Guida Per La Richiesta Di Finanziamenti Per Lo Start Up

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
18

Introduzione

La finanza è la disciplina economica che studia i processi con cui individui, imprese, enti, organizzazioni e stati gestiscono i flussi monetari (raccolta, allocazione e usi) nel tempo. Essendo l'economia definita come "la scienza che studia le modalità di allocazione di risorse limitate tra usi alternativi, al fine di massimizzare la propria soddisfazione", analogamente la finanza si può autodefinire come "quella scienza che studia le modalità di allocazione del denaro tra usi alternativi, al fine di massimizzare la propria soddisfazione"". Il sistema finanziario è dunque parte del sistema economico. Una differenza rilevante fra un investimento finanziario ed investimento produttivo è la capacità del secondo di creare ricchezza economica reale per la società. Esiste un dibattito di etica della finanza, legato all'ipotesi che la finanza sia un gioco a somma zero, capace quindi solo di spostare denaro fra soggetti economici, o un gioco a somma positiva, in grado di creare ricchezza per alcuni di questi; in altri termini, se possa creare una "torta" più grande, o solo cambiare la dimensione relative delle diverse "fette" dei vari attori dello scenario finanziario. Nei passi della guida a seguire sarà illustrato come eseguire la richiesta di finanziamenti per lo start up.

28

Occorrente

  • status di disoccupazione
  • idea progettuale ben chiara
  • capacità imprenditoriali
38

Per poter avviare una nuova impresa, prima di ogni cosa il futuro imprenditore deve avere delle buone conoscenze imprenditoriali e deve soprattutto avere in mente un'idea progettuale ben chiara e definita. Sorvolando sul discorso "conoscenze imprenditoriali", soffermiamoci brevemente sul concetto di "idea progettuale" che rappresenta un passo fondamentale per chi desidera avviare una nuova impresa usufruendo di finanziamenti agevolati e a fondo perduto. Poter richiedere un finanziamento avendo tra le mani un business plan ben definito e "vincente" ossia un documento che attesti l'idea progettuale nei minimi dettagli corredato da analisi di mercato e costi di avvio necessari, rappresenta il primo passo per poter richiedere un finanziamento.

48

Esistono enti e agenzie nazionali per lo sviluppo delle imprese come ad esempio InvItalia e SviluppoItalia che hanno l'obiettivo di erogare finanziamenti a giovani imprenditori che possiedono determinati requisiti e a determinate (vantaggiose) condizioni. Tali richieste sono definite a "sportello" nel senso che esaminate ed erogate in ordine cronologico di arrivo della richiesta. Erogazione, ovviamente, soggetta ai requisiti che a seguire esamineremo.

Continua la lettura
58

Gli enti e le agenzie sopra citate hanno come obiettivo l'erogazione di un finanziamento a giovani imprenditori sia nel settore lavoro autonomo che nella micro impresa; ciò significa che un giovane disoccupato o inoccupato che precisamente non percepisce reddito e che non è legato a qualche società tramite quote societarie da almeno 3 anni, può richiedere un finanziamento sia per l'apertura di uno studio professionale (lavoro autonomo) che per l'apertura di un'impresa sia essa un negozio commerciale piuttosto che un bar o un ristorante e così via. Inoltre, il giovane disoccupato non deve aver superato il limite di età di 36 anni al momento della richiesta.

68

Nel caso di lavoro autonomo è possibile richiedere una cifra massima di circa 26.000 euro (estendibile a 30.000) mentre per la microimpresa la cifra massima è di circa 130.000 euro.
La formula di finanziamento prevista è la seguente: il 50% della somma richiesta verrà finanziata tramite un finanziamento a fondo perduto ossia nessuna restituzione della somma da parte del richiedente mentre per la restante parte (cioè per il rimanente 50%) l'ente/agenzia finanzierà il giovane imprenditore tramite un finanziamento agevolato molto vantaggioso (soprattutto molto vantaggioso rispetto ai soliti e alti tassi di interesse applicati dalle banche) della durata di 3 anni.

78

È possibile richiedere un finanziamento presentando una domanda online indicando in maniera esatta e precisa sia tutti i propri dati anagrafici che sull'idea progettuale. Non ci sono scadenze nella presentazione della domanda (domanda "a sportello" come già detto) e non esistono graduatorie e punteggi di merito e non sono richieste garanzie patrimoniali o personali. Infine, se la domanda è completa ed esatta in ogni sua parte, il finanziamento verrà erogato con tempi di attesa non troppo alti (circa 6/9 mesi) con erogazione del finanziamento entro 12 mesi dalla richiesta della domanda.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Affidarsi alla professionalità di un consulente finanziario
  • Contattare gli enti/agenzie che erogano il finanziamento poichè spesso organizzano seminari informativi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come analizzare la struttura finanziaria di una start up

Le start up sono un tipo di società molto in voga negli ultimi anni, poiché presentano un modello di business altamente flessibile e in linea con gli standard degli odierni mercati. Le start up sono società temporanee, che possono crescere rapidamente...
Aziende e Imprese

5 consigli per avviare una start up

Se siete giovani e con tanta voglia di mettervi in gioco, una bella idea è quella di avviare una start up. Un'impresa di questo tipo ha il grande vantaggio di crescere progressivamente e di poter fare il lavoro che davvero si desidera. Tuttavia, è bene...
Aziende e Imprese

Idee per avviare una start up

Negli ultimi anni il termine start up ha preso sempre più piede nel linguaggio comune, ma in effetti non parliamo altro che di un termine inglese riferito alla creazione di una nuova azienda. Nel nostro articolo di oggi vedremo una lista di cinque tra...
Aziende e Imprese

Come avviare una start up in Svizzera

Alcuni imprenditori, nonostante la crisi economica, hanno pensato di aprire una azienda in altri paesi. Magari il problema è trovare proprio il posto giusto per far crescere la propria impresa. Per esempio si può prendere in considerazione l'apertura...
Aziende e Imprese

Come avviare una start up negli Stati Uniti

Si parla tanto di start up. Ma cosa vuol dire? Ci sono differenza tra una start up e l'avvio di una nuova impresa? Una start up è un modello di business ancora in fase di sviluppo con ampie possibilità di generare ricchezza in quanto ha la possibilità...
Aziende e Imprese

Start-up: i 10 errori da evitare

Cos'è una start-up? Nella nuova economia, si intende un'azienda, di piccole dimensioni, che si lancia sul mercato insieme ad un'idea innovativa. Specie nel campo delle nuove tecnologie. Ma se state leggendo questo articolo lo sapete già. Elencherò,...
Aziende e Imprese

Come avviare una start up in Germania

La Germania è una potenza economica di livello mondiale, con decine di migliaia di società che vanno dalle piccole imprese individuali ai grandi conglomerati. Il governo tedesco è molto aperto alla creazione di tutti i tipi di imprese, soprattutto...
Aziende e Imprese

Finanziamenti pubblici per donne imprenditrici

In una realtà come quella che sta vivendo l'Italia in questi anni, è necessario se non fondamentale avere degli aiuti economici dallo Stato, non solo in termini di sussidi, disoccupazione e così via, ma anche, e soprattutto, per iniziare delle nuove...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.