Licenziamento senza preavviso

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Gli articoli 337 e 337d della Costituzione, regolano il licenziamento senza preavviso, possibile solo nel caso di provvedimenti disciplinari per giusta motivazione. Assolutamente non può esistere il licenziamento senza preavviso per il dipendente in prova. Vediamo però nello specifico come comportarsi se ciò avviene e quali sono i casi gravi del licenziamento in tronco.

25

Licenziamento senza preavviso: quando si viene licenziati in tronco?

Possono essere rari, ma esistono casi in cui un licenziamento senza preavviso avviene per motivi non contestabili. Ci sono comportamenti molto gravi che consentono la prosecuzione del rapporto lavorativo. I contratti collettivi prevedono il legittimo licenziamento senza preavviso, nel caso di rifiuto ingiustificato di svolgere l'attività lavorativa o rifiuto di riprendere il lavoro dopo una visita che consente l'abilità al lavoro. Altro caso riguarda il comportamento pregiudizievole durante il periodo di permesso per indisposizione. Si viene licenziati senza preavviso anche se si verifica il furto in azienda, o per comportamenti violenti sul posto di lavoro. Anche le dimissioni senza preavviso equivalgono ad un licenziamento senza preavviso.

35

Quando si viene licenziati senza preavviso?

Il licenziamento senza preavviso, viene disposto dal datore di lavoro quando si verificano comportamenti gravissimi, tanto da giustificare la scissione immediata del contratto. Ciò si riferisce al contratto a tempo indeterminato, mentre per quanto riguarda il contratto a tempo determinato, sia il lavoratore che il datore di lavoro possono recedere, senza preavviso, anche prima della scadenza del termine. Il licenziamento senza preavviso, non consente di proseguire il lavoro nemmeno di un solo giorno, il dipendente perde immediatamente il diritto all'indennità sostitutiva del preavviso. Anche l'azienda in fallimento può licenziare in tronco, ma in questo caso, il dipendente ha diritto ad una indennità.

Continua la lettura
45

Licenziamento senza preavviso: contratto determinato e contratto indeterminato

Il giustificato motivo soggettivo, non è grave quanto il licenziamento immediato, e necessita di un preavviso, prima di procedere. Alla stessa stregua è però motivato da un provvedimento disciplinare, che si rifà ad una grave inadempienza del lavoratore rispetto agli obblighi del contratto di riferimento.
Il giustificato motivo oggettivo, consente al datore di lavoro di licenziare un dipendente dimostrando il motivo oggettivo. Uno di questi motivi è il riassetto aziendale. Quando ciò si verifica, l'azienda deve dimostrare le proprie ragioni. Il diritto di libertà economica privata viene sancito dall'articolo 41 della Costituzione.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
Lavoro e Carriera

Il licenziamento per giusta causa

Il mondo del lavoro oggi sta diventando sempre più difficile e complesso e non tutti conoscono le regole e le leggi che regolamentano il rapporto datore di lavoro-dipendente. Molto spesso si sente parlare di licenziamento per giusta causa, ma non se...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a tempo indeterminato

Il contratto a tempo indeterminato è un accordo redatto per iscritto tra il datore di lavoro ed un dipendente, regolato dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL). Esso non riporta la scadenza del rapporto lavorativo e deve contenere: i dati...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi nel periodo di prova

Quando veniamo assunti per un qualsiasi lavoro, ognuno di noi deve passare un periodo di prova che va dai tre ai sei mesi prima di poter essere assunto definitivamente e a titolo permanente all'interno di un'azienda.L'assunzione ufficiale e corredata...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni senza preavviso

Anche in controtendenza alle vicissitudini lavorative e alla carenza di occupazione nel nostro Paese è possibile che abbiate necessità di dare le dimissioni dal vostro impiego lavorativo. Tuttavia queste condizioni possono essere eluse o ignorate quando...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a tempo determinato

Quando si ottiene un contratto a tempo determinato occorre visionarlo per bene. Questo è un sistema che va eseguito sempre. Per poi poter, in eseguito muoversi in base a quello che viene concordato e poi firmato. Il contratto a tempo determinato prevede...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.