Lavorare in piedi: 10 consigli per chi inizia

tramite: O2O
Difficoltà: media
111

Introduzione

L'ultima moda in fatto di salute e benessere non riguarda l'alimentazione o la pratica di qualche nuova disciplina sportiva. Stavolta, ad essere al centro dell'attenzione, è il nostro modo di lavorare. Secondo alcuni studi, infatti, anziché stare seduti con le gambe sotto una scrivania per tutte le otto ore di lavoro, sarebbe preferibile alzarsi in piedi per almeno la metà della nostra giornata in ufficio. Lavorare in piedi sarebbe, dunque, l'ultimo ritrovato per scongiurare il rischio di incorrere col tempo in problemi posturali e mal di schiena, oltre che di sviluppare malattie legate all'eccessiva sedentarietà come diabete, ictus ed infarto. In alcuni casi è previsto anche l'utilizzo di una pedana, o di un rialzo chiamato "standing desk", da mettere sotto o sopra la scrivania per farla arrivare più o meno all'altezza del vostro petto e impedirvi di curvare la schiena. Ecco dunque 10 consigli utili per chi inizia questo nuovo modo di stare in ufficio.

211

Iniziare in modo graduale

È chiaro che, come ogni cambiamento, anche quello di passare dalla posizione seduta a quella eretta richiede una certa gradualità. Se siete proprio decisi ad adottare questa nuovo metodo di stare davanti ad una scrivania, è fondamentale, all'inizio, rimanere alzati solo per pochi minuti, per ad un'ora o due fino ad arrivare, dopo un certo periodo di tempo, anche alle quattro o cinque ore consecutive. La gradualità è fondamentale per abituare pian piano le gambe e il resto del corpo alla nuova posizione.

311

Indossare scarpe e vestiti comodi

Anche le scarpe e gli indumenti che indossate sono molto importanti per consentire al corpo di adattarsi alla nuova posizione. Evitate quindi vestiti troppo stretti che potrebbero farvi sentire scomodi e preferite le scarpe basse. Se fino ad ora eravate abituate ad andare in ufficio in tacchi a spillo e tailleur forse ora è venuto il momento di indossare solo pantaloni e ballerine!

Continua la lettura
411

Mangiare vitamine e carboidrati

Un altro consiglio utile per affrontare il lavoro in piedi riguarda l'alimentazione. Per avere l'energia necessaria per resistere ad una situazione di questo tipo, è importante assumere cibi ricchi di carboidrati, oltre che naturalmente di vitamine e minerali utili a sostenere ossa, muscoli e cervello. E per una soluzione rapida in caso di calo di zuccheri durante la giornata, ricordate di tenere sempre con voi una barretta energetica, una bibita dolce o uno snack.

511

Assumere cibi ricchi di potassio

Dato che trascorrere molto tempo alzati, può provocare crampi e dolori muscolari, è consigliabile assumere alimenti ricchi di potassio, come ad esempio banane, cioccolato e frutta secca. E se siete preoccupati per l'effetto che questo potrà avere sulla vostra linea non avete proprio motivo: lavorare in piedi comporta un dispendio di energie del 20 per cento superiore al lavoro da seduti, dunque le maggiori calorie introdotte saranno bruciate davvero in un batter d'occhio!

611

Bere adeguatamente

Per sopportare la fatica della nuova posizione, è necessario anche bere in modo adeguato, Sopratutto in estate, quando con la sudorazione si tende ad espellere una gran quantità di liquidi, è necessario bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. L'unica controindicazione riguarda il fatto che bevendo molto, potreste avere maggiore necessità di andare in bagno, dunque è fondamentale che vi sia consentito allontanarvi dalla vostra postazione ogni volta che ne sentite la necessità.

711

Alternare le due posizioni

Stare molto tempo in piedi non è sempre rose e fiori. Anche se la moda dello standing desk presenta numerosi vantaggi dal punto di vista della salute, non ultimo il fatto che fa dimagrire, alle lunghe anche lo stare troppo in piedi potrebbe dare problemi a gambe e schiena. È dunque consigliabile non abbandonare mai del tutto la posizione da seduti, ma alternare le due posizioni in modo equilibrato durante l'arco della giornata. Se utilizzate la pedana o il rialzo, sarà necessario sostituire la sedia con uno sgabello che vi consenta, da seduti, di arrivare a livello della vostra nuova scrivania.

811

Sollevare le gambe

Stare per molto tempo in piedi può comportare ad esempio problemi di circolazione. Per evitare che gambe e caviglie si gonfino, è necessario ogni tanto farle riposare. Se il luogo dove lavorate lo consente, dopo aver adottato la posizione da seduti, potreste anche appoggiare i piedi su un tavolo basso o una sedia in modo che le gambe siano più o meno alla stessa altezza del bacino. Se questo non è possibile provate ad ottenere sollievo con un lieve massaggio o applicando una pomata specifica.

911

Cambiare posizione

Come tutte le posizioni, anche quella in piedi, se troppo prolungata, può diventare monotona e provocare dei problemi di postura. Ad esempio, stando troppo tempo alzate, si rischia di gravare sulla parte bassa della schiena, provocando infiammazioni al nervo sciatico: è dunque sempre utile cambiare posizione ogni tanto e fare se possibile una breve passeggiata per sgranchire le gambe ogni 30 o 40 minuti.

1011

Correggere la postura

Quando si sta per troppo lungo in piedi, di solito tendiamo a piegare le spalle ed inarcare la schiena, assumendo una postura errata. Anche se con l'utilizzo della pedana questo rischio appare più limitato, col tempo anche il lavorare in piedi potrebbe provocare problemi alla schiena, fra cui anche lo spostamento o lo schiacciamento delle vertebre (ernia). È molto importante quindi, quando si lavora in piedi, assumere sempre una posizione corretta, con schiena e spalle dritte. Se in ufficio oppure a casa non avete il rialzo, provate a fare uno standing desk fai da te ponendo il monitor del vostro pc e la tastiera sopra dei faldoni o dei libri: la maggiore altezza vi consentirà di non dover assumere una posizione errata.

1111

Fare ginnastica

Per migliorare la postura, è consigliabile, naturalmente quando non lavorate, fare qualche esercizio di ginnastica posturale, oppure frequentare un corso di stretching o di pilates in un centro fitness specializzato. L' esercizio fisico vi permetterà di migliorare col tempo la vostra postura, sia che durante l'orario di lavoro stiate in piedi o seduti. Ricordate infine che un'attività fisica regolare oltre al corpo fa bene anche alla mente, perché consente di lasciarsi alle spalle la fatica e i problemi di una dura giornata di lavoro. Tutti in piedi dunque? Perché no, a patto però di seguire alcune regole basilari come quelle che abbiamo appena detto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Lavorare in un museo: consigli e requisiti

Lavorare in un museo è il sogno e al tempo stesso l'aspirazione di molti, soprattutto di chi è appassionato di arte o di storia. Un lavoro affascinante e che garantisce molte soddisfazioni, a contatto con un ambiente in cui antico e moderno, presente...
Lavoro e Carriera

Consigli per lavorare in proprio

Intraprendere un'attività lavorativa in proprio oggigiorno può essere davvero un compito rischioso. Con la crisi degli ultimi tempi infatti molti settori lavorativi ne hanno risentito. Tuttavia chi è veramente deciso a precorrere questa strada non...
Lavoro e Carriera

Lavorare nel mondo della moda: 10 consigli da seguire

Se il tuo sogno è quello di intraprendere una carriera nel magico mondo della moda, in questo articolo tratteremo passo dopo passo come riuscirci. Come per ogni settore, la moda richiede persone altamente professionali e qualificate. L'originalità e...
Lavoro e Carriera

5 consigli per chi vuole mettersi in proprio

Avviando una propria attività si entra in un mondo spietato e che spesso non perdona, e soprattutto nella situazione economica attuale mettersi in proprio è più che mai un azzardo piuttosto rischioso. Ogni giorno nascono nuovi imprenditori, ma allo...
Lavoro e Carriera

5 consigli per chi vuole diventare freelance

Il mondo del lavoro, così come la nostra società, cambia in modo davvero repentino. Addio al posto fisso, oggi le professioni sono tutte più flessibili, con l'esigenza che il lavoratore sia in grado di reinventarsi in una nuova veste e in un nuovo...
Lavoro e Carriera

Come lavorare da casa col PC

Oggigiorno, è sempre più difficile trovare un lavoro a tempo pieno, nonostante si sia in possesso di diploma o di laurea. I giovani, che un tempo ripiegavano su occupazioni stagionali, per poter essere di aiuto alla famiglia economicamente e sentirsi...
Lavoro e Carriera

Lavorare come infermiere in Germania

Sono molte le persone che scelgono di trasferirsi in Germania per lavorare. Alcuni lo fanno per crescere a livello professionale e accumulare esperienze lavorative. Altri invece cercano un'occupazione fissa che in Italia non trovano. Chi vuole trasferirsi...
Lavoro e Carriera

Come iniziare a lavorare come fotografo

La fotografia non è soltanto un'arte o un hobby: per i più fortunati diventa un mestiere entusiasmante, che permette di girare il mondo, fare conoscenza con tante persone ed esprimere se stessi e la propria creatività. Nella seguente guida, passo dopo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.