Indennità di accompagnamento: i criteri secondo INPS

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Cos'è l’indennità di accompagnamento? Chi ha titolo per farne richiesta e quali criteri vengono adottati dall'INPS per vagliare le domande e garantire il sussidio agli aventi diritto? Proprio a queste domande troverete risposta nella guida a seguire. Nella sostanza l’indennità di accompagnamento è un riconoscimento economico statale erogato dall'INPS in favore di soggetti menomati o invalidi per i quali è provata la non autonomia deambulatoria senza l’ausilio permanente di un accompagnatore o l’inabilità a svolgere normali azioni di vita quotidiana.

26

A chi spetta l'indennità di accompagnamento

L’indennità, che è interamente a carico dello Stato, è dovuta alle persone dichiarate totalmente invalide per il solo titolo della minorazione, senza tenere conto del reddito individuale del soggetto, del suo patrimonio o di quello del nucleo familiare di appartenenza. È evidente che l'INPS, dovendo erogare un riconoscimento economico congruo, adotta dei criteri di valutazione volti ad accertare la giusta causa con cui il richiedente presenta la domanda.

36

Età e attività lavorativa compatibile

L’INPS stabilisce inoltre che i soggetti portatori di disabilità totale permanente possano, mantenendo il diritto all'indennità di accompagnamento, svolgere la propria attività lavorativa. L’assegno di accompagnamento inoltre è interamente svincolato dall'età della persona e come tale è previsto anche per i soggetti minorati che abbiano superato i 65 anni di età.

Continua la lettura
46

Accertamento sanitario

La presentazione della domanda di indennità di accompagnamento va supportata da un certificato medico introduttivo rilasciato dal medico di base. L'INPS richiede questo "accertamento sanitario" perché in base alle valutazioni mediche può riconoscere il grado di invalidità prima nella sua fase sanitaria e poi nei suoi aspetti amministrativi. A tal fine, l'INPS richiede che il certificato riporti sia i dati anagrafici ed il codice fiscale e sanitario dell'interessato, sia l'identificazione precisa delle patologie di cui l'invalido è portatore con la diagnosi prescritta.
L'Ente richiede altresì che il medico invii in forma digitale il certificato, tramite il sito web www.inps.it.

56

Territorialità

Il criterio adottato dall'INPS si basa prioritariamente sulla valutazione del medico di base, che accerta il grado di inabilità permanente. Successivamente, uno dei criteri di valutazione adottato è la territorialità del diritto. In altri termini vengono considerati aventi diritto tutti i cittadini italiani o intracomunitari residenti in Italia, nonché tutti i cittadini extra-UE aventi permesso di soggiorno CE di lungo periodo.

66

Esclusioni al diritto di indennità di accompagnamento

Nel valutare le domande presentate, l’INPS esclude dal diritto all’indennità di accompagnamento alcune situazioni congiunturali relative gli invalidi che:
- vengano ricoverati a titolo gratuito in un istituto per più di 30 giorni
- percepiscano un altro assegno di invalidità (esempio invalidità di guerra, di servizio, di lavoro etc) fatto salvo il diritto di conservare l’indennizzo più vantaggioso.
La concessione dell'indennità viene rinnovata di anno in anno.
L’accesso all'indennità di accompagnamento è invece cumulabile con la pensione di invalidità e con gli indennizzi/pensioni per gli ipovedenti (totali o parziali), poiché si tratta un assegno integrativo alla pensione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come chiedere l'indennità di accompagnamento

Dal 1980 tutte le persone che, a causa di malattie fisiche o psichiche, non hanno la possibilità di compiere le azioni quotidiane della vita senza l'assistenza di un accompagnatore, possono godere della cosiddetta indennità di accompagnamento. Solitamente...
Previdenza e Pensioni

Come chiedere l'indennità di invalidità per i dipendenti pubblici

Se siamo dipendenti pubblici e abbiamo subito un infortunio che non ci permette di svolgere la nostra attività, dobbiamo sapere che esiste una procedura che ci consente di ottenere l'invalidità permanente, ovviamente sempre nel caso in cui ci siano...
Previdenza e Pensioni

Come funziona la pensione di accompagnamento

La pensione di accompagnamento è un particolarissimo sostegno di tipo economico che viene erogato dall'INPS alle persone con una invalidità pari al 100% che hanno difficoltà a muoversi autonomamente o che hanno bisogno di cure continue. Se ci troviamo...
Previdenza e Pensioni

Invalidità civile: requisiti per ottenerla

La legge 118/1971 all'articolo 2 definisce cosa sia l'invalidità civile. Qualsiasi persona affetta da menomazioni che gli impediscono un normale svolgimento della propria attività può avere diritto ad avere dei vantaggi economici o socio-sanitari...
Previdenza e Pensioni

ASPI: come presentare domanda all'INPS

La disoccupazione è purtroppo un problema estremamente diffuso nel nostro Paese. Grazie alla previdenza sociale è però possibile avere un aiuto in caso di disoccupazione involontaria. Dal 2013 l'INPS può concedere l'ASPI, ovvero il nuovo sussidio...
Finanza Personale

Come richiedere la pensione di inabilità

La pensione di inabilità è un sussidio che spetta al lavoratore dipendente o autonomo affetto da infermità fisica o mentale. Tale sussidio è garantito dalla legge 222 del 12 giugno 1984 entrata in vigore il primo luglio dello stesso anno. Il grado...
Finanza Personale

Come calcolare l'indennità di malattia

L'indennità di malattia è un risarcimento in denaro riconosciuto ai lavoratori quando questi sono impossibilitati, a causa di una malattia, ad assolvere ai loro doveri lavorativi. L'indennità di malattia è a carico dell'INPS e non è un diritto di...
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo di maternità obbligatoria INPS

Il momento più bello della vostra vita è arrivato, finalmente siete in dolce attesa e dovete conciliare il lavoro con la maternità. All’inizio è facile e non avete nessun problema, ma quando il pancione inizierà a crescere non potrete più svolgere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.