Le principali caratteristiche del congedo parentale

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel diritto del lavoro italiano, il congedo parentale o astensione facoltativa, è una forma di previdenza facoltativa che prevede un periodo di astensione dall'attività lavorativa per consentire al lavoratore di adempiere appieno alla sua funzione familiare in qualità di genitore.
È la legge italiana che stabilisce durata, retribuzione e tutte le principali caratteristiche del congedo parentale, caratteristiche che andremo a esaminare in questa lista, dando uno sguardo anche ad alcuni cambiamenti introdotti dal Jobs Act del governo Renzi.
Per maggiori informazioni, consultate la pagina dei congedi parentali presenti nel sito dell'INPS http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5885.

26

A chi spetta il congedo parentale

Ritenuto a parere di chi scrive un ulteriore passo verso la totale uguaglianza di genere, il congedo parentale è destinato ad entrambi i genitori del bambino e alle seguenti categorie di lavoratori: lavoratori dipendenti, lavoratori agricoli, lavoratrici autonome-, lavoratori assicurati ex IPSEMA, a condizione che non siano disoccupati o sospesi, lavoratori atipici o parasubordinati, cioè lavoratori iscritti alla gestione separata
Non possono usufruire del congedo parentale i genitori disoccupati, sospesi, che lavorano a domicilio e a tutti i lavoratori domestici (es. Casalinghe).

36

Quando spetta il congedo parentale

I genitori possono richiedere il congedo parentale, grazie al nuovo Jobs Act del governo Renzi, fino al compimento dei 12 anni da parte del loro figlio, a patto che siano lavoratori dipendenti.
A lavoratrici autonome, lavoratori parasubordinati o atipici spetta un congedo parentale fruibile unicamente entro il primo anno di vita del bambino.

Continua la lettura
46

Durata del congedo parentale

Per i lavoratori dipendenti la durata del congedo parentale può essere di massimo 6 mesi per ciascun genitore e di 10 mesi qualora lo richiedessero entrambi.
Per lavoratrici autonome, lavoratori atipici e parasubordinati (quelli cioè iscritti alla gestione separata), la durata del congedo è di massimo 3 mesi.

56

Retribuzione del congedo parentale

Per tutti i tipi di lavoratori, il congedo parentale dà diritto ad una retribuzione pari al 30 % del normale stipendio.
Per i lavoratori dipendenti, qualora decidessero di usufruirne dopo i primi 3 anni di vita del bambino, la retribuzione pari al 30 % viene erogata solo a precise condizioni: il reddito individuale del richiedente deve essere inferiore di 2,5 volte rispetto all'importo annuo del trattamento minimo di pensione.

66

Tipi di congedo parentale: congedo a ore

In passato, i genitori lavoratori che richiedevano il congedo parentale, potevano suddividere lo stesso in giorni, settimane o mesi.
Dal 2012, invece, è possibile richiedere, qualora lo si desideri, il congedo parentale a ore, che permette di recepire uno stipendio più alto del 30 % della normale retribuzione previsto.
Ad esempio, un congedo di mezza giornata lavorativa, dà diritto all'intera retribuzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come richiedere il congedo parentale

Il congedo parentale consiste nel diritto spettante sia alla madre e sia al padre, di godere di un periodo di dieci mesi di astensione dal lavoro, da ripartire tra i due genitori e, da fruire nei primi dodici anni di vita del bambino. C'è da dire che...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere il congedo parentale per lavoratrice autonoma

Da quando è entrata in vigore, la legge italiana ha sempre operato in modo tale da permettere ai cittadini di conciliare la vita privata con il lavoro. Molte donne che lavorano devono affrontare un periodo di stop per via di una o più gravidanze. Questo...
Lavoro e Carriera

Il congedo di maternità facoltativo

Oltre alla tipologia di astensione dal lavoro più ricorrente, ovvero il "congedo di maternità obbligatoria", ne esiste una seconda tipologia detta "facoltativa". Il congedo di maternità facoltativo, anche detto "congedo parentale", presenta una serie...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità facoltativa

Quando una lavoratrice è in dolce attesa segue, su indicazione del suo medico, un fitto protocollo di analisi e visite di controllo, per monitorare lo sviluppo del bambino. Ma è necessario che sia informata su diritti e doveri che le spettano e, soprattutto,...
Richieste e Moduli

Come richiedere il congedo parentale facoltativo

Per i genitori che lavorano affrontare l'arrivo di un figlio non è semplice, ma per fortuna esistono leggi che agevolano le famiglie in questo delicato frangente della vita. Una donna che scopre di essere incinta ha diritto alla cosiddetta "maternità...
Lavoro e Carriera

Come fare domanda di congedo parentale all'Inps

Quando si parla di congedo parentale si intende un periodo di pausa dal lavoro da parte di un genitore. Generalmente esso viene dato per garantire al papà o alla mamma la possibilità di stare accanto al proprio figlio per assicurare che tutti i suoi...
Aziende e Imprese

Come assumere con agevolazioni contributive

Nelle assunzioni di componenti del personale, quella delle agevolazioni al datore di lavoro è una questione che varia di continuo. Tali cambiamenti frequenti all'interno del panorama legislativo si verificano principalmente per arginare i danni portati...
Previdenza e Pensioni

Maternità e lavoro: linee guida

In questa guida trattiamo un tema di grande importanza, fonte purtroppo di molti problemi per molte donne, quello della maternità nell'ambito del lavoro. Cominciamo dal presupposto che trattandosi di una circostanza estremamente delicata, l'ordinamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.