Cos'è la sharing economy

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Cos'è la sharing economy? In questa guida ne esamineremo i punti principali. Essa pare proprio essere una delle possibili risposte alla crisi economica nazionale ed internazionale. Creata sullapolitica della condivisione, ha come finalità il consumo collaborativo elo scambio equo di risorse e mezzi, senza l’obbligo dell’acquisto. Imprese di fama mondiale che vi hanno aderito hanno riscontrato fin da subito un enorme consenso.

24

Innanzitutto il punto fondamentale della sharing è il baratto. Molti siti danno l'opportunità di guadagnare con il peer to peer: gli utenticaricano le foto e gli annunci di oggetti e partecipano virtualmente a un veroe proprio mercatino delle pulci. Immancabile lasolidarietà per chi viaggia in treno. Tutti i biglietti a bassa fascia diprezzo oppure non utilizzati non perdono di valore, ma su piattaforme di settore possonoessere scambiati e barattati.

34

Il punto debole di questa nuova branca dell'economia è che è ancora abbastanza inesplorata. Ad esempio, pensate alle referenze dei tradizionali venditori: qui come saranno garantite? Saranno date dalla buona reputazione sui social? Nonostante le perplessità, la sharing economy sta avendo un successo insapettato nel nostro Paese, e le statistiche sembrano confermare la sua validità contro la crisi e lospreco, tramite un'ottimizzazione dei beni materiali ed immateriali, chedivengono la moneta di scambio equosolidale e di ecoeconomia, termine di cuisentiremo sempre più spesso parlare, visti i presupposti.

Continua la lettura
44

Infine l’Italia si distingue dalla sharing economy internazionale per dei progetti tutti suoi, originali edavvero promettenti. Tra i vari progetti, vi sono quelli dedicati al mondo dell’ethicalfashion, che offrono la possibilità di implementare ilnetworking tra le piccole case di moda e le aziende locali, progettandocollaborazioni orientate alla condivisione e alla socialità. Un altro settore tocca l'urbanizzazione, con iniziativeche si prefiggono di diminuire l’utilizzo di risorse ex novo e di materia primaandando a mappare e identificare tutti quegli edifici ancora in buono stato maabbandonati, come abitazioni private, esercizi commerciali, ospedali, scuole eprigioni: l'obiettivo? Trovare ad essi nuovavita, combattendo la fatiscenza con la ristrutturazione. Da queste prime idee, learee di interesse si sono estese al settore dell’abbigliamento, dellaristorazione, degli orti a km o e del parking. Inizialmente fonte di un certoscetticismo, oggi lo sharing si sta allargando sempre di più, fino ad arrivarea coinvolgere beni non materiali quali le competenze professionali. In Italiastanno crescendo sempre di più le iniziative basate su questo rivoluzionariosistema economico. Già presenti sul nostro territorio agenzie che si occupanodell’affitto e dello scambio di abitazioni ed immobili, della prestazione di servizi di baby-sitting, del noleggio acosto zero delle auto, di barche, di alimentibiologici e caratteristici regionali e di scambio allapari di denaro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Split payment: cos'è, quando scade e come si paga l'Iva

Ormai da sei mesi è stato introdotto in Italia lo Split Payment, detto anche "scissione dei pagamenti".  Cercheremo ora di capire cos'è e cosa comporta. Come si paga, quando scade e che rapporto ha con l'Iva.  Una breve guida adatta a tutti coloro...
Aziende e Imprese

Che cos'è il welfare aziendale

Il welfare aziendale mette in luce chiaramente il cambiamento avvenuto nel mondo del lavoro e soprattutto nelle condizioni del lavoratore. Questo cambiamento inzialmente ha preso piede nelle Multinazionali e ora, pian piano, si sta espando a macchia d'olio...
Aziende e Imprese

Cos'è e come funziona il recupero crediti

Nella società odierna siamo abituati a mantenere un tenore di vita piuttosto alto, permettendoci lussi a volta al di fuori delle nostre reali possibilità economiche; può anche capitare di investire in beni materiali quando si gode di una buona situazione...
Aziende e Imprese

Trading di opzioni binarie: cos'è e come funziona

Probabilmente molti di voi avranno sentito parlare del cosiddetto "trading binario" nell'ambito della borsa, ma cos'è effettivamente? E, soprattutto, come funziona? In questa breve e semplice guida, andremo alla scoperta del trading di opzioni binarie:...
Aziende e Imprese

Professionisti: cos'è il Pos e come funziona

Le nuove leggi, datate 2014, che regolano i pagamenti negli esercenti pubblici, impongono i liberi professionisti e gli artigiani a munirsi della tecnologia Pos (Point of Sale), ovvero l'apparecchio che permette di fare transazioni per via telematica....
Aziende e Imprese

Insider trading: cos'è e come funziona

Da quando esistono attività commerciali, industriali e/o comunque legate alla produzione di beni e servizi esiste la concorrenza: essa può essere leale ad esempio, sviluppando idee innovative o migliorando un certo tipo di bene (o servizio) o utilizzando...
Aziende e Imprese

Il Fundraising: cos'è e come funziona

Il fundraising nasce in Europa ma, sin da subito, si sviluppa negli Stati Uniti grazie, soprattutto, all'azione di Henry Rosso. Quest'ultimo è conosciuto per essere il fondatore della prima scuola al mondo di fundraising ed ha descritto questo tipo di...
Aziende e Imprese

Cos'è e come funziona il social media marketing

Nell'era digitale in cui viviamo, caratterizzata dall'uso smodato di social network e dalla diffusione di dispositivi portatili sempre connessi ad Internet, come smartphone e tablet, era inevitabile che si venisse a creare un nuovo modo di fare pubblicità,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.