La tutela della maternità per lavoratrici a progetto

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Avere un contratto di lavoro a progetto significa svolgere il proprio lavoro in assoluta indipendenza e senza nessun vincolo di subordinazione da parte del committente. Il lavoratore deve avere dei progetti da portare a termine in completa autonomia. In questi casi ci si chiede se esistano delle tutele particolari per i lavoratori. Nella seguente guida, passo dopo passo, approfondiremo l'argomento della tutela della maternità per lavoratrici a progetto.

24

Requisiti

È lecito chiedersi se anche i lavori a progetto prevedano la tutela della maternità e la risposta è affermativa. Sia che si tratti di libere professioniste senza cassa oppure di lavoratrici parasubordinate, tutte le donne lavoratrici hanno diritto al congedo e all'indennità di maternità da parte dell'INPS esattamente come tutte le lavoratrici dipendenti. Questo diritto lo si ha per cinque mesi. Un requisito indispensabile riguarda i contributi. L'indennità è pari all'80% della retribuzione media giornaliera percepita calcolata sui 12 mesi precedenti al periodo indennizzabile. Nel caso in cui il periodo sia inferiore ai 12 mesi, il calcolo verrà fatto nell'intervallo di tempo intercorso tra l'iscrizione alla gestione separata e l'inizio del periodo in questione.

34

Modalità di fruizione

Per usufruire della tutela di maternità si deve presentare la domanda presso la sede INPS competente di zona. Questo deve essere fatto entro 1 anno dalla fine del periodo di indennizzo. In alcuni casi è bene sapere che lo Stato mette a disposizione degli assegni per le lavoratrici che non raggiungono determinate soglie riguardanti l'indennità di maternità. Un altro requisito indispensabile per poter usufruire del congedo di maternità consiste nell'effettiva astensione della lavoratrice dal lavoro. Questa deve essere dimostrabile con una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da parte del lavoratore e del committente.

Continua la lettura
44

Iscrizione alla gestione separata INPS

L'iscrizione alla gestione separata INPS è necessaria per potersi avvalere di quanto previsto. Essa è una vera e propria riforma pensionistica che mira a tutelare i lavoratori per potergli permettere di usufruire di tutte le disposizioni di legge che sono rivolte loro. Il congedo obbligatorio di maternità, l'indennità di maternità, l'interdizione anticipata per gravidanza e altri casi sono previsti solo e soltanto se si effettua questa iscrizione. Avendo questi requisiti anche le lavoratrici a progetto possono avvalersi della tutela della maternità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come ottenere l’assegno di maternità

La nascita di un bambino, o l'arrivo di un piccolo bimbo adottato, è un evento bellissimo che riempie sempre tutte le famiglie di grande gioia. Questo evento, però, diciamolo pure, comporta dei costo non indifferenti, perché come ben sappiamo i bambini,...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità obbligatoria

La maternità obbligatoria rappresenta il periodo in cui la madre lavoratrice deve esimersi dal lavoro. Qui di seguito, verranno riportate le 5 cose più importanti da sapere sul congedo obbligatorio, trascritte nel decreto legislativo n. 151 del 26 marzo...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità anticipata

Per le donne durante il periodo di gravidanza, è sicuramente fastidioso recarsi al lavoro, perché molte aziende non riescono a concedere il periodo che spetta da dedicare alla maternità. In realtà secondo la legge, deve essere assolutamente previsto...
Previdenza e Pensioni

Come stipulare un'assicurazione per la tutela giudiziaria

L'assicurazione per la tutela giudiziaria può aiutare a fare un reclamo, se si viene coinvolti in un incidente o una disputa di lavoro. Si tratta di un tipo specializzato di assicurazione stipulata per coprire il costo delle spese legali, comprese le...
Previdenza e Pensioni

Tutela sanitaria per badanti e colf

Le figure professionali della badante e colf sono sempre più diffuse e, giustamente devono essere tutelati anche dal punto di vista assistenziale. Per questo motivo, il momento in cui è stato sottoscritto il contratto nazionale per i lavoratori domestici,...
Previdenza e Pensioni

Come trattare contabilmente il periodo di astensione per maternità

Le assunzioni di impiegate femminili aumentano sempre di più, come dovrebbero, ma anche i problemi non fanno che moltiplicarsi. Quando un datore di lavoro assume una lavoratrice di sesso femminile, essa avrà bisogno di un periodo di astensione dagli...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla maternità facoltativa

Quando una lavoratrice è in dolce attesa segue, su indicazione del suo medico, un fitto protocollo di analisi e visite di controllo, per monitorare lo sviluppo del bambino. Ma è necessario che sia informata su diritti e doveri che le spettano e, soprattutto,...
Previdenza e Pensioni

Le principali caratteristiche del congedo parentale

Nel diritto del lavoro italiano, il congedo parentale o astensione facoltativa, è una forma di previdenza facoltativa che prevede un periodo di astensione dall'attività lavorativa per consentire al lavoratore di adempiere appieno alla sua funzione familiare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.