Cos’è il bail in e come tutelarsi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una nuova ombra sembra incombere sui nostri risparmi ed è probabile che il suo nome ci dica ben poco! Il bail in, meglio conosciuto come forma interna di salvataggio delle banche, è uno strumento che evita il dissesto finanziario e opera per ripristinare il capitale di un istituto di credito. Il bail in coinvolge principalmente gli azionisti. Eppure, nel caso in cui il loro intervento non risultasse sufficiente a sanare la perdita, saranno chiamati a contribuire tutti coloro che possiedono altre categorie di strumenti. Ovvero i titoli subordinati senza garanzia, i crediti non garantiti e i depositi superiori a 100.000 euro. Come possiamo allora evitare di essere investiti dal bail in? Andiamo subito a scoprire insieme cos'è il bail in e come tutelarsi.

26

Il bail in è una manovra che può rivelarsi insidiosa per alcune categorie più a rischio, come gli azionisti. Esistono invece delle categorie completamente esonerate dalle manovre di risanamento bancario proprie del bail in. Gli strumenti che quindi non possono essere assolutamente coinvolti sono i conti deposito fino a 100.000 euro, che fino a questa soglia vengono tutelati dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. Sono inoltre esonerate le obbligazioni garantite, i titoli depositati in conto titoli (ad esclusione di quelli emessi dalla banca coinvolta nel bail in). Anche i debiti della banca verso dipendenti, fornitori ed enti previdenziali sono esonerate dal bail in.

36

A questo punto abbiamo forse le idee un poco più chiare su cosa sia il tanto temuto bail in. Ma come possiamo tutelarci? Il primo step fondamentale è nella fiducia che abbiamo nel nostro istituto di credito. È importante infatti sapere a chi stiamo affidando i nostri risparmi, proprio per evitare spiacevoli sorprese. Il primo criterio da valutare è quindi la redditività della banca. Un istituto di credito in grado di fronteggiare anche perdite inattese può garantire al correntista una buona stabilità. Nel caso in cui la nostra fiducia nella banca dovesse crearci dei dubbi, evitiamo di cedere alla tentazione di acquistare delle azioni della banca stessa.

Continua la lettura
46

In caso di conti superiori 100,000 euro il consiglio per tutelarci è quello di trasferire la cifra eccedente presso un istituto di credito diverso. Anche se l'operazione può apparire macchinosa, in realtà è una delle soluzioni migliori per evitare di essere coinvolti nelle crisi bancarie. Inoltre è sempre bene tenersi informati sulla salute della nostra banca. In questo modo saremo sempre pronti ad evitare problemi e crisi.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non abbiamo fiducia nella nostra banca, possiamo trasferire il nostro conto presso un istituto di credito con maggiori garanzie
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Comprare una casa costruzione: come tutelarsi

Ognuno di noi vorrebbe avere una casa di proprietà; infatti, è il sogno di ogni persona. Acquistare un appartamento, una casa indipendente oppure una villetta a schiera vuol dire possedere qualcosa dove poter passare la propria vita; inoltre, l'immobile...
Case e Mutui

Come tutelarsi per l'acquisto della casa

Con l'avanzare della crisi economica, l'acquisto di una casa rappresenta l'ambizione maggiore per molti. Oggi, per potere accedere a questo vantaggio di pochi, le banche e diversi istituti che operano in campo finanziario, riescono a fornirci numerose...
Finanza Personale

Prodotti difettosi: come tutelarsi

Quando si spendono dei soldi per l'acquisto di un determinato prodotto, sia esso di natura elettronica oppure no, si vorrebbe che funzionasse e che non desse mai problemi. Purtroppo però a volte accade il contrario ed un prodotto risulta essere immediatamente...
Lavoro e Carriera

Mobbing sul lavoro: come tutelarsi

Quando si vuole licenziare qualcuno o gli si vuole rendere difficile la vita, molto spesso sul posto di lavoro si ricorre al famoso mobbing. Un metodo subdolo e spietato per mettere in difficoltà il dipendente e costringerlo così a chiedere spontaneamente...
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: come tutelarsi

Una delle tipologie di contratto più diffusi di tutti in questi ultimi anni è il cosiddetto contratto a progetto. Oggigiorno si sa che riuscire a trovare lavoro è praticamente molto difficile. Soprattutto un lavoro ideale alle competenze proprie ed...
Case e Mutui

Come tutelarsi se un amministratore di condominio ha lasciato dei pagamenti insoluti

Non è raro scoprire che un amministratore di condominio abbia tralasciato il pagamento di alcune bollette condominiali come le bollette dell'acquedotto o altri pagamenti da sostenere per conto dei condomini. Con l'arrivo di un nuovo amministratore, vengono...
Case e Mutui

Affitti nero: come tutelarsi

Ci sono molte irregolarità, a livello legislativo, che riguardano l'Italia. Al giorno d'oggi, nel nostro Paese, ormai quasi la stragrande maggior parte degli inquilini pagano un canone mensile sull'affitto, maggiore rispetto a quello che è già stato...
Case e Mutui

Come tutelarsi nell'acquisto di una casa

L'allocazione delle risorse dai soggetti cosiddetti "in surplus" finanziario verso coloro che vivono in una condizione di "deficit" finanziario è sempre stata la missione caratterizzante gli intermediari finanziari. Le classi di attività verso le quali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.