Regole per il calcolo della pensione minima

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La pensione è una somma mensile corrisposta al lavoratore al raggiungimento dell'età pensionabile, quando cessa l'attività lavorativa e passa sotto il regime pensionistico erogato dall'INPS, l'ente nazionale previdenza sociale.
ub">Sopratutto in passato il calcolo della suddetta somma di denaro avveniva con il metodo retributivo misto a quello contributivo, mentre dal 1995 il modello utilizzato è quello contributivo: è per questo che chi abbia versato pochi contributi negli anni può vedersi riconoscere una pensione particolarmente bassa.
Ecco dunque le regole per il calcolo della pensione minima.

27

Reddito assoggettabile all'Irpef

Il primo, e più importante parametro per il calcolo della pensione minima o integrazione al minimo, è il reddito assoggettabile all'Irpef.
Questo parametro include tutti i redditi del soggetto o della coppia, ad esclusione delle eventuali pensioni di invalidità civile, rendite Inail, case di proprietà, trattamenti di famiglia, reddito della casa di abitazione, arretrati soggetti a tassazione separata, Tfr ossia il trattamento di fine rapporto e la stessa pensione da integrare al minimo.

37

Persone singole

Determinato il reddito assoggettabile all'Irpef, occorre valutare se il soggetto sia o meno sposato. La motivazione risiede in un cambio di regolamentazione relativo al calcolo della pensione minima: per i single la pensione minima spetterà interamente per chi dispone di redditi annui inferiori a 6.517,94 euro, che nel 2015 corrisponde a 502,39 euro.
Chi supera, invece, i 13.035,08 euro annui non avrà diritto ad alcuna integrazione, mentre al pensionato spetterà una integrazione parziale se i redditi annui sono ricompresi tra questi due valori.

Continua la lettura
47

Coppie sposate

Per le coppie sposate il calcolo si presenta differentemente: in questo caso infatti l'integrazione totale scatterà solo se il reddito annuo risulti essere inferiore a 19.553,82 euro e ne risulteranno quindi escluse tutte quelle con redditi oltre i 26.071,76 euro. Invece, come già precedentemente indicato, l'integrazione sarà parziale per la coppia che disponga di redditi ricompresi tra questi due valori.

57

Maggiorazioni sociali

Chi vive con la sola pensione può comunque ottenere, in casi prestabili dalla legge, una maggiorazione definita sociale: queste variano sulla base dell'età del pensionato. Ecco dunque che chi ha dai 60 ai 64 anni di età otterrà una quota aggiuntiva pari a 25,83 euro al mese, mentre dai 65 ai 69 anni l'aumento sarà di 82,64 euro mensili. Infine per gli over 70 l'integrazione sarà pari a 136,44 euro.
Tuttavia, al fine del conseguimento della maggiorazione sociale, valgono i limiti reddituali assoggettabili all'Irpef già analizzati precedentemente.

67

Somma ed importo aggiuntivo

L'ordinamento italiano riconosce ulteriori importi erogati una volta l'anno: tutti i pensionati che abbiano compiuto almeno 64 anni di età con redditi annui non superiori di una volta e mezza l'importo del trattamento minimo Inps, ossia 9.796,61 euro, avranno diritto ad un importo aggiuntivo nella misura variabile tra i 336 ed i 504 euro in base ai contributi versati, corrisposti nella mensilità di luglio, denominata in gergo "quattordicesima".
Altrimenti, ai pensionati il cui reddito annuo non superi i 6.531,07 euro, spetta una somma pari a 154,94 euro in aggiunta, corrisposta con la mensilità di dicembre.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione minima

Come tutti sappiamo ogni lavoratore che, nell'arco della sua attività lavorativa, ha versato i dovuti contributi, ha diritto alla pensione. Si tratta di una somma mensile, erogata direttamente dall'INPS. Va a sostituirsi alla retribuzione lavorativa...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione col sistema misto

Tutti sappiamo purtroppo che, negli ultimi anni, stiamo attraversando un periodo economico di grande difficoltà e caos che non riesce a mettere chiarezza nei tempi di pensionamento delle persone che hanno già raggiunto o che stanno già raggiungendo...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione Inps online

La pensione è il sussidio che viene erogato dall'INPS a tutti coloro che sono in possesso dei giusti requisiti. Al giorno d'oggi in Italia ci sono due tipi di pensione: la pensione di vecchiaia e la pensione anticipata. Per accedere alla pensione di...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione di un artigiano

La pensione è un trattamento previdenziale, vita natural durante, che percepisce un soggetto di natura fisica. La pensione nasce e si sviluppa in relazione ad un legame giuridico. Quest'ultimo si fonda su un contratto tra la persona fisica ed un ente...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione Inps

Dal primo maggio 2015 il sito dell'INPS ha introdotto uno strumento interessante per tutti coloro che vogliono sapere quando avverrà il proprio pensionamento e soprattutto a quanto ammonterà la pensione che riceveranno. Per effettuare questo calcolo...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare le trattenute sulla pensione

Quando si parla di pensione di anzianità, bisogna effettuare un calcolo periodico delle trattenute. Questo tipo di procedura si svolge in due casi. Il primo riguarda il superamento dei 7500 € annui per età fino ai 75 anni. Nel secondo caso, invece,...
Previdenza e Pensioni

Come e quando andare in pensione

Andare in pensione è uno dei traguardi più importanti per qualsiasi lavoratore che si avvicina alla terza età. In Italia, negli ultimi anni sono cambiate molte regole in materia di pensionamento: è stata aumentata l'età pensionabile fino a 67 anni...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione contributiva

La pensione contributiva è stata introdotta con la cosiddetta riforma Dini, legge n. 335 del 1995, insieme a successivi interventi legislativi n. 449 del 1997 e la successiva riforma Maroni del 2004. Questi interventi hanno cambiato profondamente il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.