Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto di dimettersi, osservando le norme contrattuali presenti nel proprio contratto di lavoro. A tal proposito, nella seguente guida, vi illustrerò, attraverso una serie di utili e semplici informazioni, tutto ciò che c'è da sapere sulle dimissioni del lavoratore e sul principio di libera recedibilità. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Contratto di lavoro
  • Dimissioni
  • Lettera scritta
  • Preavviso
36

Innanzitutto, è necessario sottolineare la breve distinzione tra licenziamento e dimissioni: il licenziamento viene attuato ad opera del datore di lavoro nei confronti del lavoratore, mentre le dimissioni vengono attuate ad opera del lavoratore nei confronti del datore di lavoro. Il principio della libera recedibilità del contratto di lavoro a tempo indeterminato, è operante ed applicabile dal lavoratore che decide di dare le proprie dimissioni. Nel tempo, questa regolamentazione riguardante la recedibilità del contratto, è stata circoscritta al recesso del datore di lavoro.

46

In ambo i casi è previsto un periodo di lavoro, successivo alle dimissioni, che dovrebbe consentire al datore, di trovare la giusta sostituzione e, al lavoratore licenziato, di trovare una nuova sistemazione. Il periodo specifico, può cambiare in maniere più o meno sostanziosa, in relazione al contratto di lavoro e alle mansioni svolte dal lavoratore, tale periodo può essere modificato con accordo tra le parti. Il rapporto di lavoro prosegue durante tutto il periodo di preavviso. In caso contrario, la non osservazione di tale norma prevede un risarcimento che, in caso di licenziamento sarà cumulabile alla mensilità e al pagamento del TFR.

Continua la lettura
56

Sia il licenziamento che le dimissioni sono assoggettate a norme giuridiche e comportamentali, in relazione al contratto in oggetto, queste possono cambiare sensibilmente. Generalmente il lavoratore viene tutelato in caso di licenziamento anche se i licenziamenti continuano a verificarsi in maniera crescente, dovuti alla crisi economica ed ai contratti a tempo determinato o di apprendistato spesso adottati proprio per svicolare alle normative che tutelano i lavoratori dipendenti ma, in caso di dimissioni il discorso cambia, ogni lavoratore è libero di dimettersi tramite lettera scritta che andrà fatta pervenire al proprio datore di lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Osservare il periodo lavorativo previsto dal preavviso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni per giusta causa

Talvolta alcune problematiche personali, motivi di salute o cambi di città, possono indurre a rinunciare al posto di lavoro. Questa azione, rientra nel programma stilato dallo statuto del lavoratore, e si chiama "dimissioni per giusta causa", per cui,...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni

Molte volte capita che un dipendente debba apporre una firma su un foglio bianco che servirà poi in futuro per le dimissioni dello stesso. In questo modo l'azienda stessa evita tutto il procedimento da compiere per questa situazione senza però trasgredire...
Lavoro e Carriera

Come e quando consegnare una lettera di dimissioni

Di questi tempi è difficile trovare il coraggio di presentare una lettera di dimissioni, eppure quando si presentano alcune circostanze particolari, diventa purtroppo inevitabile. In questi casi, la legge italiana, riconosce al lavoratore il diritto...
Lavoro e Carriera

Come stipulare un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Se un dipendente viene impiegato su 2 o più contratti successivi a tempo determinato in servizio continuo per un periodo di 4 anni, i dipendenti hanno diritto a un contratto a tempo indeterminato. Il datore di lavoro può giustificare la concessione...
Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato o al termine di un attività o alla conclusione di un lavoro. Tuttavia,...
Aziende e Imprese

Come Rappresentare In Contabilità Le Dimissioni

In questa guida vengono fornite le indicazioni che permetteranno di rappresentare correttamente, in contabilità generale, le movimentazioni collegate alla cessazione delle prestazioni lavorative fornite del personale dipendente. Il rapporto di lavoro...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
Aziende e Imprese

Come e dove convalidare le dimissioni

Da alcuni anni, la legge italiana presenta l'obbligo di convalida delle dimissioni. Si tratta di un'onere che riguarda sia le dimissioni rassegnate in maniera spontanea dal lavoratore, sia le risoluzioni contrattuali lavorative consensuali. La regolamentazione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.