Il calcolo della busta paga

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Chiunque abbia mai ricevuto una busta paga, avrà di certo notato che al suo interno vengono riportati diverse voci e importi. Infatti, oltre alle informazioni del lavoratore e dello stipendio netto, devono essere indicate anch tutte le tassazioni e le trattenute che l'azienda ha applicato. Quando non ha un ufficio con impiegati assegnati a questo compito, il datore di lavoro si avvale spesso della consulenza di un dottore commercialista. Per questo, il calcolo della busta paga non è affatto semplice. Quindi di seguito, vi parlerò nel dettaglio di come si presenta e si determina una busta paga. Il seguente documento dovrà contenere tutte le voci concorrenti alla formazione della retribuzione netta da avere per aver eseguito delle prestazioni lavorative in un certo periodo temporale. Andiamo a vedere come fare.

24

Componenti della busta paga

La busta paga viene chiamata anche "cedolino" e risulta essere un documento che il datore di lavoro deve necessariamente presentare ad ognuno dei suoi lavoratori dipendenti. Generalmente, la busta paga si compone di una parte iniziale contenente i dati identificativi del datore di lavoro o della società e del lavoratore dipendente (dati anagrafici e bancari). Essa contiene anche la posizione INPS e INAIL, la qualifica, e il livello d'inquadramento riguardanti il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL) applicato. Quest'ultimo stabilisce l'importo della retribuzione base, determinato secondo le ore (per gli operai) oppure i giorni (per gli impiegati) di lavoro effettivo, inclusi gli straordinari, le ferie, la malattia, la maternità, gli infortuni più eventuali assenze o permessi retribuiti o meno.
La seconda parte della busta paga prevede un insieme di voci. Esempi sono gli scatti di contingenza e anzianità, i superminimi, le trattenute fiscali e previdenziali (che possono essere comunali e/o regionali), l'assegno per il nucleo familiare (se domandato), eventuali bonus o benefici riconosciuti e le detrazioni fiscali alle quali ha diritto il lavoratore dipendente.

34

Calcolo dello stipendio netto

La somma ottenuta va arrotondata per eccesso o difetto. Essa stabilisce l'imponibile contributivo su cui andrà applicata l'aliquota del 9,19% (per imprese fino a 15 dipendenti) o del 9,49% (per società con più di 15 dipendenti). In questo modo, avrete l'importo riguardante i contributi a carico del lavoratore.
Togliendo quest'ultimi all'imponibile contributivo, si ottiene l'imponibile fiscale. Su esso andrà calcolata l'imposta sul reddito dovuta in funzione del proprio scaglione d'appartenenza, nonché le addizionali IRPEF (comunale e regionale) e le eventuali quote sindacali.
Sottraendo queste tasse dall'imponibile fiscale, otterrete l'importo al quale va aggiunto l'eventuale assegno per il nucleo famigliare. A tutto questo deve essere anche sommato, nel caso in cui il reddito complessivo sia tra gli 8000 e i 26000 € e il nostro tipo di lavoro sia di tipo dipendente o assimilato, l'importo del decreto legislativo 66/2014 (trattasi dei famosi 80€ riconosciuti dal governo Renzi), calcolato sul totale del reddito indicato in busta paga. Procedendo con gli arrotondamenti, giungerete finalmente alla retribuzione netta della busta paga.

Continua la lettura
44

Diversità in base al tipo di contratto

Naturalmente, questo rappresenta soltanto un esempio di busta paga, che dovrebbe comunque valere per la maggior parte dei casi. Ogni settore d'appartenenza potrebbe avere competenze specifiche vincolate ad esenzioni sui contributi previdenziali e/o sulle imposte che vanno studiate nella fattispecie. Un esempio lampante della diversità è l'erogazione o meno della quattordicesima più l'eventuale premio produzione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come leggere la busta paga

La busta paga non è altro che è il riassunto di un compenso per prestazioni lavorative che vengono effettuate in un dato periodo di tempo, che può essere mensile, trimestrale, semestrale a seconda della tipologia di lavoro che si svolge. In un semplice...
Finanza Personale

Come ottenere un prestito senza una busta paga

Parlare oggi di prestiti senza busta paga è davvero molto complicato. La crisi economica purtroppo ha tagliato le gambe a tutti i cittadini italiani negli ultimi anni e per questo motivo è diventato sempre più complesso riuscire ad ottenere un prestito...
Finanza Personale

Come chiedere un prestito personale senza busta paga

Con l'attuale crisi economica che sta affliggendo praticamente tutto il mondo, chiedere un prestito personale per realizzare i propri sogni nel cassetto, come ad esempio comprare una casa o una bella automobile, studiare all'estero, aprire un'attività,...
Finanza Personale

Prestiti senza busta paga: garanzie alternative

Oggi chiedere un prestito pur avendo a disposizione diverse coperture a garanzia, è diventato un pochino problematico, figuriamoci poi chiedere un prestito senza poter dare in cambio assolutamente nessun tipo di garanzia, quasi impensabile ottenerlo....
Finanza Personale

Come inserire i costi di spedizione nel tasto paga ora di Paypal

Chi di noi oggi non usa qualche sito internet per acquistare e vendere in rete? Uno dei metodi più utilizzati per pagare e farsi pagare online è certamente Paypal, che consente di fare queste operazioni in sicurezza. Quando si vende è necessario includere...
Finanza Personale

Come calcolare la retribuzione lorda annua

In alcuni periodi dell'anno è fondamentale conoscere e comunicare il proprio reddito, al netto e al lordo. Ad esempio, se nel mese di maggio dobbiamo dichiarare i nostri redditi, è necessario conoscere il lordo, mentre per conoscere le disponibilità...
Finanza Personale

Guida ai nuovi criteri di calcolo per l'ISEE

In questo tutorial vi indicheremo una guida ai nuovi criteri di calcolo per l'ISEE. Questo modello del 2015 sta ad indicare la situazione equivalente rendendolo effettivamente e maggiormente vantaggioso per le famiglie italiane. Questo calcolo è stato...
Finanza Personale

Come Ottenere una Simulazione del calcolo ISEE

L'ISEE, Indicatore di Situazione Economica Equivalente, è un documento che attesta la condizione economica di un nucleo familiare. Per richiedere contributi o agevolazioni, ad esempio sui servizi scolastici, viene richiesta una copia di questo certificato....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.