Lavorare all'estero: consigli e cose da sapere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La crisi economica iniziata nel 2008 ha avuto conseguenze funeste sull'occupazione. Quest'ultima è calata in modo vertiginoso fino a raggiungere i livelli attuali. Questo stato di cose ha favorito l'emigrazione all'estero per lavorare. In questo tutorial vengono dati alcuni consigli sul lavoro all'estero e sulle cose che bisogna sapere prima di intraprendere questa avventura.

26

Occorrente

  • Carta di idenitità e codice fiscale in Europa, Passaporto in corso si validità per paesi extraeuropei. Conoscenza di almeno 2 lingue straniere.
36

In qualunque paese si sceglie di andare a lavorare la prima cosa da fare è imparare la lingua a un buon livello, soprattutto se non si hanno punti d'appoggio. La Germania è il paese europeo in cui si ha la maggiore offerta; per entrare è sufficiente la carta d'identità valida per l'Europa. Una volta arrivati occorre recarsi all'Ufficio Anagrafe (Einwohnermeldeamt) del comune in cui si sceglie di risiedere; qui viene rilasciato un permesso di soggiorno. In Germania bisogna stipulare l'assicurazione sanitaria; essa inizialmente ha una validità di 3 mesi ed in seguito va regolarizzata. Per poter guidare bisogna fare la conversione della patente che in Germania non ha scadenza.

46

Un'altra meta è il Regno Unito. Per accedere bisogna avere la carta d'identità, il codice fiscale ed un curriculum vitae scritto in inglese. Appena si arriva è necessario ottenere un numero di identificazione per l'assicurazione nazionale (National Insurance number) che serve per l'assunzione e per le tasse. Per avere questo numero bisogna fissare un appuntamento al JobCentrePlus e dimostrare di vivere nel Regno Unito, di lavorare oppure di essere alla ricerca di un impiego. L'assistenza sanitaria è gratuita; se si ha la residenza la patente italiana è valida. Per chi invece vuole uscire dall'Europa e puntare verso l'Australia è consigliabile trovare lavoro in una farm (fattoria) per dedicarsi al raccolto ed alla custodia del bestiame.

Continua la lettura
56

È un lavoro faticoso che si svolge all'aperto esposti alle intemperie e bisogna alzarsi molto presto. Occorre un passaporto e serve il visto Working Holiday Visa (WHA) sia per lavorare che per studiare. Esso ha la validità di 1 anno; se durante questo periodo si dimostra di aver lavorato per almeno 88 giorni il passaporto viene rinnovato per un altro anno. È difficile lavorare in America sia per la difficoltà di avere un visto (dall'Ambasciata o Consolato americano), sia per le restrizioni sui soggiorni degli stranieri. Se il visto è per il turismo (valido per 90 giorni) può essere utilizzato solo per la vacanza, mentre se è per business occorre dimostrare di avere un lavoro negli States.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non partite pensando che sia facile.E' bene cominciare a cercare lavoro già dal paese di origine.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Lavorare all'estero: obblighi e responsabilità

Il tema del lavoro e il fenomeno della mobilità extranazionale dei lavoratori rappresenta sicuramente un argomento di massima delicatezza ed importanza. Proprio per questo motivo negli ultimi decenni si è sviluppata un'importante disciplina in materia...
Lavoro e Carriera

Come lavorare nella ristorazione all'estero

Negli ultimi anni sempre più persone decidono di lasciare l'Italia in cerca di una situazione più stabile o semplicemente per cominciare una nuova vita, lontani da ciò che conosciamo e probabilmente anche da chi ci conosce. Una volta lasciata l'Italia,...
Lavoro e Carriera

10 consigli per trovare lavoro all'estero

Abbiamo deciso di trasferirci all'estero e ci dobbiamo mettere alla ricerca di un nuovo lavoro. Magari in Italia non abbiamo molta fortuna nella ricerca. Oppure ci trasferiamo per motivi personali. O forse, invece, vorremmo fare un'esperienza all'estero,...
Lavoro e Carriera

Lavorare in un museo: consigli e requisiti

Lavorare in un museo è il sogno e al tempo stesso l'aspirazione di molti, soprattutto di chi è appassionato di arte o di storia. Un lavoro affascinante e che garantisce molte soddisfazioni, a contatto con un ambiente in cui antico e moderno, presente...
Lavoro e Carriera

Lavorare nel mondo della moda: 10 consigli da seguire

Se il tuo sogno è quello di intraprendere una carriera nel magico mondo della moda, in questo articolo tratteremo passo dopo passo come riuscirci. Come per ogni settore, la moda richiede persone altamente professionali e qualificate. L'originalità e...
Lavoro e Carriera

Lavoro all'estero: i 5 paesi con più opportunità

Con l'aumentare della disoccupazione e della crisi economica, sono sempre più le persone che provano a cercare lavoro all'estero, tuttavia non sempre sanno cosa cercare né tanto meno a cosa vanno incontro. Lavorare in un paese estero, infatti, significa...
Lavoro e Carriera

Consigli per lavorare in proprio

Intraprendere un'attività lavorativa in proprio oggigiorno può essere davvero un compito rischioso. Con la crisi degli ultimi tempi infatti molti settori lavorativi ne hanno risentito. Tuttavia chi è veramente deciso a precorrere questa strada non...
Lavoro e Carriera

Lavorare in piedi: 10 consigli per chi inizia

L'ultima moda in fatto di salute e benessere non riguarda l'alimentazione o la pratica di qualche nuova disciplina sportiva. Stavolta, ad essere al centro dell'attenzione, è il nostro modo di lavorare. Secondo alcuni studi, infatti, anziché stare seduti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.