Professionisti: cos'è il Pos e come funziona

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le nuove leggi, datate 2014, che regolano i pagamenti negli esercenti pubblici, impongono i liberi professionisti e gli artigiani a munirsi della tecnologia Pos (Point of Sale), ovvero l'apparecchio che permette di fare transazioni per via telematica. L'obbligo, scattato il 30 giugno, riguarda i pagamenti dai 30 euro in su. Questo affinché i clienti possano pagare mediante la propria carta di credito, di debito o con un bancomat, attingendo direttamente dal proprio conto bancario o postale senza utilizzare le banconote. Molti di noi hanno già da tempo l'abitudine di pagare con questo sistema: sono infatti numerosi i negozi muniti di Pos, mentre una grossa fetta di esercizi commerciali si sta organizzando per essere a norma di legge. Dal momento che sono ancora in tanti ad avere molti dubbi sul pagamento elettronico, ho studiato questa guida per fornirvi alcune basilari nozioni utili per pagare in tutta sicurezza capendo cos'è e come funziona il Pos.

26

Occorrente

  • Linea telefonica, pos, conto bancario (per gli esercenti)
  • Carta di credito, pin, documento d'identità (per i pagatori)
36

Con l'utilizzo del Pos diminuisce notevolmente la circolazione del denaro in contanti, il rischio di rapine e si paga velocemente ed in tutta sicurezza. Un altro vantaggio per tutti è quello della tracciabilità delle spese, in modo tale da limitare l'evasione fiscale. L'esercente che decide di munirsi di pos non ha, normalmente, costi d'installazione, deve però essere in possesso di una linea telefonica per poterlo collegare al centro autorizzato.

46

Al di là della semplice installazione, è d'obbligo pagare un canone mensile, che risulta essere, indicativamente, di circa 15 euro, al quale vanno aggiunti l'iva e le commissioni per ogni transazione effettuata; queste ultime ammontano da un minimo di 0,50% ad un massimo di 1,30% in relazione ai circuiti bancari utilizzati. Sul tema dei costi di gestione per i commercianti vi sono, infatti, numerose polemiche: molti ritengono che un metodo di pagamento così all'avanguardia, ormai diffuso in tutto il mondo, debba essere esente da costi di gestione.

Continua la lettura
56

Relativamente al pagamento da parte dei clienti, questi ultimi devono essere in possesso del pin della carta o del bancomat, ed accertarsi di possedere un conto con sufficiente disponibilità di denaro; si raccomanda inoltre di portare sempre con sé un documento d'identità valido per dimostrare di essere gli effettivi possessori del conto. Al momento della riscossione verrà richiesta la carta. Quest'ultima andrà inserita nell'apposita fessura del Pos e, una volta stabilito il collegamento con la banca verrà richiesto di digitare il codice segreto e di digitare 'invio'. Alla fine della transazione il Pos emetterà un doppio scontrino: uno resterà all'esercente e dovrà essere firmato dal titolare della carta di credito, mentre la copia verrà custodita da colui che ha effettuato il pagamento come semplice promemoria.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Cos'è e come funziona il recupero crediti

Nella società odierna siamo abituati a mantenere un tenore di vita piuttosto alto, permettendoci lussi a volta al di fuori delle nostre reali possibilità economiche; può anche capitare di investire in beni materiali quando si gode di una buona situazione...
Aziende e Imprese

Il Fundraising: cos'è e come funziona

Il fundraising nasce in Europa ma, sin da subito, si sviluppa negli Stati Uniti grazie, soprattutto, all'azione di Henry Rosso. Quest'ultimo è conosciuto per essere il fondatore della prima scuola al mondo di fundraising ed ha descritto questo tipo di...
Aziende e Imprese

Trading di opzioni binarie: cos'è e come funziona

Probabilmente molti di voi avranno sentito parlare del cosiddetto "trading binario" nell'ambito della borsa, ma cos'è effettivamente? E, soprattutto, come funziona? In questa breve e semplice guida, andremo alla scoperta del trading di opzioni binarie:...
Aziende e Imprese

Insider trading: cos'è e come funziona

Da quando esistono attività commerciali, industriali e/o comunque legate alla produzione di beni e servizi esiste la concorrenza: essa può essere leale ad esempio, sviluppando idee innovative o migliorando un certo tipo di bene (o servizio) o utilizzando...
Aziende e Imprese

Cos'è e come funziona il social media marketing

Nell'era digitale in cui viviamo, caratterizzata dall'uso smodato di social network e dalla diffusione di dispositivi portatili sempre connessi ad Internet, come smartphone e tablet, era inevitabile che si venisse a creare un nuovo modo di fare pubblicità,...
Aziende e Imprese

Cos'è il macro-ambiente di un'azienda

Carissimi lettori, nella guida che avrete la possibilità di leggere, andremo a parlare di aziende, occupandoci di spiegare un concetto particolare: che cos'è il macro-ambiente di un'azienda.Cercheremo di offrirvi una risposta semplice, sintetica, ma...
Aziende e Imprese

Split payment: cos'è, quando scade e come si paga l'Iva

Ormai da sei mesi è stato introdotto in Italia lo Split Payment, detto anche "scissione dei pagamenti".  Cercheremo ora di capire cos'è e cosa comporta. Come si paga, quando scade e che rapporto ha con l'Iva.  Una breve guida adatta a tutti coloro...
Aziende e Imprese

Che cos'è il welfare aziendale

Il welfare aziendale mette in luce chiaramente il cambiamento avvenuto nel mondo del lavoro e soprattutto nelle condizioni del lavoratore. Questo cambiamento inzialmente ha preso piede nelle Multinazionali e ora, pian piano, si sta espando a macchia d'olio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.