Regole di disdetta di un affitto in cedolare secca

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un argomento piuttosto delicato su cui spesso nascono controversie è quello dei contratti di affitto. Al momento della stipula e della firma del contratto, il proprietario dell'appartamento e l'inquilino stabiliscono di comune accordo la durata del contratto d'affitto. Tale accordo deve essere in generale rispettato da entrambe le parti. Esistono però alcuni casi particolari in cui, con opportune clausole e regole, è possibile disdire anticipatamente il contratto da entrambe le parti. Vediamo in questa pratica ed utile guida le principali regole di disdetta di un affitto in cedolare secca.

26

Facoltà di recesso

La legge prevede che solo l'inquilino abbia la possibilità di poter recedere il contratto in qualsiasi momento. Si tratta in questo caso di recesso legale del conduttore e può essere richiesto sia nel caso di immobile destinati ad uso abitativo sia per esercizi commerciali anche prima della data di scadenza del primo contratto.

36

Recesso del proprietario

Per poter procedere al recesso di un contratto di affitto, il proprietario dell'immobile deve comunque attendere la prima scadenza del contratto e solo allora potrà inviare il preavviso. Il proprietario in questo caso è obbligato a restituire la caparra versato dall'inquilino, il quale dovrà però saldare l'affitto fino all'ultimo mese di permanenza nell'abitazione. Il contratto potrà essere recesso dal proprietario solo in particolari casi come la necessità di utilizzare l'immobile per coniugi o figli oppure in caso di vendita dell'immobile a persone terze.

Continua la lettura
46

Opportuno preavviso

In entrambi i casi, sia che il recesso provenga dal proprietario sia che sia voluto dall'inquilino, esso deve essere comunicato con un preavviso di almeno sei mesi dalla data in cui si vuole liberare l'abitazione. Questa regola vale anche nel caso si tratti di un contratto di natura transitoria.

56

Modalità di comunicazione

La richiesta di recesso, oltre all'opportuno preavviso, presenta modalità di comunicazione precise. Essa va inviata in formato scritto mediante una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. In essa dovranno essere presenti: i dati anagrafici del conduttore, la richiesta di recesso, le motivazione alla base di tale richiesta e le modalità ed i tempi per liberare l'appartamento.

66

Tassa di recesso

La legge preveda, in caso di recesso del contratto da una delle due parti, una tassa di recesso. Essa è solitamente pari a 67 euro e va saldata all'agenzia delle entrate. Solitamente tale spesa viene ripartita tra il proprietario e l'inquilino salvo casi di diverso accordo tra le parti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Coworking: le principali regole di convivenza

Se siete al passo con i tempi e vi piace documentarvi ed essere sempre aggiornati, sicuramente avrete sentito parlare di coworking: il coworking è una modalità lavorativa in cui un unico ambiente di lavoro viene suddiviso ed utilizzato da più professionisti,...
Lavoro e Carriera

5 regole da rispettare il primo giorno di lavoro

Il primo giorno di lavoro è sempre un giorno importante, soprattutto quando si tratta del primo lavoro, dopo la carriera di studio, oppure di un lavoro nuovo, in seguito ad un grande cambiamento di vita. Il primo giorno di lavoro, però, oltre ad essere...
Lavoro e Carriera

10 regole per creare una start up vincente

Cosa bisogna fare per dare vita ad una start up di assoluto livello? In un settore così ampio, agire al meglio non è così semplice. Chi si cimenta in questo ambito deve conoscere una serie di norme fondamentali. Non si può lavorare come imprenditore...
Lavoro e Carriera

5 regole per il calcolo del costo di un progetto

Quando si stila un progetto bisogna tener conto di moltissime cose prima di determinare il costo finale. Indipendentemente dal progetto, quindi, colui che lo redige deve prestare molta attenzione a calcolare tutto l'occorrente per poter determinare l'importo...
Lavoro e Carriera

10 regole per scrivere il perfetto CV

Un buon Curriculum Vitae si nota subito al primo colpo d'occhio. Chi riesce, infatti, a redigere un CV in modo logico, chiaro e organizzato è già sulla buona strada per ottenere un colloquio conoscitivo. Qui di seguito, pertanto, vi mostrerò le 10...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

10 regole per la sicurezza sul lavoro

Svolgere il proprio lavoro nella totale sicurezza è fondamentale. Proprio per questo motivo esistono delle regole basilari he devono essere rispettate da tutti i lavoratori. Queste regole devono essere sempre perseguite, rispettate e devono essere svolti...
Lavoro e Carriera

10 regole per lavorare al computer

Viviamo nel secolo della tecnologia, nel secolo in cui i bambini appena nati ragionano a linguaggi binari e gli anziani hanno anche loro uno smartphone e postano immagini sui social network. In un era come la nostra si impara prima ad usare il computer...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.