Mutui: 5 buone ragioni per scegliere il tasso variabile

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel momento in cui è necessario stipulare un contratto di mutuo, molte persone si chiedono quale sia l'opzione maggiormente conveniente in tema di tasso d'interesse, ovvero se conviene scegliere il tasso variabile o al contrario quello fisso. Come vedremo dunque, questa guida nasce con l'intento di fornirvi una serie di informazioni utili che vi consentiranno di effettuare la scelta giusta per voi e per le vostre finanze, soprattutto in tema di mutui. Se siete interessati seguite con attenzione i suggerimenti di seguito, vi indicherò 5 buone ragioni per scegliere il tasso d'interesse variabile.

26

Una rata più bassa

Ecco la prima importante motivazione per scegliere un tasso d'interesse variabile: avere una rata del mutuo più bassa. È piuttosto risaputo infatti che i finanziamenti a tasso variabile sono decisamente meno onerosi rispetto a quelli a tasso fisso (la percentuale d'interessi che andrà a pagare il soggetto sarà inferiore, proprio perché fin dall'inizio il titolare si accolla il rischio che la rata possa scendere o aumentare, in base all'andamento finanziario del tasso d'interesse).

36

Una riduzione del tasso d'interesse

Ecco un ulteriore e importante vantaggio del tasso variabile: la possibilità di avere una riduzione del tasso d'interesse. Tenete conto infatti, che se abbiamo stipulato un contratto di mutuo a tasso fisso, la rata da corrispondere alla controparte rimarrà perfettamente uguale anche nel caso in cui il valore del tasso d'interesse dovesse scendere. Scegliendo un finanziamento a tasso variabile invece, potremmo naturalmente avvantaggiarci di questa discesa, pagando una rata più bassa (con un notevole risparmio economico).

Continua la lettura
46

Un tasso d'interesse basso

La possibilità di mantenere un tasso d'interesse basso può essere considerato indubbiamente un grande vantaggio economico. In questo momento infatti, il valore del tasso d'interesse è ad un livello decisamente basso (peraltro la stessa banca europea ha manifestato la volontà di continuare a mantenerlo basso per diverso tempo), ecco perché il soggetto dovrebbe scegliere il tasso d'interesse variabile, perché la politica attualmente condotta dalla banca centrale europea non permette al tasso d'interesse di salire in maniera vertiginosa.

56

Un tetto massimo d'interessi

La scelta di un contratto di mutuo con un opzione CAP inoltre, consente di stabilire un tetto massimo d'interessi, in modo che l'importo della rata e dunque della prestazione che dovete pagare, non potrà mai sforare la soglia d'interesse concordata (anche qualora i tassi dovessero aumentare, l'importo economico non supererà mai la soglia definita inizialmente). Si tratta come vedete, di un vantaggio decisamente importante.

66

Una chiusura del mutuo prima del previsto

Ecco l'ultimo vantaggio che presenta il tasso d'interesse variabile: la possibilità di chiudere il mutuo prima del previsto. Anche se si sceglie un mutuo con tasso variabile infatti, il soggetto può concordare con la banca che l'importo delle rate rimanga costante (in modo che l'aumentare del tasso non influisca sull'importo della rata, ma semplicemente sulla durata del vostro finanziamento). In questo modo, in base alle vostre possibilità, potreste riuscire a saldare il mutuo qualche mese prima del previsto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Mutuo: pro e contro del tasso variabile

Quando ci troviamo a comprare casa, molte volte siamo costretti a ricorrere ad un prestito fornito in genere da una banca che prende il nome di mutuo. Il tasso che normalmente viene applicato ad un mutuo rappresenta un elemento molto importante da tenere...
Case e Mutui

Come calcolare la rata del mutuo a tasso variabile

Voglia di comprare casa? Se il tuo sogno è proprio questo, ecco una guida che fa per te. Leggendola scoprirai come calcolare la rata del mutuo a tasso variabile. Chi vuole acquistare un immobile, infatti, ha sempre un quesito da risolvere. È meglio...
Case e Mutui

5 motivi per preferire un mutuo a tasso fisso

All'interno della presente guida andremo a parlare di mutui. Lo faremo, nello specifico, per comprendere quali siano i 5 motivi principali che potrebbero farci preferire un mutuo a tasso fisso.Struttureremo questa guida in 6 passi differenti, compreso...
Case e Mutui

Come cambiare il tasso del tuo mutuo

Può succedere che molte volte il tasso del mutuo sia troppo oneroso per chi lo sta pagando e ci sia necessità di cambiarlo, specie in periodi come questo caratterizzati da crisi economica che ha colpito in particolare le famiglie. Proprio queste ultime...
Case e Mutui

Mutui: quale scegliere?

Molto spesso, soprattutto a causa della crisi economica, le persone fanno affidamento ai mutui. In poche parole quando non si hanno tante disponibilità economiche, il soggetto per far fronte ad una determinata spesa (acquisto di casa, ristrutturazione...
Case e Mutui

5 cose da sapere sul mutuo a tasso fisso

Quando si richiede un mutuo, oltre a negoziare con la banca, per un cliente è importante sapere o ancora meglio farsi spiegare prima o durante la concessione del mutuo cosa sia un mutuo a tasso fisso o a tasso variabile. Per chiarirvi le idee in merito...
Case e Mutui

Come calcolare il tasso d'interesse di un mutuo

Uno dei fattori principali da considerare prima di chiedere l'erogazione di un mutuo è il tasso d'interesse: esso rappresenta l'importo aggiuntivo che il cliente deve versare alla banca. Il calcolo del tasso di interesse è influenzato molto dalle dimensioni...
Case e Mutui

Come calcolare la rata del mutuo a tasso fisso

Al giorno d'oggi è molto difficile ottenere un mutuo da una banca, soprattutto per i giovani. Questi, data la crisi che riguarda il mondo del lavoro, non sempre possiedono i requisiti richiesti. Una banca, infatti, concede il mutuo esclusivamente a chi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.