Sgravi INPS per la contrattazione di II livello

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I rapporti di lavoro tra aziende e dipendenti sono disciplinati da una serie di normative fiscali, tributarie e comportamentali che sono raggruppate sotto il nome di contratto collettivo nazionale. A loro volta i contratti collettivi sono suddivisi per settori di appartenenza, quali metalmeccanica, industria, terziario e via discorrendo. Spesso, le aziende, sentono la necessità di integrare queste normative in quanto carenti e, in tal caso, possono far emanare delle leggi aggiuntive purché siano accettate di comune accordo dai sindacati. Questa raccolta di norme aggiuntive prende il nome di contrattazione di secondo livello. Oggi, con l'aiuto di questa guida, vedremo quali Sgravi INPS sono previsti per la contrattazione di II livello e come richiederli.

24

Innanzitutto i fondi stanziati dall'Inps per gli sgravi vengono così ripartiti: il 62,5% viene destinato alla contrattazione aziendale (i contratti stipulati all'interno dell'azienda) il 37,5% viene destinato alla contrattazione territoriale (i contratti stipulati sull'intero territorio nazionale suddivisi per settori quali industria o terziario) Il massimale assoggettabile a sgravio è pari al 2.5% della retribuzione contrattuale annuale per l'azienda e del 9.49% della retribuzione imponibile annuale per il dipendente. Per ottenere gli sgravi l'azienda deve stipulare con il dipendente un contratto di II livello. Vediamo ora come presentare la domanda.

34

La domanda deve essere presentata dall'azienda e deve pervenire all'Inps per via telematica direttamente o tramite soggetti incaricati quali commercialisti, consulenti del lavoro o centri di assistenza fiscale. Le domande devono essere complete dei dati che identificano l'azienda, della data di sottoscrizione della contrattazione aziendale e successivo deposito alla Direzione Provinciale del Lavoro, l'importo delle retribuzioni secondo le aliquote di cui sopra sia dell'azienda che dei dipendenti. È importante che le domande siano il più possibile complete, per evitare lungaggini burocratiche dovute al respingimento di pratiche incomplete.

Continua la lettura
44

Infine come abbiamo detto in precedenza la contrattazione di secondo livello inserisce norme aggiuntive ai singoli contratti di lavoro. Queste norme non possono in alcun caso essere lesive nei confronti dei dipendenti e non possono prevedere riduzioni salariali. La maggior parte delle volte si tratta di premi di produzione aggiuntivi, orari più flessibili, maggiore sicurezza sul lavoro e formazione del personale. Nel caso in cui le norme prevedano maggiorazioni di salario le aziende e i dipendenti vedrebbero aumentare la base imponibile sottoposta a tassazione e questo, di fatto, porterebbe le aziende ad evitare di erogare somme aggiuntive. Per ovviare a questo inconveniente, nell'arco degli anni, lo Stato ha emanato delle norme che consentono alle aziende e ai lavoratori di ottenere degli sgravi sulla contrattazione di secondo livello.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

MyINPS: cos'è e come si usa

Il progetto di ammodernamento e semplificazione dei servizi al cittadino ha spinto le amministrazioni comunali, le anagrafi, gli istituti scolastici ecc ecc, a migliorare in maniera evidente la comunicazione via web. Questa "ristrutturazione" virtuale...
Previdenza e Pensioni

Come recuperare il PIN INPS smarrito

Il pin Inps consiste in un codice segreto alfanumerico di 8 cifre, e consente l'accesso all’area riservata del sito INPS. Qui è possibile, dopo essersi autenticati, accedere a determinati servizi personali, come ad esempio il controllo del proprio...
Previdenza e Pensioni

Contributi INPS non versati: sanzioni e prescrizione

I contributi INPS si dovrebbero versare sempre rispettando i termini stabiliti. Le scadenze si basano sugli importi e sul tipo di attività che si esercita. Un mancato pagamento dei contributi pota inevitabilmente ad alcune sanzioni amministrative. L'INPS...
Previdenza e Pensioni

INPS: come chiedere l'estratto conto

L'estratto conto INPS è un elenco che annota e tiene conto di tutti contributi versati all'ente previdenziale in questione, da parte del lavoratore. In pratica in questo documento, per ogni lavoro svolto in ogni periodo della propria vita, sia esso in...
Previdenza e Pensioni

Come ottenere il Pin INPS dispositivo

L'INPS è un dispositivo atto alla gestione ed erogazione delle pensioni. L'iscrizione a questo ente è, pertanto, fondamentale, se si ha intenzione di versare i contributi che serviranno per la pensione. Ognuno ha un proprio account Pin INPS che, come...
Previdenza e Pensioni

Come iscriversi alla gestione separata dell'Inps

Una volta che si inizia un'attività come lavoratori parasubordinati oppure autonomi, occorre iscriversi alla denominata "Gestione Separata" dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, cioè INPS. Esso costituisce il fondo della pensione dove vengono...
Previdenza e Pensioni

ASPI: come presentare domanda all'INPS

La disoccupazione è purtroppo un problema estremamente diffuso nel nostro Paese. Grazie alla previdenza sociale è però possibile avere un aiuto in caso di disoccupazione involontaria. Dal 2013 l'INPS può concedere l'ASPI, ovvero il nuovo sussidio...
Previdenza e Pensioni

Indennità di accompagnamento: i criteri secondo INPS

Cos'è l’indennità di accompagnamento? Chi ha titolo per farne richiesta e quali criteri vengono adottati dall'INPS per vagliare le domande e garantire il sussidio agli aventi diritto? Proprio a queste domande troverete risposta nella guida a seguire....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.