Maternità e lavoro: linee guida

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questa guida trattiamo un tema di grande importanza, fonte purtroppo di molti problemi per molte donne, quello della maternità nell'ambito del lavoro. Cominciamo dal presupposto che trattandosi di una circostanza estremamente delicata, l'ordinamento riconosce alla lavoratrice per tutto il periodo della gravidanza e fino ad un anno di vita del bambino un importante garanzia, quella di non non poter essere licenziata. Ecco, dunque, le linee guida di questo istituto.

25

Congedo di maternità

Per prima cosa, alla donna è riconosciuto il congedo di maternità, di cui puó godere obbligatoriamente e consta di 5 mesi totali. Due fruibili nel periodo di gravidanza e tre a partire dalla nascita del bambino. Oppure un mese durante la gravidanza e i restanti quattro dalla nascita. Quest'ultimo si applica solo in seguito ad un accurata visita della donna dalla quale risulti che possa continuare l'attività lavorativa fino ad un mese prima dal parto perché ciò non comporta rischi e pericoli ad essa e al nascituro. Il licenziamento in questo periodo è sempre nullo anche qualora il datore vi fosse ricorso senza conoscere lo stato della donna in modo da evitargli stress emotivi.

35

Congedo parentale

Abbiamo il congedo parentale di cui possono fruire alternativamente sia il padre che la madre per un totale di 10 mesi ed estendibile fino ad 11 (previsto in modo da assicurare il giusto accudimento del neonato). Va precisato che in questo caso abbiamo un indennizzo pari all'80% della retribuzione ma non tutti i congedi riconosciuti ai genitori vengono indennizzati come ad esempio quello riconosciuto in caso di malattia del bambino. In questo caso la possibilità di astenersi vi è, ed è riconosciuta ad entrambi i genitori, senza limiti di giorni ma non è prevista alcuna retribuzione perché se ne faccia un uso moderato. La raccomandazione più importante da fare dopo aver esposto alcuni degli aspetti più importanti è quella comunque di informarsi adeguatamente per aver chiari tutti i diritti e tutti i riconoscimenti previsti.

Continua la lettura
45

RIFORMA Fornero del 2012

Un altro aspetto importante riguarda la fase in cui la donna godendo del congedo non esegue la prestazione lavorativa: il rapporto si considera sospeso, il datore di lavoro è tenuto comunque a retribuire la donna a cui è dovuto il 100% della retribuzione, per tutto il periodo del congedo. La riforma Fornero, intervenuta nel 2012, ha introdotto inoltre anche per il padre un congedo obbligatorio pari a un giorno ed estendibile sino a tre qualora a due giorni vi rinunci la madre. È importante altresì per tutto il periodo di astensione dal lavoro che la donna mantenga vivo il rapporto con il proprio datore in modo da non rendere difficoltoso e problematico il reinserimento. Al momento del rientro poi, il lavoro dev'essere praticamente il medesimo (cioè lo stesso svolto prima della gravidanza) ed eventualmente la lavoratrice potrà chiedere una riduzione dell'orario di lavoro qualora questo non permetta di conciliare bene la sfera lavorativa con quella familiare e quindi di cura per il neonato.

Ecco un altro link che potrebbe fornire ulteriori informazioni utili sull'argomento appena trattato in questa guida ------》http://www.nostrofiglio.it/gravidanza/maternita-e-lavoro/maternita-e-lavoro-i-diritti-delle-mamme (Maternità e lavoro: i diritti delle mamme).

Ecco un altro link da leggere solo a titolo informativo ------》https://www.monster.it/consigli-di-lavoro/articolo/maternita-lavoro-diritti-mamme-lavoratrici (Maternità e lavoro: i diritti delle mamme lavoratrici).

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come ottenere l’assegno di maternità

La nascita di un bambino, o l'arrivo di un piccolo bimbo adottato, è un evento bellissimo che riempie sempre tutte le famiglie di grande gioia. Questo evento, però, diciamolo pure, comporta dei costo non indifferenti, perché come ben sappiamo i bambini,...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità anticipata

Per le donne durante il periodo di gravidanza, è sicuramente fastidioso recarsi al lavoro, perché molte aziende non riescono a concedere il periodo che spetta da dedicare alla maternità. In realtà secondo la legge, deve essere assolutamente previsto...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità obbligatoria

La maternità obbligatoria rappresenta il periodo in cui la madre lavoratrice deve esimersi dal lavoro. Qui di seguito, verranno riportate le 5 cose più importanti da sapere sul congedo obbligatorio, trascritte nel decreto legislativo n. 151 del 26 marzo...
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Previdenza e Pensioni

La tutela della maternità per lavoratrici a progetto

Avere un contratto di lavoro a progetto significa svolgere il proprio lavoro in assoluta indipendenza e senza nessun vincolo di subordinazione da parte del committente. Il lavoratore deve avere dei progetti da portare a termine in completa autonomia....
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità facoltativa

Quando una lavoratrice è in dolce attesa segue, su indicazione del suo medico, un fitto protocollo di analisi e visite di controllo, per monitorare lo sviluppo del bambino. Ma è necessario che sia informata su diritti e doveri che le spettano e, soprattutto,...
Previdenza e Pensioni

Buoni lavoro: come funzionano

All'interno di questa guida, andremo a parlare degli ormai utilizzatissimi buoni lavoro. Proveremo a far comprendere in modo semplificato ed oltre tutto sintetico, il loro funzionamento. Ci porremo quest'interrogativo e ci daremo una risposta: come funzionano...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare le detrazioni da lavoro dipendente

I contribuenti che producono dei redditi da lavoro dipendente possono, in base di dichiarazione dei redditi, detrarre l'irpef. Non si procede a nessuna riduzione in caso di sciopero o di contratto part-time. Vediamo insieme questa semplicissima guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.