Cos’è il bail in e come tutelarsi

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Una nuova ombra sembra incombere sui nostri risparmi ed è probabile che il suo nome ci dica ben poco! Il bail in, meglio conosciuto come forma interna di salvataggio delle banche, è uno strumento che evita il dissesto finanziario e opera per ripristinare il capitale di un istituto di credito. Il bail in coinvolge principalmente gli azionisti. Eppure, nel caso in cui il loro intervento non risultasse sufficiente a sanare la perdita, saranno chiamati a contribuire tutti coloro che possiedono altre categorie di strumenti. Ovvero i titoli subordinati senza garanzia, i crediti non garantiti e i depositi superiori a 100.000 euro. Come possiamo allora evitare di essere investiti dal bail in? Andiamo subito a scoprire insieme cos'è il bail in e come tutelarsi.

26

Il bail in è una manovra che può rivelarsi insidiosa per alcune categorie più a rischio, come gli azionisti. Esistono invece delle categorie completamente esonerate dalle manovre di risanamento bancario proprie del bail in. Gli strumenti che quindi non possono essere assolutamente coinvolti sono i conti deposito fino a 100.000 euro, che fino a questa soglia vengono tutelati dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. Sono inoltre esonerate le obbligazioni garantite, i titoli depositati in conto titoli (ad esclusione di quelli emessi dalla banca coinvolta nel bail in). Anche i debiti della banca verso dipendenti, fornitori ed enti previdenziali sono esonerate dal bail in.

36

A questo punto abbiamo forse le idee un poco più chiare su cosa sia il tanto temuto bail in. Ma come possiamo tutelarci? Il primo step fondamentale è nella fiducia che abbiamo nel nostro istituto di credito. È importante infatti sapere a chi stiamo affidando i nostri risparmi, proprio per evitare spiacevoli sorprese. Il primo criterio da valutare è quindi la redditività della banca. Un istituto di credito in grado di fronteggiare anche perdite inattese può garantire al correntista una buona stabilità. Nel caso in cui la nostra fiducia nella banca dovesse crearci dei dubbi, evitiamo di cedere alla tentazione di acquistare delle azioni della banca stessa.

Continua la lettura
46

In caso di conti superiori 100,000 euro il consiglio per tutelarci è quello di trasferire la cifra eccedente presso un istituto di credito diverso. Anche se l'operazione può apparire macchinosa, in realtà è una delle soluzioni migliori per evitare di essere coinvolti nelle crisi bancarie. Inoltre è sempre bene tenersi informati sulla salute della nostra banca. In questo modo saremo sempre pronti ad evitare problemi e crisi.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se non abbiamo fiducia nella nostra banca, possiamo trasferire il nostro conto presso un istituto di credito con maggiori garanzie
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Cos'è e come funziona l'anagrafe tributaria

L'anagrafe tributaria è una banca dati contenente tutti i dati utili al fisco per monitorare i contribuenti italiani. Istituita nel 1973, possiede oggi la maggior parte delle informazioni relative a prestiti, mutui, bonifichi bancari, assegni ecc. Ecc....
Banche e Conti Correnti

Cos'è e come funziona un avallo bancario

Se avete spesso a che fare con le banche, vi sarà sicuramente capitato di aver sentito parlare del cosiddetto "avallo bancario". Un tempo questo tipo di contratto era piuttosto frequente in caso di prestiti, mentre oggi viene utilizzato molto spesso...
Banche e Conti Correnti

Cos'è e come si usa la carta di debito internazionale a doppia tecnologia

In questa guida vi spiegheremo in cosa consiste la carta di debito internazionale a doppia tecnologia e come si usa.Innanzitutto è importante sapere che tale carta viene chiamata Bancomat Maestro ed è dotata di un microchip che consente di pagare, comodamente,...
Banche e Conti Correnti

Codice blocco Postepay: cos'è e quando serve

Il codice blocco Postepay è un codice che si utilizza generalmente per salvaguardare le operazioni effettuate con la propria carta. Vogliamo sottolineare in questa guida che esistono diversi tipi di Postepay, ad esempio quella Evolution, di colore nero...
Banche e Conti Correnti

Carta conto: cos'è

La carta conto non è altro che una carta plastificata, prepagata, dotata di un codice IBAN, che offre la stessa praticità che si ha con un normale conto corrente. Essa può essere caricata e usata per fare acquisti negli esercizi commerciali, in Italia...
Banche e Conti Correnti

Come aprire un conto corrente in Portogallo

Ormai il mondo bancario è visto in lungo e in largo anche da chi non ha conoscenze bancarie, qui di seguito in questa breve guida cercheremo di capire: come aprire un conto corrente in Portogallo, che sia per necessità oppure per interesse, può capitare...
Banche e Conti Correnti

Come calcolare il TAEG di un finanziamento

Come ben tutti potete sapere o almeno la maggior parte di voi, l'acronimo TAEG sta per Tasso Annuo Effettivo Globale. Il TAEG è presente ogni qualvolta vorrete stanziare un finanziamento. Quindi è molto importante sapere cos'è e come va calcolato,...
Banche e Conti Correnti

Come Verificare Se Il Prezzo Di Un Titolo Obbligazionario è Equo

Il mercato finanziario è spesso riservato ai soli addetti ai lavori. Ci sono terminologie e calcoli che chi è poco esperto in tale materia, possono rendere incomprensibili e di difficile comprensione anche operazioni di per sé poco complicate. In questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.