Il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione dei debiti

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Gestire un'azienda non è semplice ed in periodo di crisi lo diventa sempre meno. Molti imprenditori rischiano di dichiarare fallimento, però per evitare di raggiungere questo terribile punto, si possono intraprendere altre vie, come il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione dei debiti. Nei seguenti passaggi ci occuperemo di questi due punti, spesso necessari per la salvezza di un'impresa.

25

Il concordato preventivo è un istituto giuridico, riassumendo, è una procedura tramite la quale un imprenditore cerca un accordo con i suoi creditori per evitare la dichiarazione di fallimento e cercare di uscire dalla crisi. Sono necessari però alcuni requisiti per poter usufruire di questa procedura: non bisogna essere un ente pubblico o un'impresa agricola, ma una società privata o un imprenditore individuale. Il titolare in crisi, può, attraverso il concordato preventivo, proporre ai suoi creditori un accordo con diverse alternative, tra le quali la ristrutturazione dei debiti in qualsiasi forma, ad esempio con la cessioni di beni, di azioni, o di qualsiasi altro strumento finanziario.

35

Insieme alla domanda da presentare al commissario giudiziale, dovranno essere allegati anche altri documenti: un bilancio d'esercizio attestante la situazione patrimoniale e finanziaria, nonché il risultato economico dell'azienda durante l'esercizio analizzato; una relazione che stimi tutte le attività dell'impresa nel suddetto periodo; l'elenco dei titolari di tutti i diritti reali o personali all'interno dell'azienda; una relazione che dimostri il valore di tutti i beni del titolare ed i nomi di eventuali creditori degli altri soci con responsabilità illimitata.

Continua la lettura
45

Gli accordi di ristrutturazione devono essere depositati presso il tribunale competente e devono avere almeno il 60% di creditori aderenti, l'elenco dei creditori personali degli altri soci a responsabilità illimitata, la relazione di fattibilità degli accordi stessi e la capacità di soddisfare tutti i creditori estranei agli accordi. Stipulati gli accordi, essi dovranno essere iscritti nel registro delle imprese, dopo l'iscrizione per 60 giorni sarà in vigore il divieto di intraprendere azioni esecutive individuali nei confronti del debitore da parte dei creditori e 30 giorni come termine ultimo per fare opposizione. La procedura sarà conclusa se omologata dal tribunale, ovviamente se non ci saranno opposizioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Società semplice: debiti sociali e debiti personali

L'Ordinamento italiano distingue le società in due grandi gruppi: società di persone e società di capitali. La società semplice, in particolare, rientra nel novero delle società di persone. Si tratta del tipo più elementare di società e si caratterizza...
Aziende e Imprese

Come fare un bilancio preventivo

La creazione di un bilancio preventivo può essere estremamente difficile e rischiosa se non fatta nella maniera corretta. Tant'è che soltanto il 40% circa delle famiglie decide di eseguirlo e di affidarsi ad esso. Ad ogni modo, è bene sapere sin da...
Aziende e Imprese

Come richiedere l'emissione di un preventivo

Oggi in questa guida cercheremo di capire esattamente come richiedere l'emissione di un preventivo, qualsiasi sia la nostra ditta in questione. Come ben sappiamo tutte le aziende, prima di acquistare della merce cercano di farsi un'idea approssimativa...
Aziende e Imprese

Come fare un preventivo di lavoro

Come vedremo nel corso di questa guida, realizzare un preventivo di lavoro perfetto, consente ad un nostro potenziale cliente di valutare adeguatamente le specifiche condizioni che gli offriamo, e dunque aumentare le possibilità che egli possa firmare...
Aziende e Imprese

Come chiudere una ditta individuale con debiti

La crisi che sta aggredendo già da un decennio buona parte del pianeta, sta facendo in modo che gli italiani debbano ricorrere davvero ai ripari. Oltre ai privati, anche le aziende temono molto questo problema, infatti, i primi a risentirne di tutto...
Aziende e Imprese

Come fare un preventivo edile

Costruire la casa è un processo che richiede sicuramente una grande quantità di pianificazione e di controllo del budget, in quanto ci sono molti punti di valutazione differenti, soprattutto per il calcolo delle spese che occorrono per la costruzione...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di rotazione dei crediti e dei debiti

Ogni azienda ha l’esigenza di tenere sotto controllo con una certa regolarità la propria disponibilità di liquidità, per evitare ripercussioni negative sull’intera attività. Per questo deve ricorrere all’utilizzo degli indici: l'analisi per...
Aziende e Imprese

I principali obblighi del venditore e del compratore

Quando avviene una compravendita ci sono degli obblighi precisi che vanno rispettati, sia dalla parte del venditore che di colui che compra il bene in questione. Perché la compravendita sia valida occorre prima di tutto che le due parti siano in grado...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.