Le fonti internazionali e sovranazionali del diritto del lavoro

Tramite: O2O 13/02/2016
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si parla di diritto del lavoro, si fa riferimento ad un rapporto che viene regolamentato da diverse fonti; nel corso della storia queste ultime sono cambiate e si sono evolute, seguendo sia i mutamenti sociali che quelli politici dello Stato. Sono diverse le fonti che concorrono a delineare il diritto del lavoro, ossia le fonti statuali, quelle contrattuali e le fonti internazionali e sovranazionali. Nel diritto del lavoro, accanto alle cosiddette fonti ufficiali vi sono ulteriori fonti che sono: Quelle sovranazionali e internazionali; quelle sovranazionali sono quelle che provengono da altri centri di produzione legislativa e, nello specifico si tratta di norme internazionali ed europee. Vediamo di saperne di più seguendo i passi di questa guida.

25

L'articolo 35 della Costituzione Italiana sancisce che la Repubblica opera per favorire e promuove accordi e organizzazioni internazionali volti a regolare, oppure ad affermare, i diritti del lavoro. Il diritto comunitario, in tema di lavoro, fissa diversi principi fondamentali riguardanti la libera circolazione dei lavoratori (comprensiva dello scambio di forza lavoro tra i Paesi membri), la parità tra i sessi e la sicurezza sul luogo di lavoro.

35

Occorre, innanzitutto, distinguere le fonti internazionali e sovranazionali del lavoro in 3 categorie: i trattati internazionali, le convenzioni dell'O. I. L. E le norme dell'Unione Europea. Mentre i trattati internazionali e le convenzioni dell'O. I. L sono di tipo indiretto e richiedono, pertanto, una ratifica da parte delle leggi dello Stato per acquisire efficacia ed essere vincolanti, le norme dell'Unione Europea hanno validità immediata e diretta. Le convenzioni dell'O. I. L. Sono degli atti normativi, divisi in articoli, che devono essere resi esecutivi, all'interno dei vari Stati, attraverso delle norme interne; questa efficacia ha anche validità illimitata, prevalendo sulle normative nazionali, nel caso in cui esistano delle incongruenze.

Continua la lettura
45

L'O. I. L, inoltre, promuove anche le raccomandazioni che, al contrario delle convenzioni, non hanno valore impegnativo e si limitano ad auspicare l'intervento degli Stati per risolvere dei problemi in materia di lavoro. È anche possibile che gli organi della Comunità Europea concedano agli Stati membri l'applicazione di norme dettagliate all'interno di un quadro di riferimento definito dalle fonti sovranazionali. Le norme europee possono essere contenute nei regolamenti comunitari (di portata generale, che vengono applicati nell'intero territorio comunitario e a qualunque soggetto) e nelle direttive comunitarie, che vincolano gli Stati solamente in merito ai risultati da conseguire, lasciando libertà agli organi nazionali di adottare le misure più adatte per raggiungere l'obiettivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come esercitare il diritto di precedenza nelle assunzioni

Il diritto di precedenza nelle assunzioni rappresenta una delle più importanti norme che regolano i rapporti di lavoro e mirano a tutelare tutti i lavoratori assunti tramite contratto a termine, tramite contratti part time, oppure quei lavoratori licenziati...
Lavoro e Carriera

Come usufruire delle 150 ore di diritto allo studio in Sanità

Dal 1° Gennaio al 31 dicembre di ogni anno è possibile usufruire dei permessi per il cosiddetto diritto allo studio. Infatti, se siete dei lavoratori della Pubblica Amministrazione, ed in particolare nel settore della Sanità, avete il diritto di assentarvi...
Lavoro e Carriera

Come Scrivere Un Parere Di Diritto Civile

All'interno di questa guida, indicherò i passi per poter scrivere un parere di diritto civile nel più breve tempo e miglior modo possibile. Tale modalità, potrà essere utile sia per il lavoro quotidiano di chi opera nel settore, sia in sede d'esame...
Lavoro e Carriera

Come diventare professore di diritto

Alcune persone si appassionano a materie artistiche, altre ad argomenti di tipo culturale ed altri ancora, a materie legislative, in virtù delle proprie passioni, si orientano gli studi e si sceglie la propria professione. Le scelte lavorative non sono...
Lavoro e Carriera

Come diventare docente di diritto

Le figure professionali che si possono ritenere meravigliose sono veramente tante. Ciascuno di noi ha, fin da bambino, il proprio sogno nel cassetto. Quando si diventa grandi, molte preferenze vengono spesso cambiate. I gusti, le circostanze e le ambizioni...
Lavoro e Carriera

Trasformazione e diritto al part-time: quali sono i casi previsti

La crisi degli ultimi anni ha colpito numerosissime aziende e piccole e medie imprese a livello nazionale. In alcuni casi, per evitare il licenziamento o la cassa integrazione di un numero imprecisato di lavoratori, si è preferito ricorrere allo strumento...
Lavoro e Carriera

Lavoro: come far valere i propri diritti

E bene essere informati correttamente sul rapporto che deve intercorrere tra il datore di lavoro e il dipendente, ci sono delle norme giuridiche che ci garantiscono i diritti e i doveri che ci spettano. Lavoro: come far valere i propri diritti. Ovvio...
Lavoro e Carriera

Come fare domanda di astensione dal lavoro per esami prenatali

Per le donne è difficile coniugare lavoro e vita privata. La legge, comunque, prevede modi e metodi di tutela della donna in caso di gravidanza: dal diritto all'astensione obbligatoria dal lavoro, detta congedo di maternità, per un periodo di cinque...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.