Differenze tra azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se la quota di azioni possedute è rilevante si hanno dei diritti che possono riguardare perfino l'amministrazione ma ci sono anche delle note negative come la divisione di eventuali perdite. Esistono tre tipi di azioni che si possono considerare, quindi in questa guida vedremo quali sono le Differenze tra azioni ordinarie, privilegiate e di risparmio e chiarirvi maggiormente le idee su questa divisione. E'importante sapere dividere e sapere la differenza tra queste 3 azioni, perché può sempre ricorrere il caso che vi troviate nell'ambito di saperne di più e non sappiate in quel momento rispondere. Quindi fateve una buona cultura con i nostri passaggi.

26

Le azioni ordinarie sono quelle più diffuse nel territorio italiano

Le azioni ordinarie sono quelle più diffuse nel territorio italiano e quelle più semplici tra i titoli azionari. All'intestatario di queste azioni vengono attribuiti un insieme di diritti di carattere amministrativo e patrimoniale quali il diritto di voto nelle assemblee societarie, il diritto alla partecipazione dell'utile e al rimborso del capitale. Quindi non sempre esso parte sfavorito col passare del tempo, ma a sua volta viene ricompensato col rimborso e con la spesa effettuata tempo prima.

36

Non hanno diritto a partecipare alle assemblee

Le azioni privilegiate sono innanzitutto nominative e garantiscono ai possessori una priorità sulla ripartizione degli utili. A differenza delle precedenti, Non danno il diritto di partecipare alle assemblee tranne che per quelle straordinarie. Quindi ognuna si differenzia dall'altra, anche se in minima parte ed essa deve essere ben capita per potere accedere agli altri consigli che subito dopo vi elencheremo.

Continua la lettura
46

Generalmente sono acquistate da piccoli risparmiatori

Per ultimo troviamo le azioni di risparmio. Queste ultime invece, non danno diritto di voto in nessuna assemblea ma presentano il vincolo per l'azienda che le ha emesse, di distribuire l'utile ai titolari pari ad almeno il 5% del valore nominale. Generalmente sono acquistate da piccoli risparmiatori che tendono nel loro piccolo, di ricavarne più privilegi possibili nei loro confronti, anche e solo col 5%.

56

Leggere attentamente ogni passaggio

Come avrete sicuramente visto, le ultime due tipologie di azioni vengono scelte maggiormente da coloro che mirano alla ripartizione dei dividenti e che intendono investire e lungo termine, ovviamente perché apportano dei vantaggi maggiori nella ripartizione degli utili. Se volete davvero essere maggiormente informati e capire bene come funziona tutto il meccanismo di questo argomento, bisogna Leggere attentamente ogni passaggio nostro, e vi sarà tutto più chiaro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come riconoscere il momento migliore per comprare azioni

La borsa è uno degli aspetti della finanza più affascinanti e chi è esperto può in poco tempo guadagnare molto, così come un'errata gestione può brevemente portare ad una crisi finanziaria. L'importante è comprare o vendere le azioni sempre al...
Finanza Personale

Azioni esecutive e cautelari: 5 cose da sapere

La materia tributaria può generare non pochi grattacapi a chi è poco avvezzo a questo mondo. Per molti rappresenta un vero e proprio ostacolo insormontabile. Lo scopo di questa guida è quello di chiarire brevemente alcuni aspetti relativi alle azioni...
Finanza Personale

Come compilare la distinta di versamento sul conto Bancoposta o sul libretto di risparmio

Per poter effettuare un versamento sul conto BancoPosta oppure sul Libretto di Risparmio Postale bisogna compilare una apposita distinta, in dotazione a tutti gli sportelli degli uffici di Poste Italiane sparsi sul territorio nazionale. Questa operazione,...
Finanza Personale

Come acquistare azioni di una banca

Avrete sicuramente sentito parlare, almeno una volta, di acquisto e vendita dei titoli bancari e finanziari. Infatti, questa cosa, va ormai avanti da anni, ma solo negli ultimi tempi, sta prendendo piede, soprattutto in Italia, ma c'è da dire che non...
Finanza Personale

Come avviare un piano di risparmio fai da te

Saper risparmiare e far accrescere i propri risparmia è qualcosa che in pochi sono in grado di fare. Gestire il proprio denaro con un piano di risparmio richiede pianificazione, disciplina e competenza. In tempi di crisi come questo, risparmiare è un'azione...
Finanza Personale

Carta di credito e carta di debito: differenze

Le carte di credito e quelle di debito ci permettono di avere accesso ai nostri risparmi, senza dover portare in giro soldi contanti. Questa grande innovazione ci aiuta a gestire al meglio le nostre risorse economiche e si possono utilizzare praticamente...
Finanza Personale

Come ottenere le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico sull'acquisto di un nuovo frigorifero

In ogni casa sono presenti diversi elettrodomestici che hanno le più svariate funzioni, da quella di lavare i panni a quella dicontenere cibo, come i frigoriferi, e il risparmio energetico e monetario sono diventate delle esigenze ormai quotidiane. Per...
Finanza Personale

Dichiarazione dei redditi: differenze tra 730 e Unico

In una realtà, come quella del nostro Paese, in cui da ormai svariati anni si cerca in tutti i modi di contrastare la troppo diffusa evasione fiscale, è di particolare inportanza essere a conoscenza di alcuni concetti di base relativi all'ambito fiscale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.