Fido bancario: cos'è e come funziona

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il fido bancario rappresenta uno strumento di credito che gli istituti bancari concedono ai propri clienti per consentirgli di possedere uno scoperto, oppure del denaro disponibile, che successivamente dovranno rimborsare non appena avranno un rientro economico. Pertanto, questa particolare forma di finanziamento è estremamente utile quando le aziende, oppure le famiglie, arrivano con molta difficoltà alla fine del mese.
Vediamo dunque, con questa guida, cos'è e come funziona il fido bancario.

26

Occorrente

  • Conto corrente bancario
36

Le caratteristiche del fido

Il fido bancario (detto anche affidamento) è uno strumento di credito e non un prestito fatto dalla banca al cliente, ossia l'istituto bancario non presta una determinata somma di denaro per un certo periodo di tempo ma anticipa dei fondi alla clientela temporaneamente. Infatti, i periodi in cui il fido bancario può restare attivo sono abbastanza brevi (massimo alcuni mesi) e per somme di ridotta entità. La cifra anticipata al cliente, solitamente, varia secondo le necessità dello stesso, la capienza del suo conto corrente bancario ed il proprio grado di solvibilità.
Per richiedere un fido bancario, è sufficiente prenotare un appuntamento con il direttore dell'istituto di credito, il quale effettuerà un'analisi della situazione economica del cliente e stabilirà se accettare o meno la richiesta di affidamento e fisserà le condizioni da proporre.

46

Le condizioni del fido bancario

Quando si parla di fido bancario è importante considerare il fatto che gli interessi hanno delle percentuali giornaliere, o settimanali, abbastanza elevate. Per questo motivo, la richiesta di affidamento di un fido è consigliata solo nei casi si stretta necessita, o comunque quando si prevede un rientro rapido in termini di liquidità, così da saldare subito il debito con l'istituto bancario.
Infine, è molto importante confrontare le condizioni contrattuali sui fidi bancari di svariate banche, così da riuscire a trovare quella più conveniente e adatta alle proprie esigenze.

Continua la lettura
56

I casi d'uso del fido

Il caso maggiormente comune in cui il fido bancario viene impiegato è quello in cui si raggiunge uno scoperto sul proprio conto corrente bancario: grazie all'affidamento quest'ultimo non risulterà in rosso, ma si avrà comunque l'obbligo di rimborsare la banca concedente. Il fido bancario può essere concesso anche per fronteggiare dei debiti verso i terzi, come ad esempio nel caso in cui, alla fine della mensilità, una società versi l'IVA allo Stato dal suo conto corrente. Tramite il fido essa potrà facilmente saldare il debito.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La guida è solo a scopo informativo.
  • La guida fornisce solamente delle informazioni indicative: per delle indicazioni accurate bisogna far riferimento agli esperti del settore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come richiedere il fido bancoposta

Il conto BancoPosta attualmente offre una svariata gamma di servizie prodotti. Lo si può considerare alla pari di un vero e proprio conto corrente bancario in quanto permette le medesime operazioni. Fra le varie opzioni, per i titolari del conto posta...
Banche e Conti Correnti

Come chiedere alla banca la restituzione degli interessi presi indebitamente sullo scoperto del proprio conto corrente

Qusta guida interesserà sicuramente a tutti coloro che hanno o hanno avuto un conto corrente con un fido, e che spesso avendo fatto ricorso al fido hanno finito con il pagare alla banca interessi esorbitanti non solo sulla somma oggetto del proprio...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Inghilterra

Se si risiede nel Regno Unito per meno di 6 mesi, è consigliabile continuare ad usare il proprio conto corrente nel proprio paese d'origine. Se invece, si intende risiedere nel Regno Unito per un tempo superiore ai 6 mesi è opportuno aprire un conto...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'incasso delle ricevute bancarie

Con la presente guida ti presento gli aspetti contabili connessi all'operazione di incasso crediti mediante l'utilizzo delle ricevute bancarie, uno strumento molto utilizzato nella prassi commerciale. In particolare, ti spiego come contabilizzare in ciascuna...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di fai da te

Una buona soluzione per "trovare lavoro" è quella di mettersi in proprio. Però non è cosa da tutti aprire un'attività. Serve innanzitutto determinazione e capacità di assumersi gli eventuali rischi. Inoltre occorre capacità di risolvere con calma...
Finanza Personale

Come scegliere una carta di credito

Oggi la carta di credito è la più comoda forma di pagamento preferita dalle persone, per la sua utilità: tramite telefono, internet o all'estero e per i pagamenti di bollette di luce, gas, telefono. È un'agevolazione di pagamento che ci fa risparmiare...
Finanza Personale

Come bloccare un addebito su carta di credito

Nell'era digitale tutto è più facile e anche pagare è diventata un'operazione semplice, veloce e alla portata di tutti. Sebbene ci siano molti sistemi di sicurezza che evitano di commettere errori nei pagamenti, può capitare che accidentalmente si...
Banche e Conti Correnti

Le differenze tra assegno bancario e circolare

L'assegno è uno strumento finanziario di pagamento. Spesso si sente parlare di assegni bancari e circolari, ma probabilmente molti non ne conoscono la differenza: tecnicamente si tratta di due modi di pagamento differenti.In questa guida tenteremo di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.