Fido bancario: cos'è e come funziona

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il fido bancario rappresenta uno strumento di credito che gli istituti bancari concedono ai propri clienti per consentirgli di possedere uno scoperto, oppure del denaro disponibile, che successivamente dovranno rimborsare non appena avranno un rientro economico. Pertanto, questa particolare forma di finanziamento è estremamente utile quando le aziende, oppure le famiglie, arrivano con molta difficoltà alla fine del mese.
Vediamo dunque, con questa guida, cos'è e come funziona il fido bancario.

26

Occorrente

  • Conto corrente bancario
36

Le caratteristiche del fido

Il fido bancario (detto anche affidamento) è uno strumento di credito e non un prestito fatto dalla banca al cliente, ossia l'istituto bancario non presta una determinata somma di denaro per un certo periodo di tempo ma anticipa dei fondi alla clientela temporaneamente. Infatti, i periodi in cui il fido bancario può restare attivo sono abbastanza brevi (massimo alcuni mesi) e per somme di ridotta entità. La cifra anticipata al cliente, solitamente, varia secondo le necessità dello stesso, la capienza del suo conto corrente bancario ed il proprio grado di solvibilità.
Per richiedere un fido bancario, è sufficiente prenotare un appuntamento con il direttore dell'istituto di credito, il quale effettuerà un'analisi della situazione economica del cliente e stabilirà se accettare o meno la richiesta di affidamento e fisserà le condizioni da proporre.

46

Le condizioni del fido bancario

Quando si parla di fido bancario è importante considerare il fatto che gli interessi hanno delle percentuali giornaliere, o settimanali, abbastanza elevate. Per questo motivo, la richiesta di affidamento di un fido è consigliata solo nei casi si stretta necessita, o comunque quando si prevede un rientro rapido in termini di liquidità, così da saldare subito il debito con l'istituto bancario.
Infine, è molto importante confrontare le condizioni contrattuali sui fidi bancari di svariate banche, così da riuscire a trovare quella più conveniente e adatta alle proprie esigenze.

Continua la lettura
56

I casi d'uso del fido

Il caso maggiormente comune in cui il fido bancario viene impiegato è quello in cui si raggiunge uno scoperto sul proprio conto corrente bancario: grazie all'affidamento quest'ultimo non risulterà in rosso, ma si avrà comunque l'obbligo di rimborsare la banca concedente. Il fido bancario può essere concesso anche per fronteggiare dei debiti verso i terzi, come ad esempio nel caso in cui, alla fine della mensilità, una società versi l'IVA allo Stato dal suo conto corrente. Tramite il fido essa potrà facilmente saldare il debito.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La guida è solo a scopo informativo.
  • La guida fornisce solamente delle informazioni indicative: per delle indicazioni accurate bisogna far riferimento agli esperti del settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come ottenere un fido bancario

Quando un privato o più facilmente un'azienda, specialmente se è piccola, hanno una liquidità di denaro insufficiente rispetto alle reali esigenze, possono rivolgersi a una banca, chiedendo di poter usufruire di una speciale forma di finanziamento....
Banche e Conti Correnti

Come funziona un rid bancario

Il RID o "Rapporto interbancario diretto", è un servizio offerto dalle banche ai propri clienti che consente l'addebito automatico su un conto corrente. Generalmente questo tipo di servizio è utilizzato per consentire, appunto in modo automatico, il...
Banche e Conti Correnti

Cos'è e come funziona l'anagrafe tributaria

L'anagrafe tributaria è una banca dati contenente tutti i dati utili al fisco per monitorare i contribuenti italiani. Istituita nel 1973, possiede oggi la maggior parte delle informazioni relative a prestiti, mutui, bonifichi bancari, assegni ecc. Ecc....
Banche e Conti Correnti

Le differenze tra assegno bancario e circolare

L'assegno è uno strumento finanziario di pagamento. Spesso si sente parlare di assegni bancari e circolari, ma probabilmente molti non ne conoscono la differenza: tecnicamente si tratta di due modi di pagamento differenti.In questa guida tenteremo di...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto bancario aziendale

Aprire un conto bancario aziendale costituisce un'operazione necessaria nel caso in cui siate titolari di una ditta, di un'azienda o di un esercizio commerciale, ma comunque è un'operazione abbastanza semplice da realizzare. Avrai bisogno di alcuni documenti...
Banche e Conti Correnti

Come ricaricare Postepay da conto corrente bancario

Le carte Postepay sono delle carte emesse da Poste Italiane sulle quali è possibile caricare somme di denaro ed adempiere così in modo semplice e diretto a transazioni, pagamenti e operazioni varie, ivi comprese le ricariche telefoniche. Questo tipo...
Banche e Conti Correnti

Come calcolare il rating bancario

Il rating bancario rappresenta un tipico strumento che consente di controllare, in maniera costante, il livello dei titoli obbligazionari e gli eventuali rischi a carico delle imprese. Generalmente il valore di questo parametro viene espresso in lettere....
Banche e Conti Correnti

Come accreditare la pensione su conto corrente bancario

Quello della pensione è un periodo atteso da moltissimi lavoratori che, dopo una vita di lavoro e fatiche finalmente possono godersi il meritato riposo. Una volta giunti alla pensione si pone il problema di come accreditare i propria soldi sul conto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.