TASI: tutto ciò che c'è da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

A partire dal 1 gennaio 2014, è stata emanata e approvata con la legge del 23 dicembre 2013 n. 147, la IUC, ossia l'imposta unica comunale formata dalla TASI ovvero la tariffa comunale sui servizi indivisibili quali l'illuminazione pubblica e la manutenzione delle strade, l'anagrafe, la sicurezza e quant'altro; dall'Imu, l'Imposta municipale unica che si paga sulle seconde case e dalla Tari, vale a dire la tassa sui rifiuti. La Tasi grava sui beni immobili nella misura massima del 2,5%, tuttavia i Comuni avranno la possibilità di diminuire l'aliquota se non addirittura abolirla. Il tributo dovrà essere versato sia dai proprietari di beni immobili che dagli inquilini. Quest'ultimi dovranno pagare un importo tra il 10 ed il 30% della Tasi, la percentuale verrà stabilita direttamente dal Comune di residenza. Scopriamo, con questa guida, tutto ciò che c'è da sapere sulla Tasi.

24

Con il decreto legge n. 88 del 09 giugno 2014, si stabilì che la prima rata di tale tributo doveva essere pagata entro il 16 giugno e la seconda entro il 16 dicembre 2014, ma solo per quei Comuni che avevano già determinato la percentuale dell'aliquota Tasi. La scadenza veniva posticipata al 16 ottobre 2014, per il primo versamento ed al 16 dicembre 2014 per il secondo, per quei Comuni in cui la Tasi prevedeva una delibera entro il 10 settembre 2014. Per il pagamento in un'unica rata veniva fissata la scadenza al 16 dicembre 2014 ma solo per i Comuni che non aveva approvato la delibera del tributo entro il 10 settembre 2014.

34

Il suddetto decreto legge in merito alle agevolazioni sull'imposta, per i proprietari che hanno affittato a canone concordato, stabilisce che saranno i Comuni a deciderle. Pertanto, ogni ente potrà adottare delle deduzioni vagliando le diverse situazioni. Per essere a conoscenza delle riduzioni d'imposta, ti suggerisco di consultare la delibera del tuo Comune oppure di chiedere direttamente all'ufficio tributi.

Continua la lettura
44

Per calcolare l'importo della TASI da versare, dovrai conoscere la tipologia del tuo immobile e delle eventuali pertinenze, la loro rendita catastale, l'aliquota stabilita dal tuo comune di residenza, la quota di possesso del bene immobile, i mesi di godimento ed il valore della detrazione se il tuo comune l'ha deliberata. Con l'ausilio di una calcolatrice, dovrai moltiplicare la rendita catastale del bene, dopo averla rivalutata del 5%, per il coefficiente, diverso a seconda dell'immobile (per la prima abitazione è di 160, 80 per gli uffici, 55 per i negozi e 65 per i fabbricati strutturali) e quindi per l'aliquota comunale. Il risultato ottenuto, dopo averlo diviso per 1000 è diminuito delle detrazioni, corrisponderà all'entità totale da versare. Potrai optare per un pagamento in due o tre rate.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Dichiarazione di successione: 5 cose da sapere

Per chi non ne fosse ancora a conoscenza, è importante sapere cosa sia di preciso una dichiarazione di successione. Spesso infatti si sente parlare di dichiarazione di successione, senza sapere in sostanza di cosa si tratti. Per non avere alcun dubbio...
Finanza Personale

Polizze assicurative a consumo: 5 cose da sapere

Se il premio assicurativo annuo della nostra auto ci risulta particolarmente oneroso, e non intendiamo correre il rischio di non poter fronteggiare la spesa annuale o semestrale per pagarlo, è importante sapere che si può sfruttare un tipo di polizza...
Finanza Personale

Come sapere se sei protestato

Il protesto può avvenire a causa del mancato pagamento di un effetto, di una cambiale oppure di un assegno. Se il titolo è regolare e viene presentato nei termini previsti per il pagamento, in mancanza del pagamento ne verrà elevato il protesto. I...
Finanza Personale

Azioni correlate: 5 cose da sapere

Il mondo della finanza è un mondo pieno di nozioni da sapere, trucchi e tecniche per poter avere successo e far crescere il proprio denaro o quello delle aziende per cui lavorate, cercando di farlo nella maniera più corretta possibile. Per riuscire...
Finanza Personale

Fondi di garanzia: 5 cose da sapere

Prima di entrare nei dettagli, è doveroso spiegare cosa sono i fondi di garanzia. Si tratta di un fondo patrimoniale istituito dallo Stato italiano e gestito da Medio Credito Centrale Spa. Lo scopo dei fondi di garanzia è agevolare l'accesso al credito...
Finanza Personale

Azioni a favore dei prestatori di lavoro: 5 cose da sapere

Il lavoro dipendente o lavoro subordinato è strettamente connesso a due figure: il prestatore di lavoro o dipendente e il datore di lavoro. Il dipendente cede il proprio lavoro al datore in cambio di un salario, settimanale o mensile come previsto per...
Finanza Personale

Obbligazioni zero-coupon: 5 cose da sapere

Il mercato finanziario offre innumerevoli opportunità di investimento per tutti coloro che decidono di ottenere maggiori guadagni dal proprio capitale. Si può scegliere tra una stragrande varietà di titoli, di azioni, di obbligazioni e tra queste ultime...
Finanza Personale

Obbligazioni a tasso fisso: 5 cose da sapere

Le obbligazioni sono uno strumento attraverso il quale un soggetto (definito obbligazionista) esegue un'operazione di finanziamento a titolo di prestito (a titolo di mutuo, secondo il diritto privato). L'obbligazionista è perciò un creditore dell'ente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.