Plusvalenze: quando comprare azioni

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

La plusvalenza o capital gain, ossia il guadagno in conto capitale, è il termine con il quale viene indicata la differenza tra il costo dell'acquisto e quello di vendita delle azioni, delle obbligazioni o di un qualsiasi altro strumento finanziario. Secondo un ragionamento logico, un investitore dovrebbe acquistare le azioni quando il loro prezzo è relativamente basso, per poi rivenderle una volta che queste saranno aumentate di valore. Possiamo fare qualche semplice esempio per comprendere al meglio certe dinamiche finanziarie. Innanzitutto, ipotizziamo di avere proceduto all'acquisto di 100 azioni al prezzo unitario di 15 €. Se dopo un anno, il prezzo è salito a 20 €, il proprio investimento ammonterà a 2000 € con un guadagno di ben 500 €. Se fosse così semplice guadagnare mediante l’acquisto di vari strumenti finanziari, certamente ognuno di noi lo farebbe. Sfortunatamente nessuno è in grado di prevedere quando le azioni raggiungeranno il loro valore più basso possibile, ossia il “minimo storico”. Se il valore di un’azione è in rapida discesa, risulta essere molto difficile prevedere che in un determinato giorno la stessa azione fermerà il suo processo di ribasso, per poi iniziare ad aumentare di valore. D’altro canto, acquistare un titolo quando il suo valore tende a crescere in maniera esponenziale non rappresenta nemmeno una soluzione ideale. Una volta che viene stabilito il capitale da investire in borsa, il settore nel quale occorre effettuare un investimento, e dopo aver svolto una breve ricerca e selezionato il titolo, è necessario tenere in considerazione del fattore temporale. Pertanto, occorre cogliere l’attimo giusto ed opportuno per acquistare le azioni. In questa guida, pertanto, vedremo come fare tutto questo. Quindi, ci occuperemo di spiegare come funziona il meccanismo delle plusvalenze, e quando è consigliato comprare le azioni.

24

La prima domanda che ci poniamo è se, osservando il grafico di un titolo, si può riscontrare se ha raggiunto il suo valore più elevato in assoluto (ossia il cosiddetto massimo storico). Il metodo migliore o la strategia sicuramente più appropriata per stabilire questo, è quella di acquisire il titolo azionario subito dopo che il suo valore (ossia il prezzo di vendita) ha raggiunto il valore “massimo”, per poi calare nuovamente. Un'altra domanda che ci poniamo riguarda la motivazione che ci dovrebbe fare agire in questo modo. Il motivo è più semplice di quanto possa sembrare. Quando il livello di prezzo di un titolo azionario raggiunge la “soglia massima”, gli investitori medi che hanno acquistato i titoli ad un prezzo vantaggioso e vogliono trarre un proprio tornaconto economico, sono portati a ritenere che il valore dei titoli possa scendere, pertanto le vendono. Viene, ovviamente, da chiedersi se è quello il momento migliore per far tutto ciò. Generalmente le azioni che raggiungono i massimi livelli storici, quasi immediatamente scendono leggermente, dal momento che ci sono investitori che l'hanno ad un prezzo relativamente basso, e tendono quasi subito a fare fruttare il proprio investimento.

34

A questo punto, possiamo darvi il consiglio di aspettare con tranquillità che le azioni o l'intero indice di borsa, concluda la sua brava "planata", non acquistando fino a quando non si notano dei chiari segnali di inversione di marcia. Altre domande che si chiedono i meno esperti del settore finanziario sono se la borsa apre in rialzo, e se i movimenti aumentano e le percentuali fanno la medesima cosa. Praticamente, è in questa fase che è necessario cogliere l'attimo. Il titolo è in rialzo sin dall'apertura, il libro ordini (book) mostra dei movimenti d’acquisto frenetici, ed è buona regola fare la propria offerta, dal momento che potrebbe rappresentare un vero e proprio affare. Ovviamente, il condizionale è sempre d'obbligo in questi casi..

Continua la lettura
44

Occorre tenere ben presente che ogni singola operazione di acquisto o di vendita implica dei costi inerenti alle spese di commissioni. Per questa ragione è necessario non comprare e vendere di continuo e con brevi scarti di valore, in quanto il proprio piccolo profitto potrebbe diminuire in modo considerevole, se non scomparire del tutto. È consigliabile, pertanto, non avere alcuna premura. Questo rappresenta uno degli errori più comuni e frequenti dei principianti. Inoltre, non occorre essere eccessivamente cauti, altrimenti la borsa non fa al caso vostro. Un ultimo suggerimento che vi diamo, in tema di acquisti, è che non appena è stato effettuato il proprio investimento, occorre calcolare il tetto massimo di perdita che si è disposti a subire (ad esempio -6%), per poi correre a mettere un ordine di stop loss (cioè “stop alla perdita”). In questa maniera se, dopo aver effettuato l’acquisto, il valore dei titoli dovesse subire una forte diminuzione, scatterebbe automaticamente il proprio ordine di vendita che limiterebbe una potenziale perdita riscontrata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come comprare azioni online

Le azioni sono titoli che rappresentano di fatto una quota di possesso di una società; possono essere comprate dagli investitori, garantendo, in caso di scelta oculata, buoni guadagni. Le azioni possono essere acquistate presso uno sportello bancario,...
Finanza Personale

Consigli per comprare azioni in borsa

Si dice "giocare in borsa" proprio perché comprare azioni è un atto a rischio, che può determinare future soddisfazioni, ma che può contestualmente essere pericoloso per le somme di danaro che abbiamo scelto di investire. Per cui, al fine di evitare...
Finanza Personale

Come comprare azioni Facebook

Facebook consiste in un rinomato social network. Mark Zuckerberg è il nome che spicca in mezzo al gruppo di universitari che ha realizzato questa piattaforma, a Cambridge (Stati Uniti d'America) nel 2004. Facebook ha spinto qualsiasi tipo di comunicazione...
Finanza Personale

Plusvalenze da opzioni binarie: il regime fiscale

Nella seguente guida si parlerà di plusvalenze da opzioni binarie e quindi del regime fiscale. L'ambito interessato è quello dell'investimento in relazione ai risultati ottenuti da specifiche tecniche di ingegneria finanziaria avanzata. Quando si parla...
Finanza Personale

Come acquistare azioni di una banca

Avrete sicuramente sentito parlare, almeno una volta, di acquisto e vendita dei titoli bancari e finanziari. Infatti, questa cosa, va ormai avanti da anni, ma solo negli ultimi tempi, sta prendendo piede, soprattutto in Italia, ma c'è da dire che non...
Finanza Personale

Azioni postergate: 5 cose da sapere

Esistono molteplici tipi di investimenti, giochi di borsa e azioni, ma l'obiettivo è sempre cercare l'investimento migliore e più sicuro, per questo ci sono consigli per ogni campo. Oggi vediamo uno di questi settori, per la precisione le azioni postergate....
Finanza Personale

Azioni a voto limitato: 5 cose da sapere

Il mondo della finanza è ricco di insidie e trappole. Se non si posseggono le giuste conoscenze può rappresentare una giungla. Dalla quale, ahimè, è difficile venirne fuori indenni. In questa guida vedremo un particolare e specifico prodotto azionario....
Finanza Personale

Differenze tra azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio

Se la quota di azioni possedute è rilevante si hanno dei diritti che possono riguardare perfino l'amministrazione ma ci sono anche delle note negative come la divisione di eventuali perdite. Esistono tre tipi di azioni che si possono considerare, quindi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.