Insegnanti di sostegno nella scuola primaria: titoli e concorsi

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La figura dell'insegnante di sostegno, nasce come docente specializzata per seguire bambini portatori di handicap; la sua preparazione esula totalmente da quella dei comuni insegnanti. La sua introduzione nell'ambito della scuola, soprattutto in quella primaria, è stata voluta per cercare di riavvicinare le distanze che si possono creare tra gli alunni più disagiati, sia a livello fisico che con gravi lacune culturali. Vediamo ora quali sono i titoli e i concorsi per diventare insegnante di sostegno.

27

Occorrente

  • Laurea in Scienze della Formazione Primaria
  • corso di formazione e specializzazione
  • inserimento nella graduatoria ad inserimento
37

Ruolo

A partire dall'anno 1992 questa figura è stata inserita per legge in tutte le scuole di ogni ordine e grado. La sua presenza di affiancamento agli insegnanti di ruolo, viene decisa in base alle reali necessità degli alunni ai quali prestare attenzione: più è alta la necessità dei ragazzi, più aumentano le ore di compresenza. Il ruolo dell'insegnante di sostegno, in genere, si svolge maggiormente al di fuori dell'aula, a stretto contatto con gli alunni da seguire, svolgendo un programma parallelo, ovvero più semplificato di quello degli altri alunni, in modo da facilitare l'apprendimento dei ragazzi.

47

Contratti

Si tratta di insegnanti che non sempre godono di un contratto a tempo determinato, anzi il più delle volte sono precari. Il numero massimo degli alunni che possono seguire nel corso di un anno scolastico è di 4, 5 invece sono gli anni che possono esercitare questa professione. Per trovare impiego in questa categoria bisogna essere in possesso di determinati requisiti. Il titolo di studio richiesto la laurea in Scienze della Formazione Primaria: solo con esso si può avere poi l'accesso ad un corso di formazione e specializzazione. Una volta in possesso di questa ulteriore qualifica, il futuro insegnante dovrà provvedere ad iscriversi presso le liste chiamate "graduatorie ad esaurimento".

Continua la lettura
57

Categorie

Queste graduatorie sono a loro volta suddivise in tre sotto categorie: le prime due sono formate dagli insegnanti che hanno conseguito alcuni anni d'insegnamento a livello di supplenze; sono questi soggetti ad avere maggiori probabilità di venire chiamati. L'altro livello invece è destinato a tutti coloro i quali sono in possesso di un basso punteggio rispetto ai tempi lavorativi effettuati. L'iscrizione presso queste liste è totalmente a carico degli insegnati interessati; in mancanza di presentazione, in caso di richiamo, è prevista la cancellazione immediata da tali liste, ma è sempre possibile chiedere il reinserimento.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare professore di musica

Se siamo degli manti della musica e ci piacerebbe poter trasmettere questa nostra passione ad altre persone, allora il lavoro che potrebbe fare al caso nostro sarà sicuramente il docente di musica. Tuttavia riuscire a diventare dei professori di questa...
Lavoro e Carriera

5 consigli per le insegnanti di sostegno

All'interno di scuole ed istituti, i bambini e i ragazzi certificati come diversamente abili sono, purtroppo, inseriti in un contesto spesso difficile da affrontare. Per seguire il loro percorso al fine di renderlo più semplice e privo di ostacoli è...
Lavoro e Carriera

Come diventare maestra di scuola elementare

Non c'è nulla di più bello che poter lavorare con i bambini e stare a stretto contatto con loro, educarli e contribuire a farli crescere sani, educati e rispettosi del prossimo. Diventare insegnati si può. Soprattutto se ci piace stare a contatto con...
Lavoro e Carriera

Come diventare professore di chimica e fisica

Ogni giorno chi decide di intraprendere la strada dell'insegnamento sceglie una strada lunga e difficile, in quanto questa richiede molto impegno e molto interesse nello studio della materia che si desidera insegnare. Se si desidera insegnare materie...
Lavoro e Carriera

Come diventare insegnante d'asilo

Gli insegnanti di scuola materna sono delle figure molto importanti coinvolte nell'istruzione e nello sviluppo dei bambini che sono in genere tra i 2 e i 5 anni. Questi guidano la crescita intellettuale ed interpersonale dei bambini attraverso il gioco,...
Lavoro e Carriera

Le qualità di un bravo insegnante

L'insegnamento è un mestiere difficile e sottovalutato, sia da chi lo pratica sia da osservatori esterni. I primi si sentono spesso in diritto di abusare della propria posizione, i secondi giudicano senza sapere. Anche quando un insegnante è bravo nel...
Lavoro e Carriera

Come diventare insegnante di inglese

Coloro che desiderano diventare insegnanti di lingue devono seguire un percorso specifico, che permette di poter accedere alle classi d'insegnamento dopo aver acquisito le competenze necessarie. Se siete interessati a scoprire come sia possibile diventare...
Lavoro e Carriera

Concorso a cattedra: cos'è

In questa guida ci occuperemo di fornire alcuni dettagli utili per capire cos'è il cosiddetto Concorso a Cattedra, un argomento molto delicato se si pensa alle responsabilità che ciascun pretendente alla cattedra deve avere. Chi partecipa (e vince)...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.