Licenziamento: differenze tra giusta causa e giustificato motivo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il lavoro è un diritto di tutti gli uomini. Con la grande crisi economica e lavorativa che tutto il mondo sta attraversando, trovare un impiego stabile che fornisca una retribuzione dignitosa sembra ormai essere un miraggio. Per saperne di più su tale argomento, seguite l'utilissima guida che segue, in cui vi sarà spiegato chiaramente Licenziamento: differenze tra giusta causa e giustificato motivo.

26

Occorrente

  • Lavoro
36

La giusta causa

Il lavoratore può perdere il lavoro ed essere mandato via per “giusta causa” se commette un atto grave e inaccettabile, da portare il datore di lavoro a interrompere ogni prestazione da lui servita e ogni tipo di rapporto lavorativo. In questo caso la fiducia tra i due viene a mancare, e senza alcun preavviso il datore di lavoro può tranquillamente licenziare il dipendente senza corrispondere nessun corrispettivo oltre a quello dovuto.

46

Le motivazioni

Tra le motivazioni più frequenti ci sono essenzialmente la sottrazione di beni e prodotti aziendali, la finta malattia e prestazione di lavoro per terzi durante quest’ultima, il rifiuto di riprendere l’attività lavorativa dopo il periodo di malattia ed infine la violazione delle regole e indisponibilità lavorativa. Per qualsiasi problema ricordatevi sempre che se avete firmato un contratto avete dei diritti che devono essere necessariamente rispettati; analogamente voi dovete eseguire anche dei doveri verso l’azienda che vi paga.

Continua la lettura
56

La ragione del licenziamento

La ragione del licenziamento deve comunque apparire molto grave. La giurisprudenza ha anche decretato che in molti casi questa causa va verificata attraverso un processo. Nel frattempo l’imprenditore può sospendere l’attività lavorativa del soggetto e non può licenziarlo fino a che non ci sia una sentenza favorevole. In ogni caso non costituisce giusta causa il fallimento oppure la liquidazione dell’azienda. Il licenziamento per “giustificato motivo” è invece un caso meno grave; esso consiste sempre nella fine del rapporto lavorativo dovuto all'inadempienza degli obblighi contrattuali. Il licenziamento può avvenire solo dopo un preavviso da parte del datore di lavoro che avvisa della sua decisione e spiega le motivazioni. Tra le varie case di annoverano l’abbandono del posto di lavoro e un comportamento scorretto all'interno dell’azienda. In ogni caso se il datore di lavoro non fornisce il preavviso al dipendente, dovrà corrispondergli ad esso un’ indennità per tutto il periodo che lo lascia a casa.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Leggete bene il vostro contratto di lavoro per capire bene diritti e doveri che avete.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni per giusta causa

Talvolta alcune problematiche personali, motivi di salute o cambi di città, possono indurre a rinunciare al posto di lavoro. Questa azione, rientra nel programma stilato dallo statuto del lavoratore, e si chiama "dimissioni per giusta causa", per cui,...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Conseguenze sanzionatorie del licenziamento individuale illegittimo

Il licenziamento singolo, può far incorrere il datore di lavoro in alcune particolari sanzioni, se ciò avviene in modo illegittimo e senza una giusta causa. In questa guida, vediamo nel dettaglio quali sono le conseguenze sanzionatorie del licenziamento...
Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Lavoro e Carriera

Come essere tutelati da un licenziamento

La fonte fondamentale per il mantenimento di una famiglia è il lavoro. Coloro che sono supervisionati da un datore di lavoro sono soggetti ad un possibile licenziamento. Infatti, in Italia la percentuale di disoccupati è in aumento, ma non preoccupatevi....
Lavoro e Carriera

Licenziamento senza preavviso

Gli articoli 337 e 337d della Costituzione, regolano il licenziamento senza preavviso, possibile solo nel caso di provvedimenti disciplinari per giusta motivazione. Assolutamente non può esistere il licenziamento senza preavviso per il dipendente in...
Lavoro e Carriera

Motivi per impugnare un licenziamento

I motivi per i quali è possibile impugnare un licenziamento sono diversi. Ogni caso va valutato nei dettagli, esaminando l'esatta responsabilità del datore. Tuttavia ci sono alcuni motivi validi per legge che permettono di impugnare un licenziamento....
Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato o al termine di un attività o alla conclusione di un lavoro. Tuttavia,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.