Dare le dimissioni: 5 errori da non fare

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Dare le dimissioni non è una cosa semplice. Si tratta, infatti, di una procedura che richiede molta diplomazia ed educazione, nel rispetto del contratto che si va a scindere e dei propri datori di lavoro. Se vi ritrovare a dover rassegnare le vostre dimissioni, dovete sapere che ci sono alcune cose molto importanti da valutare. Oggi, in questo articolo, vi segnaleremo non i consigli da seguire, bensì le cose non evitare. Ecco quindi il vostro vademecum per rassegnare le dimissioni con i 5 errori da non fare.

27

Non mantenere il corretto atteggiamento

Il momento prima di rassegnare le proprie dimissioni, sembra essere un momento entusiasmante e quindi è facile lasciarsi prendere la mano comportandosi in modo menefreghista e irrispettoso. Fare terreno bruciato sul proprio posto di lavoro, anche se si sta per abbandonarlo, non è una buona idea in quanto, non si sa le dimissioni quali conseguenze comporteranno e dove vi porterà il futuro.

37

Non dare preavviso

Una delle cose più importanti da fare per consegnare le proprie dimissioni, è dare un buon preavviso al proprio titolare. La mancanza di questa procedura è, non solo irrispettosa, ma va anche contro i cardini del contratto di lavoro in quanto, tendenzialmente, in tutti i contratti esiste un lasso di tempo stipulato come preavviso necessario prima di dare le proprie dimissioni.

Continua la lettura
47

Non avere un incontro preliminare con il capo

Spesso si vuole creare un escamotage per evitare di parlare faccia a faccia con il proprio capo, pensando che, la sola lettera di dimissioni, sia abbastanza. In realtà, per correttezza, è molto importante parlarne prima con il proprio datore di lavoro, spiegando le proprie motivazioni e intenzioni e, solo in seguito, inviare la lettera di dimissioni. Può anche darsi, infatti, che le perplessità circa la vostra posizione, il vostro malcontento, dopo una chiacchierata con il capo prendano una piega diversa, positiva, con alcuni miglioramenti. Insomma, sembrerebbe essere un confronto molto importante per entrambe le parti in causa.

57

Non mantenere contatti

Iniziare a prendere le distanze dai propri colleghi è un bel passo falso. Prima di tutto, non sapendo le vostre sorti lavorative, non sapete se effettivamente non li avrete più come colleghi. Inoltre, in previsione futura, avere dei contatti fa sempre comodo, per eventuali favori o consigli.

67

Non chiedere pareri esterni

Dare le dimissioni una cosa molto importante, una decisione che andrà ad avere tante ripercussioni sulla vostra vita, non solo lavorativa. Spesso però, questa decisione, viene presa d'impeto, senza valutare effettivamente tutti i pro e i contro. Non essere testardi e chiedere umilmente un parere ad un collega o una persona cara è sicuramente saggio, prima di procedere con tutta la procedura di discussione e rassegna delle proprie dimissioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni senza preavviso

Anche in controtendenza alle vicissitudini lavorative e alla carenza di occupazione nel nostro Paese è possibile che abbiate necessità di dare le dimissioni dal vostro impiego lavorativo. Tuttavia queste condizioni possono essere eluse o ignorate quando...
Lavoro e Carriera

Come dare le dimissioni

Molte volte capita che un dipendente debba apporre una firma su un foglio bianco che servirà poi in futuro per le dimissioni dello stesso. In questo modo l'azienda stessa evita tutto il procedimento da compiere per questa situazione senza però trasgredire...
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: come dare le dimissioni

La moderna legislazione che regola il mercato del lavoro, contempla diverse categorie di collaborazioni mediante le quali un imprenditore può avvalersi di forza lavoro. Uno dei tipi di collaborazione sempre più frequente nel mondo del lavoro è quella...
Lavoro e Carriera

Preavviso di dimissioni: cosa fare per presentarlo

Tra le tante normative che rientrano nel Jobs Act è entrata in vigore anche quella che consente ad un lavoratore di presentare le proprie dimissioni con un preavviso da inviare per via telematica. Tale normativa interessa in particolare quei soggetti...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Come e quando consegnare una lettera di dimissioni

Di questi tempi è difficile trovare il coraggio di presentare una lettera di dimissioni, eppure quando si presentano alcune circostanze particolari, diventa purtroppo inevitabile. In questi casi, la legge italiana, riconosce al lavoratore il diritto...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...
Lavoro e Carriera

Come scrivere la lettera di dimissioni

Oggigiorno il mondo lavorativo, soprattutto in italia, ha subito dei profondi cambiamenti a causa della crisi economica e della conseguente carenza di posti di lavoro. Ma ciò nonostante, ci sono alcune persone che per diversi motivi sono costretti a...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.