Guida al lavoro frontaliero in Svizzera

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
14

Introduzione

I frontalieri sono stranieri domiciliati nella zona di frontiera straniera che esercitano un'attività lucrativa entro la zona di frontiera svizzera. I Paesi che fanno parte dell'UE/AELS sono: Francia, Germania, Austria, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Irlanda, Danimarca, Svezia, Finlandia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Grecia, Cipro, Malta, Norvegia, Islanda, Liechtenstein e, ovviamente, Italia. Dal 1° giugno 2007 sono entrate in vigore nuove norme che facilitano l'esercizio di attività lucrative dipendenti e indipendenti in Svizzera, facilitando così l'ingresso nel mondo del lavoro frontaliero. Ecco una guida al lavoro frontaliero in Svizzera.

24

Motivi economici

Molti italiani che vivono vicino al confine svizzero lavorano soprattutto nelle fabbriche appena al di là del confine, oppure molte donne cercano lavoro come commesse presso i centri commerciali. Trovare lavori d'ufficio è un po' più difficile poiché non tutti i diplomi o lauree vengono riconosciute dalla Svizzera, e tendenzialmente sono posti di lavoro che tendono ad essere occupati da svizzeri. Quello che spinge molti italiani al lavoro frontaliero è sicuramente lo stipendio, che viene accreditato in franchi svizzeri, su un conto corrente bancario o postale.

34

Documentazioni

Essendo quindi lavoratori stranieri, anche gli italiano hanno bisogno del permesso per frontalieri, detto anche permesso G, quello che anni fa era conosciuto anche come libretto di lavoro per stranieri. Per richiedere il permesso bisogna recarsi all'Ufficio di Immigrazione del luogo dove lavorate, portando con sé una copia del contratto di lavoro firmato da entrambi le parti, ed un documento di identità. Il permesso di lavoro viene emesso solo in presenza di un contratto di lavoro firmato e valevole.

Continua la lettura
44

Le varie autorizzazioni

Sono considerate zone di frontiera le regioni designate come tali dagli accordi in materia di frontalieri conclusi dalla Svizzera con gli Stati confinanti. I frontalieri sono tenuti a rientrare almeno settimanalmente al loro domicilio principale. I cittadini di Stati terzi, invece, possono ottenere il permesso per frontalieri solo se possiedono un permesso di soggiorno durevole in uno Stato limitrofo della Svizzera, e se sono domiciliati da almeno sei mesi nella zona di frontiera del suddetto Stato confinante. Il primo permesso che verrà rilasciato avrà durata di un anno, valevole esclusivamente per la zona di frontiera del Cantone che ha rilasciato il permesso. Il frontaliero necessita inoltre di un'autorizzazione se desidera cambiare impiego o professione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

I lavori più richiesti in Svizzera

Le statistiche dicono che un numero sempre crescente di giovani, una volta terminato il corso di studi, decide di espatriare, trasferendosi in altri paesi in Europa per lanciarsi nel mondo del lavoro. Uno dei paesi che registra un numero maggiore di immigrati,...
Lavoro e Carriera

Come Lavorare In Svizzera

La Svizzera è una nazione che da sempre ha attirato gli italiani, d'altra parte tutti conosciamo a sua tassazione agevolata, l'ordine e il rispetto generale delle regole che vi regnano, inoltre offre la possibilità di vivere in un ambiente stimolante...
Lavoro e Carriera

Guida ai contratti di lavoro

Sulla base della normativa attualmente in vigore, il "contratto di lavoro" è un negozio giuridico consistente nella stipulazione di un accordo di lavoro, sottoscritto da una persona fisica, giuridica o un ente che rappresenta la parte del datore di lavoro...
Lavoro e Carriera

Guida alle opportunità di lavoro nel settore tessile

Nell'economia, il lavoro dell'uomo gioca un ruolo centrale. I motivi sono che tutti i beni di servizi che ci occorrono sono prodotti dal lavoro. Mentre la retribuzione del nostro lavoro ci permette di procurarci questi beni. Un altro elemento di grande...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro come guida turistica in Tunisia

La Tunisia rappresenta una meta ambita da molti turisti sia per le bellezze locali e il folclore, sia per la possibilità di effettuare delle piacevoli vacanze balneari. Un modo senz'altro efficace per godere a pieno di questa terra è viverla attraverso...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro come guida turistica in Marocco

Il Marocco è uno dei luoghi turistici africani più amati. Pieno di attrazioni turistiche, naturali ed antiche, e dagli usi e costumi affascinanti, la professione di guida turistica si sposa perfettamente con il luogo. Naturalmente occorre sapere più...
Lavoro e Carriera

Come ottenere il riconoscimento di un titolo professionale conseguito in Svizzera

Per poter esercitare in Italia la propria attività lavorativa avvalendosi di un titolo professionale conseguito in uno Stato Estero extra-europeo, è necessario ottenere il riconoscimento di questo stesso titolo. In particolare, se lo Stato in questione...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro a Basilea

La Svizzera ha sempre rappresentato per gli italiani la possibilità di trovare un lavoro certo, sicuro e ben retribuito, senza spostarci troppo lontano dalla nostra terra. I paesi svizzeri offrono delle ottime possibilità per la ricerca di una nuova...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.