IMU per i coniugi separati

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Gli aspetti della vita emotiva si ripercuotono anche sulle pratiche burocratiche, una di queste riguarda il pagamento delle tasse. In particolare stiamo parlando dell'IMU. Ormai tutti conosciamo l'IMU, ovvero l'Imposta Municipale Unica, che ha sostituito le vecchie Ici e Irpef. Per i coniugi separati la procedura è leggermente diversa, e in questa guida l'analizzeremo dettagliatamente. Quanto stiamo per descrivere riguarda il caso di separazione legale, ovvero una separazione che ha effetti in termini di legge, e non una separazione intesa come allontanamento di uno dei due coniugi. Vediamo quindi come funziona l'IMU per coniugi separati.

27

Occorrente

  • Avvocato
37

Assegnatario dell'immobile

L'IMU va pagata due volte l'anno: a giugno e a dicembre. La situazione è piuttosto semplice per chi è proprietario dell'immobile ed ha un proprio nucleo familiare. La situazione è invece ben più diversa e complicata per i coniugi separati. In caso di coniugi separati legalmente o divorziati, l'immobile viene assegnato dal giudice ad uno dei due, solitamente la donna, alla quale spetta anche la tutela dei figli. In questo caso, l'IMU sarà a carico dell'assegnatario dell'immobile anche se non è il proprietario. Quindi, gli spettano le agevolazioni relative alla prima casa di 200 € e la detrazione di 50 € per ogni figlio a carico fino ad un massimo di 400 €.

47

Detrazione dell'IMU

Per ottenere queste detrazioni, il primo figlio deve avere un'età non superiore ai 26 anni e la residenza nell'abitazione. Invece, per l'altro coniuge che dimora nello stesso comune ma in un'altra abitazione di sua proprietà, paga un'aliquota che può variare tra il 4 e il 6%, a seconda di come viene stabilito dal comune di residenza. Dal punto di vista giuridico, la questione tra due coniugi separati è tutt'oggi oggetto di discussione tra gli enti preposti, in quanto si sta cercando di individuare le cause che portano spesso gli interessati a rivolgersi ai giudici per modificare la sentenza.

Continua la lettura
57

Discrepanze della sentenza

Tale sentenza, infatti, pur privilegiando il coniuge più debole economicamente, è allo stesso tempo contraddittoria perché se la mancanza di entrate economiche lo ha favorito da un lato, con l'introduzione dell'IMU lo ha costretto a rivolgersi alla magistratura e ad impugnare la sentenza asserendo di non essere in grado di accollarsi la spesa dell'imposta, proponendola di dividerla equamente con l'ex coniuge. In alcuni casi, il contenzioso tra separati si risolve con quest'ultima proposta, ma in maniera del tutto bonaria; tuttavia, i legislatori al momento si sono prefissi di modificarla in futuro.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come chiedere il rimborso dell'IMU pagato in eccesso

L’IMU, Imposta Municipale Unica, è il tributo applicato ai beni immobili patrimoniali. Nata come sostituzione della precedente ICI, si immette nel sistema tributario italiano nel 2013, sotto il Governo Monti. Prevede l’immissione dell’imposta sulla...
Case e Mutui

Come calcolare l'IMU sui terreni agricoli

Mentre la vecchia Imposta Comunale sugli Immobili, conosciuta con la sigla ICI, non prevedeva un pagamento per i proprietari di terreni agricoli, l'IMU (Imposta Municipale Unica) prevede anche il pagamento di questi ultimi, che prima erano completamente...
Case e Mutui

Come calcolare l'IMU sulle aree edificabili

I terreni edificabili, in quanto tali, sono soggetti all'Imposta Municipale Unica. Per calcolare l'IMU sulle aree edificabili occorre fare riferimento al valore venale del terreno al primo giorno dell'anno in corso, applicandovi l'aliquota ordinaria....
Case e Mutui

Come compilare il modello F24 per l'IMU

Coloro che non possiedono la partita Iva devono provvedere al pagamento del Modello F24, mediante lo stesso è possibile pagare tributi, imposte previste da parte del sistema economico del nostro Paese. Tra queste imposte abbiamo l'IMU. Questa tipologia...
Case e Mutui

Come risparmiare sull'imu

In questa guida verranno date utili informazioni su come risparmiare sull'Imu. Come molti di voi sapranno, essa si tratta di una imposta di tipo municipale unica. È una vera e propria tassa che deve essere pagata in relazione a tutti coloro che possiedono...
Case e Mutui

Come calcolare l'ICI sulle abitazioni e sui box auto

Dall'anno 2012 è entrata in vigore l'Imposta Municipale Unica ("IMU"), che ha preso il posto dell'Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche ("IRPEF") e dell'Imposta Comunale sugli Immobili ("ICI"); a partire dal 2013, però, l'IMU non deve essere più...
Case e Mutui

Come ottenere le agevolazioni fiscali per l'acquisto della prima casa

La legge di stabilità del 2016 ha introdotto una serie di novità attinenti la prima casa, cercando di alleviare in un certo qual modo il peso fiscale. Le agevolazioni riguardano diversi tipi di tassazione e hanno ad oggetto non solo l'immobile già...
Case e Mutui

Come detrarre le spese per la ristrutturazione della prima casa

Per chi avesse un'abitazione principale e volesse ristrutturarla può beneficiare delle agevolazioni fiscali governative e usufruire di una detrazione pari al 50% su una spesa massima consentita di 96.000,00 euro (a unità immobiliare) se la ristrutturazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.