solo dai lavoratori dipendenti del settore privato, con un contratto di lavoro subordinato. Erano pertanto esclusi i lavoratori agricoli, i domestici ma anche i dipendenti in cassa integrazione e chi offriva prestazioni lavorative ad aziende in crisi, prossime al fallimento.

313

Modulo

Per richiedere il TFR in busta paga bisognava presentare domanda al titolare dell'azienda mediante compilazione del modulo (QU.I.R). La somma poteva essere incassata dopo 30 giorni o 4 mesi, in base al numero di dipendenti dell'azienda. I tempi si prolungavano per dare la possibilità alle imprese con meno lavoratori di poter accedere ai fondi di finanziamento.

Continua la lettura
413

Vincolo

La terza cosa da sapere sul TFR in busta paga riguarda gli eventuali vincoli. Spesso capitava che per ottenere un mutuo o un'agevolazione fiscale il lavoratore impegnasse la propria liquidazione a garanzia del prestito. In tal caso, perdeva ogni diritto.

513

Tassazione

Quando il lavoratore decideva di incrementare il TFR al proprio stipendio per ottenere una retribuzione mensile maggiore, tale somma veniva tassata pesantemente ogni mese secondo i metodi previsti dall'IRPEF con tutte le conseguenze del caso.

613

Reddito

Il TFR in busta paga, ad integrazione dello stipendio base, comportava certamente un aumento del salario con maggiore disponibilità di liquidità. Tuttavia, saliva anche il reddito familiare con la conseguente perdita delle agevolazioni legate all'ISEE e a detrazioni varie.

713

Anticipo

In caso di difficoltà, il lavoratore che aveva maturato almeno 8 anni di servizio presso la stessa azienda aveva pieno diritto di richiedere un anticipo sul TFR. Percepiva però una somma non superiore al 70% dell'importo complessivo versato fino a quel momento.

813

Bonus

La richiesta del TFR in busta paga doveva essere una decisione da ponderare bene. Come già è stato accennato, causava la perdita di qualsiasi agevolazione fiscale di cui si godeva in precedenza, ma fortunatamente non delle 80,00 euro di bonus mensile riservato ai lavoratori dipendenti.

913

Sanità

Secondo le disposizioni attuali di legge, in riferimento all'art. 2120 del Codice Civile, il dipendente può ancora richiedere al datore di lavoro un anticipo sul TFR per terapie ed interventi straordinari riconosciuti dalle strutture ospedaliere.

1013

Ristrutturazione

Ancora sulla base dell?art. 2120 del Codice Civile, il lavoratore può richiedere un anticipo sul TFR per la ristrutturazione o l'acquisto della prima casa, a scopo abitativo per sé o per i figli. Naturalmente la spesa deve essere documentata con atto notarile.

1113

Congedo

L'anticipo sul TFR può essere richiesto anche in caso di congedi per la formazione professionale del lavoratore oppure per astensione facoltativa per maternità. I datori di lavoro possono negare la transazione in caso di crisi aziendale o cassa integrazione.

1213

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come controllare la busta paga

Per un impiegato è fondamentale saper controllare la propria busta paga. Questo documento rilasciato dal datore di lavoro comprende una serie di voci e di informazioni per il dipendente. La loro lettura informa sul calcolo effettuato per addivenire al...
Lavoro e Carriera

Come leggere la propria busta paga

La busta paga è un vero e proprio tabulato, in cui sono specificate nel dettaglio alcune voci, come: trattenute Irpef, contributi Inps, detrazioni fiscali, assegni familiari (possono essere retribuiti quando un dipendente ha a carico una moglie e dei...
Lavoro e Carriera

Come calcolare le trattenute nella busta paga

Cosa sono le trattenute? Iniziamo con questa semplice domanda.La busta paga oltre a contenere dati identificativi del datore e del dipendente, la posizione assicurativa INAIL, voci da cui è composta la retribuzione, è composta anche dalle trattenute...
Lavoro e Carriera

Le sezioni della busta paga

Oggigiorno, complice la crisi, il tasso di disoccupazione si è assestato su percentuali molto alte, comportando un danno per sia per le entrate dei cittadini, che per quelle delle casse dello Stato. In questo scenario, l'evasione fiscale, in particolare,...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la liquidazione dalla busta paga

La liquidazione, meglio conosciuta come TFR, sigla che sta ad indicare il trattamento di fine rapporto, non è altro che una somma che spetta a ciascun lavoratore non appena cessa il rapporto di lavoro dipendente fra quest'ultimo ed il suo datore di lavoro,...
Lavoro e Carriera

Come calcolare gli scatti di anzianità in busta paga

Gli scatti di anzianità altro non sono che premi per gli anni in cui i dipendenti lavorano in una determinata azienda o ente, sia privato che pubblico. In termini produttivi, chi lavora da più tempo nello stesso luogo diviene più esperto nel settore...
Lavoro e Carriera

Come richiedere il TFR non corrisposto

L'attuale periodo di crisi economica, che sta attanagliando l'Italia e in generale tutta l'Europa, mette in difficoltà ogni giorno tantissime aziende. Molto spesso infatti, alcune di esse, a causa di tutto questo, non hanno alcuna possibilità di versare...
Lavoro e Carriera

TFR: termini di pagamento e mancato pagamento

Il TFR rappresenta un tesoretto che viene messo a disposizione di ogni lavoratore, nel caso in cui quest' ultimo lascia il posto di lavoro oppure venga licenziato. Il TFR è dunque il trattamento di fine rapporto che spetta al lavoratore e che viene...