Il nuovo regolamento di condominio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

D'ora in poi i rapporti fra condomini saranno disciplinati dal nuovo regolamento di condominio. Le "modifiche alla disciplina del condominio negli edifici" entrano in vigore dal 18 giugno 2013 (la relativa Legge è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale nel 2012) ed introducono molte novità rispetto alle precedenti regole condominiali, interessando sia i proprietari degli appartamenti che gli amministratori in carica. Se siete interessati a questo argomento, qui di seguito vi sarà spiegato, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come funziona il nuovo regolamento di condominio.

26

Occorrente

  • Essere condomini
36

L'assemblea condominiale

Una significativa novità prevede che l'assemblea condominiale possa chiedere, a chi è in carica per amministrare l'edificio, di aprire e gestire un sito internet. Le spese di attivazione saranno a carico dei condomini, i quali potranno consultarlo per informarsi su tutti i documenti relativi ad assemblee, spese e verbali. La riforma, inoltre, riguarda anche i proprietari di animali. Viene infatti sancito espressamente che non si può vietare in nessun caso di possedere animali domestici. Viene, infine, aggiornata la sanzione per chi non rispetta il regolamento di condominio: l'entità di tale sanzione potrà arrivare a 200 euro, e raggiungere gli 800 in caso di recidiva.

46

Il riscaldamento

Il riscaldamento è un altro aspetto importante del nuovo regolamento. Ogni condomino potrà, infatti, distaccarsi dall'impianto centralizzato per attivarlo in maniera autonoma. Questo però a patto che con la rinuncia non causi aumenti di spesa o squilibri dannosi agli altri condomini, e che continui a partecipare alle spese di manutenzione straordinaria e di conservazione dello stesso. Sono inoltre rafforzate le misure per fronteggiare i proprietari morosi. In caso di prolungato mancato pagamento delle rate condominiali si potrà incorrere in un vero e proprio decreto ingiuntivo.

Continua la lettura
56

Il nuovo regolamento

Con il nuovo regolamento, l'amministratore di condominio ha molti più obblighi e responsabilità. Egli deve tenere un registro condominiale in cui annotare ed aggiornare tutti i dati relativi a coloro che possiedono parti dell'immobile, ma anche informazioni e dati catastali dell'immobile stesso. È tenuto, su richiesta dell'assemblea condominiale, a stipulare una polizza assicurativa individuale che copra le sue eventuali responsabilità civili nell'esercizio del ruolo. La sua carica avrà la durata di un anno, al termine del quale potrà essere rinnovata oppure revocata con conseguente nomina di un nuovo amministratore.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se vi accorgete che i vostri diritti vengono "calpestati", rivolgetevi alle autorità competenti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come modificare un regolamento condominiale

Convivere è già difficile di suo, se poi si ha a che fare con molti altri condomini con cui non si va d'accordo all'interno del proprio palazzo allora tutto ciò diventa davvero impossibile. Per questo di tanto in tanto vengono nominati degli amministratori...
Case e Mutui

Come comportarsi in caso di contrasti in un condominio

In questa guida, pratica e veloce, che abbiamo deciso di proporvi, vogliamo aiutarvi a capire come poter comportarsi in caso di contrasti all'interno di un condominio, in modo tale da non incorrere in problemi e guai e finire con il litigare con gli altri...
Case e Mutui

Come gestire le spese straordinarie di condominio

Al momento dell'acquisto di un appartamento in condominio, si diventa subito parte di un gruppo di proprietari che sovvenzionano il funzionamento del condominio stesso, sia che si tratti di un edificio che di un complesso residenziale. I condomini di...
Case e Mutui

La gestione del condominio

In genere si sceglie tra una proprietà indipendente o un appartamento in condominio. Dato che il principale parametro di scelta è il costo di acquisto, molto spesso si è obbligati a scegliere l'appartamento in condominio, soluzione evidentemente più...
Case e Mutui

Come Revocare Un Amministratore Di Condominio

L'amministratore di condominio è la persona che ha il potere esecutivo all'interno di un condominio. L'amministratore non instaura nessun rapporto con il condominio in quanto persona non giuridica, ma con i singoli condomini, che invece sono personalità...
Case e Mutui

Come tutelarsi se un amministratore di condominio ha lasciato dei pagamenti insoluti

Non è raro scoprire che un amministratore di condominio abbia tralasciato il pagamento di alcune bollette condominiali come le bollette dell'acquedotto o altri pagamenti da sostenere per conto dei condomini. Con l'arrivo di un nuovo amministratore, vengono...
Case e Mutui

Come cambiare amministratore di condominio

L'amministratore gestisce le criticità di un condominio. Risolve i problemi ed i disguidi per i beni comuni. Mitiga eventuali incomprensioni tra i condomini, trovando un accordo tra le parti. Non sempre però questa figura professionale svolge adeguatamente...
Case e Mutui

Come revocare l'amministratore di condominio

La maggior parte dell'ente persone nell'epoca moderna vive in un condominio. Nonostante questo fatto abbia anche dei notevoli vantaggi, c'è comunque bisogno di designare un amministratore di condominio che si occupi di tutti i problemi e della gestione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.