Ravvedimento operoso lungo: 5 cose da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il ravvedimento operoso è una possibilità, messa a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, per consentire a chiunque non abbia pagato le dovute tasse entro il tempo stabilito di rimediare. Si può quindi effettuare il pagamento in ritardo, pagando un interesse basato sul tempo trascorso e sugli eventuali avvisi o cartelle ricevuti. In questo modo, si ha la possibilità di rimediare a errori o dimenticanze senza dover pagare ulteriori sanzioni, conseguenti all'intervento del Fisco, che ammontano al 30% dell'importo dovuto. In base al tempo trascorso dal termine ultimo di pagamento, il ravvedimento operoso può essere classificato in sprint, breve e lungo. Scopriamo 5 cose da sapere su quest'ultimo tipo di ravvedimento operoso.

26

Dopo quanto può essere definito "lungo"

Il ravvedimento operoso si dice "lungo" quando il contribuente salda il suo debito con l'Agenzia delle Entrate entro un anno dal termine ultimo di pagamento. In questo caso, si applica una sanzione del 3,75%. Tuttavia, la legge di Stabilità 2015 ha introdotto importanti novità per quanto riguarda il ravvedimento operoso lungo. Oggi infatti è possibile "ravvedersi" anche se sono passati più di due anni, pagando una sanzione pari al 5% (in questo caso si parla di ravvedimento "lunghissimo"). Se il ravvedimento avviene invece in un periodo superiore ad un anno ma inferiore ai due anni, la sanzione sarà del 4,2%.

36

Cosa succede se arrivano avviso bonario e cartella esattoriale

Solitamente, dopo circa un anno dal mancato pagamento, il contribuente riceve un "avviso bonario": un comunicato dell'Agenzia delle Entrate che lo informa che si stanno effettuando dei controlli sulla sua dichiarazione dei redditi. Se ricevete quest'avviso, anche se rientrate comunque nei tempi del ravvedimento operoso lungo, la sanzione che dovrete pagare per mettervi in regola ammonta al 10% del totale. Se non risponderete all'avviso bonario, ad esso seguirà la cartella esattoriale. In questo caso, dovrete pagare un'imposta del 30%.

Continua la lettura
46

Quali sono le novità del 2015

Con la legge di Stabilità del 2015, non solo è stata aggiunta la possibilità di effettuare il ravvedimento operoso lungo anche oltre i due anni, ma il ricorso al ravvedimento è stato ampliato anche ai contribuenti che erano già oggetto di ispezioni e verifiche. Ora infatti il ravvedimento non può avvenire solo se è già stato inviato l'avviso bonario.

56

Come fare il versamento

Il versamento delle imposte e delle sanzioni previste dal ravvedimento operoso lungo può essere effettuato solo contestualmente. Non è infatti possibile pagare prima il nostro debito e poi saldare gli "interessi" dovuti all'Agenzia delle Entrate. Per il versamento si possono utilizzare i moduli F24 e F23.

66

Quando scegliere il ravvedimento operoso lungo

Il ravvedimento operoso lungo presenta sicuramente il vantaggio di evitarci di dover pagare sanzioni maggiori, ma comprende anche degli svantaggi. Abbiamo già visto infatti che il pagamento può avvenire con un'unica rata. Che fare quindi se non abbiamo la liquidità necessaria? In questo caso, potremmo aspettare di ricevere l'avviso bonario. Pagheremmo infatti una sanzione del 10%, ma avremmo la possibilità di rateizzare l'importo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Azioni di godimento: 5 cose da sapere

Un'azione, è un sostantivo che indica tantissime cose. In campo finanziario, però, un'azione indica un'accezione di una parte o di una quota di una determinata società. Colui che acquista un'azione, e quindi la possiede, è detto azionista. Per essere...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sull'IRAP

L'IRAP è l' Imposta regionale sulle attività produttive. Essa viene introdotta nel nostro ordinamento con il decreto legislativo del 15 dicembre del 1997. In cambiamento di numerosi altri tributi allo scopo di avviare una prima forma di "federalismo...
Aziende e Imprese

Deduzione spese di rappresentanza per un professionista: 5 cose da sapere

Il concetto di spese di rappresentanza è stato introdotto nel 1998 dalla Agenzia delle Entrate e, più precisamente, dalla Risoluzione n. 148. In essa viene esplicato in cosa esse consistono, quali spese effettive possono rientrare entro questa dicitura...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sul franchising nella ristorazione

Se abbiamo deciso di aprire un'attività commerciale ed in particolare nel settore della ristorazione e vogliamo affidarci ad un franchising, ci sono alcuni importanti aspetti da valutare prima di decidere quale marchio scegliere. A tale proposito nei...
Aziende e Imprese

10 cose da sapere sulle società di persone

In generale le società di persone definite in quanto tali perché prevalgono i soci. Generalmente sono amministrate dagli stessi soci o da un amministratore che ha il dovere di informare i soci su tutti i cambiamenti e gli sviluppi della società.  Vediamo...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sul conto patrimoniale

Il conto patrimoniale, più comunemente chiamato stato patrimoniale, è uno dei documenti contabili che compongono il bilancio d'esercizio, insieme al conto economico ed alla nota integrativa. Il conto patrimoniale definisce la situazione patrimoniale...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sul Web Marketing

Se decidete di intraprendere una nuova attività, tuffandovi nel mondo del web e nello specifico nel settore del marketing, è importante sapere che per ottimizzare il risultato, ci sono alcuni punti base su cui conviene focalizzarvi; infatti, ci sono...
Aziende e Imprese

5 cose da sapere sull'IVA

In quest'epoca di crisi finanziaria, i cittadini prestano più attenzione alle questioni fiscali. Abbiamo oramai una certa familiarità con termini quali IRPEF, TASI e non ultima IVA. Sono tutti acronimi di imposte con le quali facciamo i conti quotidianamente....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.