Rendite perpetue: 5 cose da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo periodo dove la crisi ha ormai attanagliato quasi tutte le classi sociali si sente sempre più il bisogno di qualcosa che possa risollevare le nostre finanze così duramente messe alla prova. Le rendite perpetue possono essere un'ottima soluzione, ma in cosa consistono di preciso?
Qui sotto troverete 5 cose fondamentali da sapere su questo argomento.

27

Occorrente

  • attenzione
  • contanti o immobili
37

La rendita perpetua, regolata dagli articoli 1861/1871 del codice civile, è, come dice il nome stesso, la quota che un debitore deve corrispondere ad un creditore ed ai suoi eredi in modo perpetuo, in cambio di una cessione di un immobile ed in questo caso si parla di rendita fondiaria, o di un capitale, detta rendita semplice. In pratica il signor Mario può concedere al signor Paolo un bene immobile o una somma di denaro, e questi si impegna a corrispondere in modo perpetuo una cifra ipotetica di 150 euro all'anno dando il via così alla creazione di una rendita perpetua.

47

Importante informazione, da tenere sempre ben presente per il debitore, è che questi può redimere la rendita pagando il prezzo di riscatto, che viene calcolato in base alla capitalizzazione annua della rendita del suddetto bene in questione.

Continua la lettura
57

Nel caso in cui il debitore diventi insolvente si può procedere alla rescissione del contratto a meno che il bene in questione sia stato alienato ed l'acquirente sia disposto ad assumersi il debito. Molto spesso viene fatta confusione tra la rendita perpetua e la rendita vitalizia. Come dice il nome stesso la prima non è aleatoria e quindi non si estingue con la morte del beneficiario, mentre la seconda è aleatoria e si estingue con la morte del creditore. Ultimo ma non meno importante consiglio è quello relativo alle tassazioni, Le rendite perpetue come tutte le altre tipologie di rendite subiscono una tassazione pari al 27% come è stato stabilito dal Decreto Milleproroghe.

67

Anche se per legge la rendita perpetua è sempre redimibile, possono essere fissate delle condizioni particolari, come ad esempio l'indicare un lasso di tempo prima del quale non si possa procedere alla rescissione (che non può essere superiore ai 10 anni) o anche la condizione della morte del beneficiario prima della quale non si può interrompere il rapporto. Il codice prevede anche possa essere inserita una clausola in base al quale in debitore debba dare un preavviso per riscattare il bene, che non può però superare un anno. Il riscatto può essere anche forzoso se il debitore diventa insolvente, se è in mora da almeno due annualità o se sono venute meno le condizioni di garanzia promesse.

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come creare rendite passive

Quando si parla di rendite passive generalmente si intendono delle entrate di denaro che non necessitano di alcun tipo di lavoro se non uno superficiale ed eseguito saltuariamente. Questo tipo di introito economico rappresenta il sogno di moltissime persone...
Finanza Personale

Come sapere se un bonifico è arrivato

Se per un qualsiasi pagamento (fitto, perizie, consulenze via web etc) facciamo un bonifico bancario o dobbiamo riceverlo, ed intendiamo sapere se effettivamente è arrivato sul nostro conto corrente o su quello del destinatario, ci sono diverse possibilità....
Finanza Personale

Dichiarazione di successione: 5 cose da sapere

Per chi non ne fosse ancora a conoscenza, è importante sapere cosa sia di preciso una dichiarazione di successione. Spesso infatti si sente parlare di dichiarazione di successione, senza sapere in sostanza di cosa si tratti. Per non avere alcun dubbio...
Finanza Personale

Polizze assicurative a consumo: 5 cose da sapere

Se il premio assicurativo annuo della nostra auto ci risulta particolarmente oneroso, e non intendiamo correre il rischio di non poter fronteggiare la spesa annuale o semestrale per pagarlo, è importante sapere che si può sfruttare un tipo di polizza...
Finanza Personale

Come sapere se sei protestato

Il protesto può avvenire a causa del mancato pagamento di un effetto, di una cambiale oppure di un assegno. Se il titolo è regolare e viene presentato nei termini previsti per il pagamento, in mancanza del pagamento ne verrà elevato il protesto. I...
Finanza Personale

Azioni correlate: 5 cose da sapere

Il mondo della finanza è un mondo pieno di nozioni da sapere, trucchi e tecniche per poter avere successo e far crescere il proprio denaro o quello delle aziende per cui lavorate, cercando di farlo nella maniera più corretta possibile. Per riuscire...
Finanza Personale

Azioni a favore dei prestatori di lavoro: 5 cose da sapere

Il lavoro dipendente o lavoro subordinato è strettamente connesso a due figure: il prestatore di lavoro o dipendente e il datore di lavoro. Il dipendente cede il proprio lavoro al datore in cambio di un salario, settimanale o mensile come previsto per...
Finanza Personale

Fondi di garanzia: 5 cose da sapere

Prima di entrare nei dettagli, è doveroso spiegare cosa sono i fondi di garanzia. Si tratta di un fondo patrimoniale istituito dallo Stato italiano e gestito da Medio Credito Centrale Spa. Lo scopo dei fondi di garanzia è agevolare l'accesso al credito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.