Partita IVA: quando e come aprirla

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si parla di "Partita IVA", si fa riferimento ad una sequenza di numeri che permette di identificare un qualunque oggetto fiscale presente nei paesi dell'Unione Europea. In Italia il codice corrispondente alla partita IVA si compone di 11 cifre. I numeri che vanno dal primo al settimo riguardano il soggetto a cui si intesta la partita IVA. Questa porzione di codice viene assegnata dall'ufficio provinciale di competenza. Le cifre che vanno dall'ottava alla decima consentono di individuare l'ufficio provinciale. Infine, l'ultima cifra viene sviluppata con un particolare algoritmo ed è un numero di controllo. Nei passi successivi ci occuperemo nello specifico di quando e come aprire la Partita IVA.

27

Occorrente

  • Moduli per la richiesta di apertura della partita IVA
  • Impiego lavorativo che richieda l'apertura della partita IVA
37

Chi può aprire la partita IVA

Coloro che lavorano in qualità di dipendenti per una specifica azienda possono aprire la Partita IVA. Questo codice serve a tutte le persone che svolgono la propria attività organizzandosi in maniera più o meno complessa. Senza organizzazione, dunque, non può esserci Partita IVA. Nel caso in cui desiderassimo mettere in vendita degli oggetti che ci appartengono, allora non avremo bisogno di aprirla. Anche un lavoratore occasionale che superi i 30 giorni lavorativi oppure i 5000 euro annui fa eccezione per quanto riguarda l'apertura della Partita IVA.

47

Quali sono i costi relativi all'apertura della partita IVA

Se vogliamo aprire una Partita IVA, questa nostra iniziativa prevede dei costi. Il lavoratore occasionale gode dell'esenzione proprio perché non può garantire pagamenti periodici in maniera continuativa. I costi legati alla Partita IVA prevedono il pagamento dell'IRPEF, l'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche, e dell'IRAP, ossia l'Imposta Regionale Attività Produttive. Quest'ultima si può stimare in circa il 4,25% della differenza tra compensi e costi. La Partita IVA non comporta solamente delle spese. Essa ci consente di detrarre determinati costi dal reddito professionale e di scaricare l'IVA su molti acquisti correlati al nostro lavoro.

Continua la lettura
57

Quando aprire la partita IVA e quale modulo compilare

In genere, l'apertura di una Partita IVA è molto semplice e non comporta costi per l'azione in sé. Dovremo pagare una parcella soltanto nel caso in cui ci dovessimo rivolgere ad un commercialista. Trattandosi di un libero professionista, egli deve ricevere un compenso per le sue prestazioni lavorative. Per evitare questo tipo di spesa, ci basterà aprire la Partita IVA in completa autonomia. Innanzitutto dovremo comunicare l'inizio della nostra attività all'Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dall'avvio del nostro lavoro. Andremo perciò a compilare il modello AA9/7 o il modello AA7/7. Il primo ci servirà se siamo lavoratori autonomi, mentre il secondo vale per le società. La Modulistica si può reperire direttamente su Internet. Inoltre, per aprire la Partita IVA dovremo individuare il "codice ATECO" che identifica la nostra attività e il tipo di regime contabile a cui dovremo sottostare.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informiamoci sui pro e i contro della Partita IVA.
  • Scarichiamo la modulistica adeguata in base alla nostra condizione lavorativa.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come mettersi in regola senza aprire la partita IVA

Da qualche anno a questa arte, la prestazione occasionale è diventata estremamente richiesta ed esercitata da moltissime persone, molte delle quali la effettuano come secondo lavoro per arrotondare il proprio stipendio. Per prestazione occasionale si...
Finanza Personale

Come funziona la cessione del credito IVA

La cessione del credito IVA è una specifica direttiva proposta dal Ministero delle Finanze, che prevede la possibilità da parte di un soggetto lavoratore di trasferire il suo credito ad un altro individuo secondo delle modalità ben precise. In genere,...
Finanza Personale

Come compilare la dichiarazione IVA

Tra gli argomenti più ostici e meno facili da capire ed interpretare c'è sicuramente quello che riguardo il sistema tributario, in merito a ciò infatti abbiamo pensato di realizzare questa guida per spiegare come compilare la dichiarazione Iva. Essa...
Finanza Personale

Come scorporare l'iva

L'imposta sul valore aggiunto, meglio conosciuta come IVA, è la tassa di tipo indiretto che rappresenta la più grande fonte delle entrate dello Stato. Viene applicata ai beni e ai servizi di cui si usufruisce giorno dopo giorno. Tramite alcune semplici...
Finanza Personale

Come chiedere il rimborso dell´IVA a credito

Dal 2015 sono cambiati alcuni dettagli legati ai limiti, alle condizioni e ai requisiti per richiedere il rimborso del'IVA a credito. Le novità introdotte sono state moltissime, soprattutto dal punto di vista della procedura per ottenerne il rimborso....
Finanza Personale

Come Calcolare Importo della Merce senza IVA

Quando si apre un'attività commerciale, la cosa più importante da sapere è quanto si spenderà per la merce che dovrà essere poi venduta. Purtroppo l'IVA è arrivata ad una percentuale molto alta e questo fa si che i prezzi lievitino parecchi. Per...
Finanza Personale

Come applicare l'IVA

In questa guida vedremo come applicare l'IVA. Per l'applicazione dell'Iva sono dunque necessari tre presupposti ovvero l'oggetto, il presupposto soggettivo e quello territoriale. Va tenuto presente che l'I. V. A. Ossia imposta sul valore aggiunto, rappresenta...
Finanza Personale

Come Fatturare con ritenuta d'acconto

Chi offre prestazioni di lavoro occasionali, per delle competenze tecnico-pratiche che possiede, può ora fatturare con ritenuta d'acconto senza però essere costretto ad aprire una posizione i. V. A.. Infatti per chi non svolge attività a fini di lucro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.