Lavoro occasionale: come funziona

Tramite: O2O 17/12/2016
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ormai da parecchio tempo, la crisi economica ha decimato notevolmente le opportunità di riuscire a trovare un'attività lavorativa stabile. Di conseguenza, anche un lavoro occasionale potrebbe costituire uno spiraglio di luce insperato.
Il mestiere occasionale si distingue in due tipologie: ordinario e accessorio (diffuso negli ultimi anni). In ogni caso, il lavoratore che ha questo genere di contratto non dovrà necessariamente disporre di una partita IVA e versare i contributi previdenziali.
Ma come funziona nel dettaglio il lavoro occasionale in Italia? Vi basterà leggere con estrema attenzione i passaggi successivi di questo articolo.

27

Occorrente

  • Contratto di lavoro occasionale
  • Buoni lavoro da 10,00€ o 50,00€
  • INPS o tabaccheria
37

Il lavoro occasionale ordinario non deve superare i 30 giorni lavorativi annuali e lo stipendio non deve risultare maggiore di 5.000?. In questa tipologia di attività professionale non rientrano alcune categorie di lavoratori (dipendenti pubblici, organi amministrativi, iscritti ad albi di professioni intellettuali e collaboratori di enti sportivi).
Il lavoro occasionale accessorio è utile quando bisogna cercare un lavoratore per svolgere piccole mansioni (come il giardinaggio, le lezioni private, i lavori domestici o quelli stagionali in campagna). Questo tipo di collaborazione consente ai datori di lavoro di facilitare la procedura per avvalersi di un lavoratore con regolare copertura INAIL. Il dipendente che ottiene la professione occasionale ha invece delle piccole entrate non tassate, ma che valgono ai fini della pensione.

47

Tutto questo avviene mediante i cosiddetti "buoni lavoro" (voucher), che vengono erogati dall'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale e includono anche i contributi previdenziali. Il datore di lavoro acquista questi buoni di 10,00? all'INPS o presso le tabaccherie e li consegna al lavoratore. Egli riscuoterà il compenso di circa 7,50?, in quanto il rimanente costituisce i contributi previdenziali.
I voucher lavoro sono riscuotibili in un qualunque ufficio postale, entro 24 mesi dalla loro emissione. Accanto ai singoli "buoni lavoro" da 10,00?, esistono anche i voucher non divisibili di 50,00?. In questo caso, il corrispettivo per il lavoratore è di 37,50?.

Continua la lettura
57

Il datore di lavoro potrà domandare il rimborso dei "buoni lavoro" non utilizzati all'INPS, che provvederà all'indennizzo con un bonifico bancario. Egli dovrà anche fornire la comunicazione di inizio e fine attività sia all'INPS che all'INAIL, attraverso dei modelli predisposti nei siti web ufficiali di questi due Enti Pubblici.
L'introduzione dei "buoni lavoro" ha tentato di venire incontro alle necessità di chi ha bisogno temporaneamente di un lavoratore, non gravando con troppi adempimenti burocratici. La speranza è il tentativo di ridurre il "lavoro nero", spesso generato proprio dalle difficoltà burocratiche alle quali va incontro un datore di lavoro.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Lavoro: come pagare le piccole collaborazioni con i voucher

Con la legge 92/2012, il Governo ha voluto riformare il mercato del lavoro, modificando la regolamentazione delle prestazione del lavoro occasionale. I lavoratori verranno pagati con dei buoni nominativi chiamati "voucher", emessi dall' Istituto Nazionale...
Aziende e Imprese

Come funziona la retribuzione nel contratto a chiamata

Nell'ambito dei contratti di lavoro di tipo occasionale, esiste il "contratto a chiamata". Denominato anche "contratto a intermittenza" oppure "job on call". Si tratta di un tipo di contratto di lavoro di introduzione piuttosto recente. Si disciplina...
Aziende e Imprese

Come funziona l'Affiliate Marketing

Oggi il web offre tantissime opportunità di business, grazie ad alcune operazioni di mercato che si possono fare standosene comodamente seduti in poltrona e con un semplice click. Infatti, ad esempio c'è il cosiddetto Affiliate Marketing che se ben...
Aziende e Imprese

Come funziona la leva operativa

La leva operativa, o operating leverage, in economia aziendale esprime la variazione del reddito in relazione alle vendite. Con poche o scarse nozioni specifiche nel campo, il concetto potrebbe apparire complesso ed ostico. In realtà, è abbastanza semplice....
Aziende e Imprese

Come funziona la flat tax

La Flat Tax, letteralmente "tassa piatta", è un sistema fiscale che prevede l’introduzione di un’aliquota unica, più bassa, che dovrebbe servire per contrastare l’evasione fiscale e aumentare le entrate dello Stato. La Flat Tax è stata fortemente...
Aziende e Imprese

Il Fundraising: cos'è e come funziona

Il fundraising nasce in Europa ma, sin da subito, si sviluppa negli Stati Uniti grazie, soprattutto, all'azione di Henry Rosso. Quest'ultimo è conosciuto per essere il fondatore della prima scuola al mondo di fundraising ed ha descritto questo tipo di...
Aziende e Imprese

Come funziona il debito pubblico

Sintesi semplificata e accessibile per comprendere e poter spiegare a tutti la definizione di debito pubblico, per analizzare come funziona nella fattispecie rapportata alla situazione economica dello Stato italiano.Innanzitutto, per inquadrare gli aspetti...
Aziende e Imprese

Come funziona lo split payment

Con la legge di stabilità dell'anno 2015 nel sistema fiscale italiano ed in particolare quello dei pagamenti elettronici, è stato introdotto il cosiddetto split payment ovvero un nuovissimo metodo di liquidazione IVA che viene adottato tra le imprese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.