Motivi per rifiutare un'offerta di lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Di questi tempi di crisi un lavoro è un'opportunità che non ci si può far scappare. Mentre la disoccupazione aumenta, resistono alcuni impieghi per cui si assume ancora. Molti riguardano lavori che non sono più in voga dagli anni ottanta, come l'agricoltore, che a causa della crescita tecnologica hanno fatto posto a lavori d'ufficio nelle grandi città. Nonostante possa essere una scelta poco condivisibile, ci sono dei motivi per rifiutare un'offerta di lavoro ed in questa guida vedremo quali possono essere.

26

Carico di lavoro eccessivo

Il primo buon motivo per non accettare un'offerta di lavoro è sicuramente il compenso sproporzionato al carico di lavoro. Spesso infatti, i lavori proposti, sono lavori sottopagati e faticosi. Tipico esempio di questa situazione è rappresentato dal lavoro di manovalanza in frutteti o in pieno campo, dove viene richiesto di lavorare sotto il sole, spesso per una paga da fame.

36

Ambiente di lavoro insalubre

Il secondo motivo è legato all'ambiente di lavoro. Sebbene per legge tutti lavori devono essere svolti in piena sicurezza, ci sono situazioni in cui queste norme non vengono rispettate, o le misure proposte sono insufficienti. Lavori in acciaierie o in miniera possono portare a patologie invalidanti, a carico del sistema respiratorio. Anche un semplice lavoro d'ufficio in un ambiente stressante, può essere allo stesso modo rischioso per la propria salute. Non vale la pena di rinunciare a questo bene prezioso per soldi.

Continua la lettura
46

Posto di lavoro troppo lontano

Il terzo buon motivo riguarda la locazione del posto di lavoro. Se il luogo da raggiungere è eccessivamente lontano dovrete ben ponderare se convenga o meno, una volta sottratte le spese e il tempo per raggiungerlo, accettare quel lavoro o sceglierne un altro dallo stipendio più basso, ma con costi minori.

56

Toglie troppo tempo alla famiglia

Il quarto motivo riguarda gli affetti. Lavorare è necessario per garantire il sostentamento al proprio nucleo familiare, ma è allo stesso modo importante godere ed essere presenti per ciò che si è costruito. Essere presenti per il proprio partner o essere la guida per i propri figli, insegnando valori e civiltà è il primo passo per creare una società migliore e per avere una vita felice e soddisfacente. Quindi, se il vostro lavoro vi porta via troppo tempo, forse è meglio sceglierne uno dal salario minore, ma che vi permetta di vivere la vita.

66

Datore di lavoro poco professionale

Il quinto motivo riguarda il datore di lavoro. Se in sede di colloquio vi siete accorti che il vostro futuro datore di lavoro si comporta in modo poco professionale, invadendo il vostro spazio personale o prendendosi un po' troppe confidenze, è meglio ponderare bene se accettare il lavoro proposto o meno, per non trovarvi in situazioni scomode una volta assunti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Le 5 domande più temute nei colloqui

Il colloquio di lavoro è un passo importante ed indispensabile per una nuova occupazione. Tutte le aziende e gli uffici indicono dei colloqui conoscitivi per valute i candidati. Oltre a vestirsi in modo adeguato e curare la postura c'è il problema delle...
Aziende e Imprese

Come negoziare contratto lavoro

I datori di lavoro in base all'andamento dell'economia sono chiamati a dover prendere decisioni e fare delle scelte che possono incidere sui ruoli dei dipendenti stessi, apportando cambiamenti di mansione, responsabilità e dello stipendio e anche l'accordo...
Lavoro e Carriera

Come impugnare un licenziamento illegittimo

Il presente che ognuno di noi sta vivendo rappresenta un momento molto difficile dal punto di vista economico e quindi soprattutto lavorativo. Sono numerose le aziende, anche le più apparentemente solide, che finiscono per fallire tragicamente, lasciando...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere un congedo per malattia

Nessuno può sfuggire ad un seppur lieve malanno durante l'anno e persino il lavoratore più zelante e stakanovista, si ritrova a dover chiedere almeno una volta in 365 giorni qualche giorno per malattia. Quando si tratta di qualcosa di più serio o di...
Aziende e Imprese

Come negoziare il salario

Negoziare i salari è utile per aumentare il proprio reddito, tale azione può avvenire sia prima che dopo la stipula di un contratto di lavoro. Va detto però che nonostante la situazione di disagio, esso va fatto perché ha una determinata importanza,...
Finanza Personale

Come distinguere il pignoramento del quinto dello stipendio dalla cessione del quinto

In periodi di crisi come questo, purtroppo, si sente sempre più spesso parlare di pignoramento del quinto dello stipendio o della cessione del quinto. Quali sono le differenze tra queste due situazioni finanziarie? Chi ricorre all'una o all'altra? Il...
Previdenza e Pensioni

Aiuti economici statali per gli inabili al lavoro

Lo stato italiano è attento ai diritti dei lavoratori, cercando di formulare leggi a tutela delle diverse tipologie che si possono presentare. Una legge specifica, la 335 del 1995, formulata per coloro che, precedentemente impiegati, si trovino in condizione...
Lavoro e Carriera

Come emergere in un colloquio di gruppo

Chiunque sia alla ricerca di un lavoro si è trovato a dover affrontare un colloquio di lavoro con mille speranze ma poi alla fine di rimanere delusi perché non più richiamati. Il classico colloquio di lavoro si svolge generalmente tra un singolo candidato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.