Fotovoltaico in condominio: come richiederlo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il condominio è caratterizzato da una serie di titolari di immobili che hanno un diritto di proprietà proporzionale al valore dell'appartamento. Le innovazioni per il miglioramento delle cose comuni possono essere disposte da una maggioranza qualificata, eccetto se esse pregiudicano la stabilità o il decoro dell'edificio. Tra i miglioramenti che si possono apportare c'è quello dell'installazione dei pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. Questo tutorial vuole dare delle informazioni corrette e semplici su come richiedere il fotovoltaico in un condominio.

27

Occorrente

  • Impianto fotovoltaico
  • Autorizzazione dell'assemblea condominiale
37

Autorizzazione

Per poter fare un'installazione di un impianto fotovoltaico in un condominio occorre l'autorizzazione da parte dell'assemblea condominiale. Essa deve avvenire con una delibera votata favorevolmente dalla maggioranza assembleare. Quando si presenta la proposta in assemblea, deve essere allegato il progetto tecnico. Se la proposta viene autorizzata, la produzione di energia elettrica serve per alimentare il fabbisogno di qualsiasi dispositivi elettrico del condominio.

47

Finanziamento

L'installazione dell'impianto, oltre a creare un'autosufficienza energetica, ci permette di accedere ai benefici del Conto Energia ed di poter rivendere al Gestore la quantità di energia in surplus prodotta dall'impianto. L'amministratore condominiale, con delega dei condomini, può chiedere un finanziamento bancario a tasso agevolato per l'installazione dell'impianto. Per ottenerlo, occorre presentare alla banca l'autorizzazione dell'assemblea ed un business plan in cui si specificano le condizioni per la realizzazione del progetto.

Continua la lettura
57

Estensione inferiore al tetto

Se si decide di installare l'impianto ed esso presenta un'estensione inferiore al tetto, basta presentare una comunicazione preventiva al Comune nel quale sorge l'edificio. Se invece l'impianto è più grande dell'estensione del tetto, il condominio è tenuto a presentare una denuncia di inizio attività. Può succedere che la realizzazione dell'impianto non apporta benefici a tutto il condominio, ma solo ad una parte di esso.
Se si verifica questa situazione, la procedura per l'installazione dell'impianto fotovoltaico è parzialmente diversa. Infatti, in questo caso l'installazione viene considerata ad uso privato; occorre quindi chiedere il consenso di tutti gli altri condomini. Le spese dell'installazione e di gestione sono tutte a carico del soggetto che vuole installare l'impianto. L'autorizzazione può essere richiesta solo se l'installazione non arreca problemi agli altri condomini, in particolare per ciò che concerne l'occupazione della superficie.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Impianto fotovoltaico: come calcolare l'ammortamento

Tra le energie rimovibili, un posto di prim'ordine è rappresentato dall'energia solare che viene prodotta da appositi impianti detti fotovoltaici. Questi impianti permettono la produzione di energia pulita utilizzabile da chi li installa, con la possibilità...
Richieste e Moduli

Come mettere in mora un condominio

Nella guida che prenderemo ora in esame andremo ad occuparci di un condominio. Lo faremo, nello specifico, cercando di comprendere le modalità che possano permetterci comprendere come riuscire a mettere in mora un condominio. Argomenteremo su questo...
Richieste e Moduli

Come gestire un condominio senza amministratore

Nella guida, andremo a spiegarvi come gestire un condominio senza amministratore.Ci sono tantissimi condomini che, per scelta, vengono fatti gestire appositamente da un soggetto che l'amministra. Inoltre, tramite una legge approvata nel 2015, è stata...
Richieste e Moduli

Nuovo reddito di inclusione REI: ecco come richiederlo

Il governo italiano nel mese di novembre 2107 ha approvato il decreto che prevede l'erogazione del cosiddetto REI, ovvero il nuovo reddito di inclusione per soggetti disagiati. La circolare è stata emessa poi dall'INPS, che ha comunicato in via ufficiale...
Richieste e Moduli

Prestito spese mediche: come richiederlo

Molte persone che non hanno la possibilità di affrontare delle spese mediche, cercano di trovare una soluzione chiedendo il cosiddetto prestito finalizzato, con la possibilità quindi di ottenere sia liquidità sul proprio conto bancario, che l’accredito...
Richieste e Moduli

Come sollecitare l'intervento dell'amministratore di condominio

A partire dal 18 giugno 2013, avere un amministratore di condominio è diventato obbligatorio per tutti gli stabili in cui vi alloggiano più di otto nuclei familiari. Questo perché, maggiore è il numero di abitanti in un palazzo, maggiore è il rischio...
Richieste e Moduli

Come dimettersi dalla carica di amministratore di condominio

Un edificio a più unità immobiliari. Necessita di una figura professionale per mettere tutti coloro che posseggono un appartamento nello stesso ugual piano. Seguendo, naturalmente le quote delle loro relative proprietà e le conosciute tabelle millesimali....
Richieste e Moduli

Come richiedere l'ecobonus per il condominio

Per richiedere l'Ecobonus 2017 per le part comuni del condominio bisogna innanzitutto conoscerne il significato, in effetti si tratta di un'agevolazione riferita alle spese per riqualificare l'immobile dal punto di vista energetico e ottenere poi la...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.