Le peggiori scuse per assentarsi dal lavoro

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quante volte la mattina si sarebbe voluto rimanere a letto e non andare al lavoro: qualcuno di noi potrebbe rispondere "anche tutti i giorni", ma c'è chi a volte trova scuse assurde per assentarsi veramente, alcune volte scegliendo motivazioni decisamente assurde. Ecco le peggiori e più comuni scuse per non andare al lavoro.

26

Ho bucato la ruota della macchina

Questa è una delle scuse più utilizzate al mondo per giustificare un ritardo o un'assenza che in molti vorrebbero far credere imprevista, ma il più delle volte è programmata e ben pensata. Quello su cui non si ragiona è che questa motivazione in realtà è una delle meno credibili poiché è davvero raro che la ruota di un'automobile si buchi a meno che non sia del tutto consumata o già danneggiata. Inoltre, il problema è facilmente risolvibile e non così lungo da poter giustificare un'assenza prolungata.

36

Il mio cane (o gatto) sta male

Dare colpa a ogni tipo di animale domestico non servirà a farvi sembrare credibili. Preoccupazioni così grandi per un piccolo graffio del vostro cane o un mal di pancia del vostro gatto non possono essere considerate così rilevanti da assentarvi dal lavoro in tutta tranquillità: c'è chi è riuscito senza vergognarsi a giustificarsi dicendo frasi come "il mio criceto è morto" o "ho perso il mio serpente".

Continua la lettura
46

Purtroppo è morto...

Peggior scusa inflazionata è inventarsi la morte improvvisa di un parente o un amico: se a qualcuno può sembrare persino macabro, in realtà in molti hanno usato eventi tragici per giustificare assenze sul lavoro. In questo caso, il vostro datore non potrà dire nulla, se non fosse che i bugiardi cronici spesso di dimenticano di chi fosse la morte presa come scusa la volta prima: c'è chi è stato in grado di far morire la propria madre per ben tre volte!

56

Si è rotta la porta

Un classico poco credibile, è l'impossibilità di poter uscire di casa per chiavi incastrate nella serratura o porte bloccate, come se fosse realmente fattibile che nella notte qualcuno possa mettersi a rompere serrature e portoni. Eppure i miglior pigri sono riusciti a usare molto spesso questa scusa, senza preoccuparsi della loro poca credibilità.

66

Sono scivolato su una moneta

Sempre molto usate sono le scuse che comprendono ferite e dolori che possono impedire di andare al lavoro: il problema è cercare di essere credibili e inventare qualcosa di realistico che può dimostrato anche nei giorni a seguire. Qualche sfaticato è persino riuscito a dire al proprio datore di lavoro che una lattina di fagioli è atterrata sul suo alluce immobilizzandolo o di aver nuotato talmente tanto veloce da avergli fatto sbattere la testa a bordo in piscina, provocandogli un mal di testa insopportabile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Consigli per scrivere una lettera di scuse

Qualche volta la vita porta una persona a ferire o danneggiare qualcuno, magari anche in modo involontario. Spesso non c'è malafede o cattive intenzioni dietro questo gesto, ed anche un semplice fraintendimento può portare due persone a litigare. Scusarsi...
Lavoro e Carriera

Come scrivere una lettera di scuse per un errore d'Ufficio

All'interno della presente guida, andremo a spiegarvi, passo dopo passo, come scrivere una lettera. Per essere più precisi, come avrete compreso dal titolo che abbiamo posto in cima alla nostra guida, ora andremo a spiegarvi come scrivere una lettera...
Lavoro e Carriera

Le peggiori gaffe da evitare a un colloquio di gruppo

Per colloquio di gruppo si intende un colloquio clinico che prevede una diversa modalità di svolgimento dell'intervista di selezione dei candidati, a cui sempre più numerose imprese fanno ricorso per il reclutamento del personale. In genere, gli esaminatori...
Lavoro e Carriera

I peggiori errori nella scrittura di un articolo di giornale

Quando si scrive un articolo per un giornale, prima della stesura è necessario valutare attentamente l’argomento, per evitare errori che poi si ripercuotono in modo negativo con un giudizio poco lusinghiero da parte del lettore, o del capo redattore...
Lavoro e Carriera

Le peggiori gaffe da evitare a un colloquio individuale

Se vogliamo che il nostro colloquio di lavoro prenda una piega positiva in nostro favore, quello che dobbiamo sapere è che esistono alcuni piccoli trucchi da utilizzare prima e durante il colloquio, che ci possono aiutare a fare in modo che la nostra...
Lavoro e Carriera

Le peggiori domande da fare ad un'intervista

Le interviste possono variare molto per la leggerezza dei temi trattati, eppure esistono domande che, a prescindere da chi sia l'intervistato, non andrebbero mai poste. Infatti, malgrado possa esserci curiosità verso argomenti privati e, magari, più...
Lavoro e Carriera

Le domande da non fare al primo colloquio di lavoro

Affrontare un colloquio di lavoro non è facile. Nonostante le numerose esperienze lavorative, può essere stressante sottoporsi ad una candidatura. Chi ha fatto molta esperienza in questo campo, conosce già le regole di base. Tra queste ci sono le norme...
Lavoro e Carriera

Come uscire un'ora prima da lavoro

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di doverci assentare dal luogo di lavoro perché abbiamo alcune necessità particolari che non possiamo rimandare per nessun motivo. Esistono, per legge, alcuni casi in cui ci è permesso allontanarci dal...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.