Le 5 cose che un buon capo non deve dire

Tramite: O2O 08/07/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dirigere, organizzare avere delle responsabilità mette ogni individuo di fronte a delle scelte non sempre facili, ne comode; ma, purtroppo, il lavoro di responsabilità e la dirigenza che spetta ad un capo non sono una cosa semplice. Comunque sia, un capo deve cercare di non commettere errori particolarmente catastrofici dal punto di vista amministrativo ed umano. Dovrà fare attenzione a come si rapporta con i suoi dipendenti o subalterni e a ciò che dice. Vediamo allora quali sono le 5 cose che un buon capo non deve dire.

26

Occorrente

  • Moderazione - educazione - empatia - elasticità mentale - rispetto - saper valorizzare le persone
36

I dipendenti vanno resi autonomi

I dipendenti vanno resi autonomi, sicuri di sé, motivati ed incentivati; solo così si potrà ottenere da loro, il massimo dell'efficienza e di conseguenza del profitto produttivo. Molto spesso, però, tali meccanismi vengono sottovalutati. Un buon capo dovrà essere autorevole e non autoritario, dovrà porsi il più possibile in una posizione paritaria quando si trova a confronto con un dipendente che si prodiga nelle sue attività lavorative, guadagnandosi la stima dei propri dipendenti. Non dire mai frasi del tipo "SEI UN INCAPACE!", oppure "COSA STAI COMBINANDO!". Far aumentare invece l'autostima di un dipendente ed accrescere la sua sicurezza, significa avere un lavoratore attivo e vincente al 100%.

46

Non limitare l'ingegno altrui

Evitare di dire: "LE COSE VANNO FATTE A MODO MIO!" La limitazione all'ingegno altrui chiude le porte a qualsiasi progresso, e i confronti servono a crescere e costruire insieme. Se una cosa proprio non vi soddisfa, cercate di indurre il vostro dipendente a rettificarla, inducendolo ad un ulteriore ragionamento ed analisi del lavoro svolto. Mai essere perentori, altrimenti rischierete di smorzare gli entusiasmi mettendo dei "paletti" al rapporto umano e collaborativo. Imparate piuttosto ad essere più elastici e a valutare anche dei punti di vista diversi dai vostri. Un buon capo saprà come tirar fuori il meglio dai propri dipendenti, senza essere mai offensivo.

Continua la lettura
56

Non causare frustrazione o ancor più umiliazione

Errare è umano, ma attenzione: accettate che il vostro dipendente sia brillante e lungimirante per 300 giorni l'anno e concedetegli di tanto in tanto qualche errore senza causargli frustrazione o ancor più umiliazione. Il vostro dipendente ha bisogno d'aiuto e vi chiede un consiglio? Se voi non avete tempo o voglia, indirizzatelo verso un collega che potrà aiutarlo a risolvere la situazione o, in alternativa, fatelo voi ma non gli dite di cavarsela da solo, o che non avete tempo, ne tanto meno che non è capace. Altra frase da non dire mai è: "NON CI RIESCI?", oppure "QUESTO COMPITO LO AFFIDO A QUALCUN'ALTRO". Meglio chiedergli se necessita di una mano ed indicargli come e dove potrà averla.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate diplomatici e di ampie vedute ne beneficerà la produttività aziendale
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come sopravvivere al proprio capo

In un mondo ideale, tutti noi avremmo dei fantastici capi che ci aiutano a crescere, che ci fanno sentire apprezzati e che ci fanno sentire degli "eletti" scelti tra decine di altre persone per le nostre capacità.Purtroppo non è sempre esattamente ciò...
Lavoro e Carriera

10 modi per farsi stimare dal capo

A tutti piacerebbe che il nostro impegno sul lavoro venga subito riconosciuto ed apprezzato dal capo, che rimanga colpito dal nostro lavoro a tal punto da non mettere più in discussione la fiducia e la stima che ha nei nostri confronti. Nel mondo reale...
Lavoro e Carriera

Come accettare un rimprovero dal capo

Sul posto di lavoro è assolutamente normale commettere degli errori e di conseguenza ricevere dei rimproveri da parte del capo. Quello che può dare veramente fastidio è il fatto che questi richiami in determinati casi non sono del tutto meritati, ma...
Lavoro e Carriera

Come affrontare il capo senza avere paura

Quante volte vi è capitato di voler comunicare qualcosa al vostro capo per poi tenervi tutto dentro e lasciar correre? Questo, però, è un atteggiamento che non fa affatto bene a voi stessi: in primo luogo perché continuerete a rimuginare per ore e...
Lavoro e Carriera

5 segnali per capire se il tuo capo si è innamorato di te

Da qualche tempo noti dei segnali strani che vengono dal tuo capoufficio o dal tuo datore di lavoro? Ti è venuto il vago sospetto che forse tu gli piaci e che vorrebbe provarci con te... Ma non sai come comportati! Se l'interesse non è ricambiato, rifiutare...
Lavoro e Carriera

Cosa fare se il capo si innamora di te

Quando si lavora alle dipendenze di un uomo per una donna la vita non è mai facile. Tra le varie evenienze che si potrebbero venire a creare bisogna mettere in conto anche la possibilità che il capo si prenda una sbandata per la sua dipendente, e che...
Lavoro e Carriera

Come scegliere il regalo di Natale per il tuo capo

Durante il periodo natalizio si è alle prese con i regali da fare ai propri amici e parenti. Una volta che avrete comprato i regali, ci si rende conto frequentemente di essersi dimenticati di acquistare qualcosa che potrete donare al vostro capo. Non...
Lavoro e Carriera

Come respingere le avances del proprio capo

Talvolta la bellezza e il fascino rappresentano una vera e propria condanna per le donne. Un esempio di ciò è quello in cui a rivolgerci attenzioni non desiderate sono persone che in virtù del loro rapporto di potere nei nostri confronti, sarebbe meglio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.