Coworking: le principali regole di convivenza

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se siete al passo con i tempi e vi piace documentarvi ed essere sempre aggiornati, sicuramente avrete sentito parlare di coworking: il coworking è una modalità lavorativa in cui un unico ambiente di lavoro viene suddiviso ed utilizzato da più professionisti, anche di settori totalmente differenti e sconosciuti tra loro. Oltre ai chiari vantaggi economici di condividere tra più persone l'onere di un affitto, il coworking può rivelarsi perfetto anche per lo scambio di idee e la nascita di nuovi progetti in sinergia. Naturalmente per condividere uno spazio comune occorre avere buon senso e non invadere la sfera altrui. Ecco per voi le principali regole di convivenza del coworking.  

26

Non urlare

Può sembrare banale, ma se lavorate da molti anni sapete che può accadere anche di scaldarsi e perdere il controllo: in un ambiente di coworking questo dovrebbe non accadere, per non turbare gli altri lavoratori. Voce bassa e toni normali, senza urla, nè grida, nè schiamazzi: occorre sempre ricordare che non si è da soli ma che ogni altro lavoratore ha bisogno, proprio come voi, di concentrazione e silenzio.

36

Non fumare

È una regola fondamentale ormai ovunque ma ancor più in un ambiente condiviso: non si deve fumare. Questo non solo farà bene alla vostra salute, ma renderà più salubri e areati gli spazi. Il fumo può essere molto fastidioso e non potete pretendere che gli altri lavoratori respirino aria viziata: le sigarette sono concesse solo in pausa o all'esterno (ma se riuscite a smettere ne avrete solo da guadagnare!).

Continua la lettura
46

Essere tolleranti

Tra le regole di convivenza principali in uno spazio di coworking c'è quella di essere tolleranti: cercate di essere accomodanti con i vostri vicini e risolvete qualsiasi questione in modo civile e utilizzando il buon senso. Questa è l'unica strategia per una convivenza pacifica ed armoniosa: l'ideale in ogni ambiente di lavoro che si rispetti.

56

Avere spirito di adattamento

Se avete scelto - o vi è stato imposto - uno spazio di coworking dovete avere per forza spirito di adattamento. Vi capiterà di trovare tavoli non in perfetto ordine o molte altre piccole cose che potrebbero darvi fastidio. Cercate di adattarvi ai nuovi spazi e mantenete voi per primi ordine e rigore: è importante per non creare caos e confusione.

66

Cambiare ciclicamente gli spazi

Tra le regole di coworking c'è anche quella di cambiare ciclicamente gli spazi. Se invidiate molto un professionista che ha scelto inizialmente lo spazio accanto ad una finestra che dà molta luce, non preoccupatevi: stabilite da regolamento che ogni sei mesi gli spazi vanno riassegnati. In questo modo ogni lavoratore potrà godere, a turno, delle zone migliori dei diversi ambienti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Coworking: regole per andare d'accordo

Negli ultimi anni, soprattutto negli Stati Uniti, ma ormai anche in alcuni paesi del Nord Europa, come Svezia e Germania, ha preso sempre più piede il coworking, come dice la parola stessa, la condivisione dello spazio lavorativo. In pratica, un vero...
Lavoro e Carriera

Coworking: i vantaggi per i lavoratori

Coworking: che cos'è? La parola suggerisce l'attività del co-operare o più letteralmente del ''lavorare insieme''. Allora è un tipo di azienda? Sembra, ma non lo è. Le aree adibite al coworking hanno il classico aspetto di un ufficio, sono piene...
Lavoro e Carriera

5 motivi per puntare sul coworking

Fino a qualche tempo fa chi svolgeva lavoro da casa o era un libero professionista, capitava che non aveva un luogo fisso dove lavorava, negli ultimi però è stato realizzato il coworking, Esso non è altro che uno stile di lavoro che va a radunare persone...
Lavoro e Carriera

Ufficio condiviso: i 5 vantaggi del coworking

Nei tempi odierni, il mondo del lavoro sta lasciando ampio spazio ad una più innovativa e peculiare modalità di svolgimento dell'attività lavorativa, ovvero la possibilità di condividere il proprio spazio di lavoro con altre persone, svolgendo le...
Lavoro e Carriera

5 lavori da remoto

Nell’era digitale il lavoro da remoto è diventato uno degli strumenti più richiesti dai professionisti.Oggi il mondo del lavoro è cambiato e bisogna essere al passo con i tempi. L'era digitale 2.0 ha fatto nascere startup e coworking che hanno cambiato...
Lavoro e Carriera

Come gestire la difficile convivenza con un collega

Non c'è niente di peggio di dover affrontare una giornata di lavoro e dividere la scrivania con un collega che ci è decisamente poco simpatico. La convivenza con i colleghi non è sempre facilissima da gestire, anzi, molto spesso siamo costretti a lavorare...
Case e Mutui

Come subentrare in una casa popolare

Al giorno d'oggi sempre più persone fanno richiesta per potere entrare negli edifici di edilizia popolare, più semplicemente chiamate case popolari. In italia questi edifici sono spesso soggetti ad una situazione di sovraffollamento e non sono rari...
Case e Mutui

Consigli utili per trovare una stanza in affitto a Roma

Per vari motivi vuoi lavorativi o di studio si è costretti a dover cercare un posto dove risiedere in un'altra città che sia temporaneo o fisso la ricerca è al quanto complicata, vuoi perché siamo fuori sede e non conosciamo le modalità della città...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.