Guida al congedo di paternità

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Quando si parla di accudire i figli e di astensione dal lavoro ci si riferisce quasi sempre alla figura materna. La madre è ritenuta per ovvie ragioni, anche quelle culturali, la persona che si dedica di più ai bisogni del bambino. La legge attuale nell'ambito del congedo parentale riconosce anche al padre l'equivalente diritto che viene concesso alla madre. In questa guida viene spiegato l'iter normativo che bisogna seguire per usufruire del congedo di paternità.

25

Quando usufruire del diritto

Il congedo di paternità è un diritto riconosciuto al padre lavoratore che può usufruire dell'astensione obbligatoria dal lavoro in particolari situazioni quali: infermità o morte della madre, abbandono della stessa nei riguardi del figlio, affidamento del bambino al padre. Inoltre, tale diritto spetta al padre se la madre non lavora; egli ne può usufruire sia in toto che per la parte residua, cioè per tutti e cinque i mesi previsti o soltanto per la parte di essi che non è goduta dalla madre. Non esiste una tutela per il congedo "facoltativo" dei 3 giorni immediati alla nascita del figlio. Infatti, per la donna lavoratrice sono ovvi, mentre per il padre no. Non tutti i datori di lavoro si comportano nello stesso modo: alcuni concedono questi 3 giorni e li retribuiscono al 100%, invece altri non lo fanno.

35

Come richiedere il congedo

Per richiedere il congedo di paternità bisogna consegnare il certificato di nascita del figlio o nel caso di figlio adottivo lo stato di famiglia dove è incluso il nome del bambino/a. Occorre l'autocertificazione di responsabilità dell'altro genitore che attesta il periodo di congedo già usufruito; inoltre, deve indicare il nome della ditta e dichiarare di non usufruire del congedo. Il padre deve fare l'autocertificazione per richiedere il congedo, indicando il periodo di tempo. Infine, entrambi i genitori devono impegnarsi a comunicare le eventuali variazioni.

Continua la lettura
45

Tipologie di congedo

Abbiamo 2 tipi di congedo: quello obbligatorio che viene normalmente retribuito al 100% per i dipendenti pubblici ed all'80% per quelli privati. Il congedo facoltativo, invece, è retribuito solo al 30%. Il totale dei mesi di congedo che la legge prevede è 10, se richiesti da entrambi i genitori, oppure di 6 mesi se la richiesta è fatta solo da uno dei due. La legge per favorire il rapporto padre-figlio innalza il limite massimo da 6 a 7 mesi se il padre si assenta dal lavoro per un periodo continuativo superiore ai 3 mesi. Occorre poi tener presente che tutti i permessi, anche quelli obbligatori, si ottengono solo dietro specifica "richiesta".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come chiedere il congedo matrimoniale

Nel mondo del lavoro e nello specifico per i lavoratori dipendenti, si possono ottenere alcune agevolazioni come ad esempio il congedo matrimoniale, ovvero un permesso speciale che può essere concesso ad un impiegato oppure un operaio, che gli consente...
Richieste e Moduli

Come richiedere il congedo parentale facoltativo

Per i genitori che lavorano affrontare l'arrivo di un figlio non è semplice, ma per fortuna esistono leggi che agevolano le famiglie in questo delicato frangente della vita. Una donna che scopre di essere incinta ha diritto alla cosiddetta "maternità...
Richieste e Moduli

Guida alle detrazioni fiscali per la sostituzione di una porta blindata

Guida alle detrazioni fiscali per la sostituzione di una porta blindata, secondo gli aggiornamenti più recenti dell'Agenzia delle Entrate. Le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie sono in atto da alcuni anni e riguardano quei lavori di...
Richieste e Moduli

Guida al registro di protocollo

Il registro di protocollo è un atto pubblico dove vengono scritte e annotate le ricezioni o le spedizioni degli atti, in ordine cronologico; questi atti, possono provenire sia dalle amministrazioni pubbliche, sia dai privati cittadini o dai professionisti....
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo di maternità obbligatoria INPS

Il momento più bello della vostra vita è arrivato, finalmente siete in dolce attesa e dovete conciliare il lavoro con la maternità. All’inizio è facile e non avete nessun problema, ma quando il pancione inizierà a crescere non potrete più svolgere...
Richieste e Moduli

Vaglia postale: guida alla compilazione

Il vaglia postale risulta essere la soluzione più conveniente, comoda e semplice per inviare o ricevere denaro in tutta Italia. Tale servizio, permette di compiere la compilazione del vaglia postale da qualsiasi ufficio postale, infatti non è necessario...
Richieste e Moduli

Eredità: guida all'accettazione o alla rinuncia

Nel corso della vita è possibile che ci di ritrovi nelle condizioni di ricevere delle eredità da parte dei nostri cari. L'eredità, a seconda dei casi, può prevedere un lascito di denaro o di beni mobili ed immobili di varia natura che non sempre possono...
Richieste e Moduli

Guida alle detrazioni fiscali sulle donazioni alle Onlus

Molto più spesso in Italia, anche a causa della crisi, si tende molto a risparmiare e tenere sotto controllo nei minimi dettagli le spese effettuate. Si tende, dove si può, al risparmio o a cercare giustamente di trovare delle alternative più economiche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.