Guida al lavoro frontaliero in Svizzera

Tramite: O2O 29/05/2017
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

I frontalieri sono stranieri domiciliati nella zona di frontiera straniera che esercitano un'attività lucrativa entro la zona di frontiera svizzera. I Paesi che fanno parte dell'UE/AELS sono: Francia, Germania, Austria, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Irlanda, Danimarca, Svezia, Finlandia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Grecia, Cipro, Malta, Norvegia, Islanda, Liechtenstein e, ovviamente, Italia. Dal 1° giugno 2007 sono entrate in vigore nuove norme che facilitano l'esercizio di attività lucrative dipendenti e indipendenti in Svizzera, facilitando così l'ingresso nel mondo del lavoro frontaliero. Ecco una guida al lavoro frontaliero in Svizzera.

25

Motivi economici

Molti italiani che vivono vicino al confine svizzero lavorano soprattutto nelle fabbriche appena al di là del confine, oppure molte donne cercano lavoro come commesse presso i centri commerciali. Trovare lavori d'ufficio è un po' più difficile poiché non tutti i diplomi o lauree vengono riconosciute dalla Svizzera, e tendenzialmente sono posti di lavoro che tendono ad essere occupati da svizzeri. Quello che spinge molti italiani al lavoro frontaliero è sicuramente lo stipendio, che viene accreditato in franchi svizzeri, su un conto corrente bancario o postale.

35

Documentazioni

Essendo quindi lavoratori stranieri, anche gli italiano hanno bisogno del permesso per frontalieri, detto anche permesso G, quello che anni fa era conosciuto anche come libretto di lavoro per stranieri. Per richiedere il permesso bisogna recarsi all'Ufficio di Immigrazione del luogo dove lavorate, portando con sé una copia del contratto di lavoro firmato da entrambi le parti, ed un documento di identità. Il permesso di lavoro viene emesso solo in presenza di un contratto di lavoro firmato e valevole.

Continua la lettura
45

Le varie autorizzazioni

Sono considerate zone di frontiera le regioni designate come tali dagli accordi in materia di frontalieri conclusi dalla Svizzera con gli Stati confinanti. I frontalieri sono tenuti a rientrare almeno settimanalmente al loro domicilio principale. I cittadini di Stati terzi, invece, possono ottenere il permesso per frontalieri solo se possiedono un permesso di soggiorno durevole in uno Stato limitrofo della Svizzera, e se sono domiciliati da almeno sei mesi nella zona di frontiera del suddetto Stato confinante. Il primo permesso che verrà rilasciato avrà durata di un anno, valevole esclusivamente per la zona di frontiera del Cantone che ha rilasciato il permesso. Il frontaliero necessita inoltre di un'autorizzazione se desidera cambiare impiego o professione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Documenti necessari per lavorare in Svizzera

Alzi la mano chi non ha mai pensato di trasferirsi in Svizzera per lavoro. Il piccolo paese elvetico è un vero paradiso se paragonato agli stipendi italiani. Ebbene, se avete intenzione di recarvi in Svizzera per cercare lavoro, dovete sapere che lo...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro a Basilea

La Svizzera ha sempre rappresentato per gli italiani la possibilità di trovare un lavoro certo, sicuro e ben retribuito, senza spostarci troppo lontano dalla nostra terra. I paesi svizzeri offrono delle ottime possibilità per la ricerca di una nuova...
Lavoro e Carriera

Lavoro all'estero: i 5 paesi con più opportunità

Con l'aumentare della disoccupazione e della crisi economica sono sempre più le persone che cercano lavoro all'estero, tuttavia non sempre sanno cosa trovare né tanto meno a cosa vanno incontro. Lavorare in un paese estero infatti, significa lasciare...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro a Vancouver

Con la grande crisi che grava sulle nostre teste, trovare un lavoro fisso che dia una retribuzione perlomeno dignitosa sembra essere una vera e propria impresa. In queste circostanze ogni maniera di racimolare denaro è bene accetta. Molti giovani sono...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro in Libano

In questa guida vi illustrerò come trovare lavoro in Libano. Se vi siete trasferiti in un città internazionale libanese e siete in cerca di lavoro questa guida è quella adatta per voi. Ricordate sempre di avere pazienza nella ricerca, che non sarà...
Lavoro e Carriera

Bangkok: come cercare lavoro

Le opportunità di lavoro a Bangkok o in altre zone del Paese, per i cittadini stranieri possono essere interessanti. Quì, si prospettano alcune professioni particolarmente ricercate dove è possibile fare carriera e avere un discreto stipendio. Gli...
Lavoro e Carriera

Motivi per rifiutare un'offerta di lavoro

Di questi tempi di crisi un lavoro è un'opportunità che non ci si può far scappare. Mentre la disoccupazione aumenta, resistono alcuni impieghi per cui si assume ancora. Molti riguardano lavori che non sono più in voga dagli anni ottanta, come l'agricoltore,...
Lavoro e Carriera

Come organizzare il lavoro di squadra

Per organizzare un gruppo di lavoro e farlo rendere al meglio, è necessario stabilire delle regole di base che valgano per tutti indistintamente. Le regole servono per fissare dei limiti nelle competenze di ognuno ed evitare che le figure professionali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.