Licenziamento e dimissioni

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi vigenti e il codice civile, ha una sezione apposita per l'estinzione del contratto di lavoro. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò le principali differenze tra licenziamento e dimissioni, fornendovi tutte le informazioni necessarie nel caso in cui si verifichino queste due possibilità. Vediamo quindi come procedere.

25

Il licenziamento deve essere giustificato

Il licenziamento, per legge, deve essere sempre giustificato da motivi ben validi e precisi che vengono citati nel codice civile come "notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro". Bisogna però precisare che il giudice, potrebbe ritenere giusti, anche altri motivi non menzionati nelle leggi che regolano i contratti lavorativi (CCNL) infatti le cause del licenziamento, si dividono in oggettive e soggettive. Al contrario, per dimissioni, s'intende l'azione con cui il lavoratore recede dal contratto di lavoro. In parole più semplici, il lavoratore, decide per vari motivi, di non voler più prestare la sua opera presso l'azienda.

35

Dare preavviso prima di presentare le dimissioni

Gli unici casi in cui la legge prevede che non debba esserci un preavviso prima di presentare le dimissioni, è quando si verifica un mancato pagamento dello stipendio mensile o dei contributi da parte del datore di lavoro o anche quando sopraggiungono degli stati improvvisi di cattiva salute o di imprevisti familiari seri per cui il lavoratore è obbligato a lasciare il lavoro. Anche in questo caso, il giudice prevede che ci sia una giusta causa e anche nel caso di un contratto a tempo determinato dove il lavoratore può recedere dal contratto, prima dei tempi contrattuali stabiliti.

Continua la lettura
45

Quando rassegnare le dimissioni

L'articolo 2118 del codice civile, inoltre, prevede che le dimissioni possono essere sospese nel momento in cui il datore di lavoro presenti un preavviso al suo dipendente, proprio per consentirgli di trovare un valido sostituto. La legge prevede anche una tutela particolare nei casi di alcune specifiche ipotesi. Se una lavoratrice per esempio, vuole rassegnare le dimissioni in caso di matrimonio, deve convalidare la sua domanda, presso gli uffici della Direzione Generale Del Lavoro. Tenete presente che essere licenziati a meno che non sia per un motivo a vostro discapito, non è assolutamente una "pecca" sul vostro curriculum.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Licenziamento senza preavviso

Gli articoli 337 e 337d della Costituzione, regolano il licenziamento senza preavviso, possibile solo nel caso di provvedimenti disciplinari per giusta motivazione. Assolutamente non può esistere il licenziamento senza preavviso per il dipendente in...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni senza preavviso

Anche in controtendenza alle vicissitudini lavorative e alla carenza di occupazione nel nostro Paese è possibile che abbiate necessità di dare le dimissioni dal vostro impiego lavorativo. Tuttavia queste condizioni possono essere eluse o ignorate quando...
Lavoro e Carriera

Licenziamento: differenze tra giusta causa e giustificato motivo

Il lavoro è un diritto di tutti gli uomini. Con la grande crisi economica e lavorativa che tutto il mondo sta attraversando, trovare un impiego stabile che fornisca una retribuzione dignitosa sembra ormai essere un miraggio. Per saperne di più su tale...
Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato o al termine di un attività o alla conclusione di un lavoro. Tuttavia,...
Lavoro e Carriera

Motivi per impugnare un licenziamento

I motivi per i quali è possibile impugnare un licenziamento sono diversi. Ogni caso va valutato nei dettagli, esaminando l'esatta responsabilità del datore. Tuttavia ci sono alcuni motivi validi per legge che permettono di impugnare un licenziamento....
Lavoro e Carriera

Come essere tutelati da un licenziamento

La fonte fondamentale per il mantenimento di una famiglia è il lavoro. Coloro che sono supervisionati da un datore di lavoro sono soggetti ad un possibile licenziamento. Infatti, in Italia la percentuale di disoccupati è in aumento, ma non preoccupatevi....
Lavoro e Carriera

Dare le dimissioni: 5 errori da non fare

Dare le dimissioni non è una cosa semplice. Si tratta, infatti, di una procedura che richiede molta diplomazia ed educazione, nel rispetto del contratto che si va a scindere e dei propri datori di lavoro. Se vi ritrovare a dover rassegnare le vostre...
Lavoro e Carriera

Conseguenze sanzionatorie del licenziamento individuale illegittimo

Il licenziamento singolo, può far incorrere il datore di lavoro in alcune particolari sanzioni, se ciò avviene in modo illegittimo e senza una giusta causa. In questa guida, vediamo nel dettaglio quali sono le conseguenze sanzionatorie del licenziamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.