Split payment: cos'è, quando scade e come si paga l'Iva

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Ormai da sei mesi è stato introdotto in Italia lo Split Payment, detto anche "scissione dei pagamenti".  Cercheremo ora di capire cos'è e cosa comporta. Come si paga, quando scade e che rapporto ha con l'Iva.  Una breve guida adatta a tutti coloro che, pur non intendendosi strettamente di economia delle finanze, hanno bisogno di capire in breve quali sono i cambiamenti avvenuti ultimamente in questo ambito.

24

Prima di tutto annunciamo i protagonisti di questa storia: in primo piano abbiamo le Pubbliche Amministrazioni, le classiche fatture da pagare, Iva e Stato.  Alla Pubblica Amministrazione arriva una fattura da pagare. La fattura presenta il conto da pagare per quel bene acquistato o per il servizio ricevuto. Solitamente in basso al foglio troviamo una cifra, detta imponibile: è la cifra al netto, quello che effettivamente il nostro fornitore ha speso per rispondere alla nostra richiesta. A questa viene aggiunta l'Iva, la tassa che deve essere girata allo stato. E come totale, la fattura presenta l'imponibile con l'aggiunta di iva.

34

Solitamente avveniva così:
la Pubblica Amministrazione pagava al fornitore la cifra totale, data dalla somma dell'imponibile con l'Iva. Successivamente, seguendo alcune scadenze regolate dalla legge, il fornitore versava "sul conto dello Stato" i soldi rispettivi all'Iva. Ma non tutti i fornitori si "ricordavano" di fare questo passaggio... Sicuramente per svariati motivi! E così facendo incrementavano quello che è definita "evasione fiscale".  Proprio per ridurre al minimo queste dimenticanze, lo stato ha introdotto lo Split Payment, giocando sul fatto che al debitore non interessa "chi deve pagare", tanto, pagare per pagare... Il debitore (pubblica amministrazione) così paga al fornitore solo la "cifra al netto", quello che effettivamente ha speso vendendo il bene o il servizio e in separata sede paga il corrispettivo dell'Iva direttamente allo Stato.

Continua la lettura
44

Quali sono le tempistiche di questo nuovo pagamento? >Una volta pagato al fornitore quello che gli spetta, la Pubblica Amministrazione può:
- pagare volta per volta l'Iva di ciascuna fattura
- pagare in un giorno qualsiasi del mese la somma dell'Iva delle fatture che hanno scadenza in quel giorno
- pagare entro il 16 del mese la somma dell'Iva delle fatture scadute il mese precedente

Come fa a pagare l'Iva allo Stato?

La Pubblica amministrazione riceve un "codice tributo", necessario per l'identificazione durante il pagamento. A seconda che abbia un conto presso Banca d'Italia, presso Poste Italiane o presso altre banche, deve rispettivamente compilare il modulo F24 "Enti pubblici", effettuare il pagamento tramite versamento unificato, pagare direttamente all'entrata di bilancio dello Stato.

E in attesa di nuovi aggiornamenti, ci affidiamo all'articolo 1, comma 629 della legge 190/2014.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come scorporare l'IVA da un importo totale

Per chi ha la partita IVA, può essere sicuramente utile se non addirittura necessario, riuscire a risalire al prezzo originale di un articolo, prima dell'applicazione dell'IVA per poterlo eventualmente acquistare correttamente, secondo dei calcoli corretti....
Aziende e Imprese

Come calcolare la paga oraria

Generalmente per paga oraria si intende il guadagno percepito da un lavoratore per un'ora di lavoro. Spesso, sia per i lavoratori dipendenti che per quelli autonomi, può servire calcolare la paga oraria per venire a conoscenza di tale valore. Questo...
Aziende e Imprese

Come Controllare La Partita Iva Comunitaria

Colore che effettuano operazioni intracomunitarie, devono necessariamente diventare titolari di partita iva, i quali possono verificare la correttezza del numero di identificazione iva (partita iva) dei propri clienti accedendo al sistema di controllo...
Aziende e Imprese

Come comportarsi se l'azienda non paga i contributi

Il mondo del lavoro si trova in profonda crisi ormai da moltissimi anni. Sono tante le aziende italiane che hanno serie difficoltà a far quadrare tutti i conti, e proprio per tale ragione, le misure ricadono spesso sui lavoratori, con effetti molto negativi....
Aziende e Imprese

Come effettuare lo scorporo dell'IVA

Ti è mai capitato di andare al supermercato o in un qualsiasi negozio, e chiederti quanta IVA c'è all'interno del prezzo di vendita di un bene, di un servizio? Non saresti curioso di sapere quanto costerebbe quel bene se l'IVA non esistesse? Bene, io...
Aziende e Imprese

Come verificare l'esistenza di una partita iva

La partita iva è rappresentata da una sequenza di 11 numeri, che identifica univocamente un soggetto o un'impresa che esercita un'attività rilevante dal punto di vista dell'imposizione fiscale indiretta. È molto importante verificare l'esistenza e...
Aziende e Imprese

Metodi di verifica della validità di una partita IVA

Come vedremo nel corso di questa guida, la partita Iva (rilasciata dall'agenzia dell'entrate), è una peculiare sequenza di numeri, ovvero un insieme di cifre, idonee ad identificare in modo univoco l'esercente di una certa attività (ad esempio un commercialista,...
Aziende e Imprese

Come aprire partita iva

La partita IVA è una serie di cifre utili a identificare in maniera univoca il contribuente: è costituita da 11 numeri, di cui i primi 7 identificano lo specifico contribuente, mentre i successivi 3 servono ad identificare il codice dell’Ufficio delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.