Imprenditore, commerciante e artigiano: le differenze

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Imprenditore, commerciante e artigiano sono tre importanti figure presenti nel mercato nazionale e disciplinate dal codice civile. Ciascuna di queste figure è assoggettata ad uno speciale regime, che incide direttamente sui rapporti giuridici che la interessano. Nei passi seguenti potete leggere alcune informazioni riguardo queste tre categorie imprenditoriali e, in particolare le differenze.

26

Prima dell'emanazione del codice civile, la figura dell'imprenditore non era presa in considerazione: le attività commerciali prevedevano la figura del commerciante, il cui lavoro veniva regolato dal codice di commercio. Oggi, secondo l'art. 2082 del codice civile, l'imprenditore è colui che esercita professionalmente un'attività economica organizzata, col fine di produrre e scambiare beni o servizi. L'imprenditore si suddivide poi, a seconda della natura, in imprenditore agricolo e imprenditore commerciale; a seconda delle dimensioni dell'impresa in piccolo o medio-grande imprenditore; a seconda del numero dei soggetti in individuale oppure collettivo. Quella dell'imprenditore, quindi, è una categoria generale che racchiude, al suo interno, le varie tipologie imprenditoriali.

36

Il commerciante o imprenditore commerciale è il titolare di un'impresa organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia. Opera nel settore commerciale, nel terziario e nel turismo e non è soggetto a limiti dimensionali. L'imprenditore commerciale è un qualsiasi imprenditore che eserciti una delle attività elencate nell'art. 2195 del codice civile, e cioè un'attività di produzione di beni o servizi, un'attività di circolazione dei beni, un'attività di trasporto, un'attività bancaria o assicurativa o delle attività ausiliarie delle precedenti. Dallo status di imprenditore commerciale deriva l'obbligo di iscriversi nel Registro delle imprese, di tenere le scritture contabili, inoltre viene assoggettato al fallimento e ad altre procedure concorsuali. L'attività principale è quella speculativa, vale a dire il conseguimento di profitti derivanti dalla compravendita di merci.

Continua la lettura
46

L'imprenditore artigiano è colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare, l'impresa artigiana, assumendosi la piena responsabilità, con tutti i rischi e gli oneri derivanti. L'artigiano non solo deve gestire l'attività, ma deve anche esercitare la propria attività, anche manuale, all'interno del processo produttivo, deve quindi intervenire nella produzione e nella gestione dell'impresa. L'impresa artigiana deve rispettare alcuni limiti dimensionali e la maggioranza dei soci deve svolgere il proprio lavoro personale, anche manuale, all'interno dell'impresa. Il lavoro dev'essere il fulcro dell'impresa artigiana e deve prevalere sul capitale: può essere svolta con la forma di cooperativa oppure S. R. L.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Le principali differenze tra impresa individuale e società

Quali sono le principali caratteristiche che separano la ditta individuale dalla società? E cosa intendiamo, nello specifico, quando ci riferiamo a ciascuna di queste due forme societarie? In questa guida vogliamo illustrarvi le più importanti differenze...
Aziende e Imprese

Differenze tra società per azioni quotate e non quotate

Una società per azioni è un'azienda che presente un'autonomia finanziaria indipendente. Lo sviluppo economico di una società per azioni accresce in base all'utilizzo delle azioni. Si definisce azione quando si investono dei soldi in borsa, cosi da...
Aziende e Imprese

Porto franco e porto assegnato: guida alle differenze

Al giorno d'oggi fare shopping è diventato particolarmente semplice e veloce, grazie alla possibilità di poter effettuare degli acquisti direttamente su internet. Questa tipologia di acquisti è prediletta soprattutto da tutte le persone che non hanno...
Aziende e Imprese

Differenze tra società di capitali aperte e chiuse

Le società di capitali sono delle forme giuridiche che le imprese di tipo più svariato assumono per operare nei loro settori di riferimento. Le principali società di capitali che attualmente operano in Italia sono le ben note S. P. A., cioè le Società...
Aziende e Imprese

Acquisto PC per le aziende: come ottenere il credito di imposta

I supporti informatici sono diventati oggi assolutamente necessari per avviare qualsiasi tipo di attività. Sia che si apra un negozio di abbigliamento che un supermercato, si ha comunque bisogno di avere dei computer a disposizione sia per prendere idee...
Aziende e Imprese

Il trasferimento dell’azienda e del ramo d’azienda: la normativa

Per azienda si intende il complesso dei beni organizzati da un imprenditore per l'esercizio dell'attività di impresa. In determinati casi può accadere che l'azienda, o una parte di essa, venga ceduta ad altro imprenditore per la continuazione dell'esercizio...
Aziende e Imprese

Come rendere più produttiva un'azienda

Un'azienda è un complesso di mezzi e persone il cui obiettivo è quello di soddisfare i bisogni umani attraverso la produzione, la distribuzione oppure il consumo di beni economici. Ogni componente in un'azienda è fondamentale per la sua sopravvivenza....
Aziende e Imprese

Come aprire partita iva

La partita IVA è una serie di cifre utili a identificare in maniera univoca il contribuente: è costituita da 11 numeri, di cui i primi 7 identificano lo specifico contribuente, mentre i successivi 3 servono ad identificare il codice dell’Ufficio delle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.