Cos'è e come funziona l'anagrafe tributaria

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'anagrafe tributaria è una banca dati contenente tutti i dati utili al fisco per monitorare i contribuenti italiani. Istituita nel 1973, possiede oggi la maggior parte delle informazioni relative a prestiti, mutui, bonifichi bancari, assegni ecc. Ecc.
Ma come viene tutelata la nostra privacy? Come funziona questo servizio e che uso viene fatto dei nostri dati? Tutte domande che cercheremo di chiarirvi nel corso di questa guida. Oggi infatti parleremo dettagliatamente dell'anagrafe tributaria, cercando di chiarire cos'è e come funziona.

26

A cosa serve

Di norma ogni Stato preleva un'imposta sul reddito di ogni singolo lavoratore e di ogni singola impresa. Il requisito fiscale dipende dalla struttura giuridica del proprio business. Se la vostra attività è una società a responsabilità limitata, viene tassata separatamente; le imprese individuali riferiscono le loro tasse personali e il reddito d'impresa utilizzando lo stesso modulo. L'anagrafe tributaria giunge dopo il redditometro, per combattere l'evasione fiscale, mettendo sotto la lente d'ingrandimento i conti correnti, i fondi pensionistici, i depositi e gli acquisti di oro e preziosi. Si tratta di uno strumento che l'amministrazione finanziaria ha ingegnato, con lo scopo di ricercare delle anomalie, tra i movimenti finanziari dei contribuenti e quanto gli stessi utenti dichiarano al fisco. È un controllo retroattivo, infatti, si parte dall'anno 2011 e i cittadini non devono preoccuparsi di conservare le ricevute fiscali o altri dati di pagamento.

36

Come opera

Gli imprenditori con i dipendenti sono anche responsabili per il pagamento di alcune imposte richieste da parte dello Stato. Tutti gli Stati richiedono il pagamento dell'assicurazione contro gli infortuni e un'assicurazione contro la disoccupazione dei lavoratori statali. Invece di verificare le singole operazioni, il controllore analizza il saldo che è stato incassato, quindi in entrata e quanto è stato speso, dalla persona giuridica o fisica, chiamato saldo in uscita. Prende in considerazione l'ammontare delle operazioni, anche quelle di altri conti correnti, o carte di credito o debito, o movimenti eseguiti come investimenti o acquisto di beni materiali, ad esempio ori e preziosi.

Continua la lettura
46

Quando agisce

Per essere soggetti ad approfondimenti da parte di questo ente, devono sussistere delle operazioni poco chiare che si discostano di almeno il 20%. Per fare un esempio, una persona che guadagna circa 20 mila euro all'anno e ne spende 18 mila euro sul conto corrente, apparentemente sembra tutto nella norma. Nel caso in cui, è anche titolare di una carta di credito e ne spende un totale di 30 mila euro, allora scattano gli accertamenti e controlli maggiormente accurati.

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Fido bancario: cos'è e come funziona

Il fido bancario rappresenta uno strumento di credito che gli istituti bancari concedono ai propri clienti per consentirgli di possedere uno scoperto, oppure del denaro disponibile, che successivamente dovranno rimborsare non appena avranno un rientro...
Banche e Conti Correnti

Conto corrente: 5 cose da non fare

Il fisco è ormai ufficialmente autorizzato ad entrare nel conto corrente bancario o postale, per controllare i cittadini che fanno diversi movimenti e non li dichiarano. Si tratta infatti, di una manovra dell'Anagrafe tributaria, che controllerà entrate...
Banche e Conti Correnti

Home banking: come funziona

L'home banking è un modo semplice e veloce per svolgere attività bancarie, come pagamenti telematici, che di norma avrebbero richiesto una lunga coda allo sportello. Se ancora non lo avete provato, per timore di lasciare i vostri dati sul web, sappiate...
Banche e Conti Correnti

Carta conto: cos'è

La carta conto non è altro che una carta plastificata, prepagata, dotata di un codice IBAN, che offre la stessa praticità che si ha con un normale conto corrente. Essa può essere caricata e usata per fare acquisti negli esercizi commerciali, in Italia...
Banche e Conti Correnti

Cos’è il bail in e come tutelarsi

Una nuova ombra sembra incombere sui nostri risparmi ed è probabile che il suo nome ci dica ben poco! Il bail in, meglio conosciuto come forma interna di salvataggio delle banche, è uno strumento che evita il dissesto finanziario e opera per ripristinare...
Banche e Conti Correnti

Cos'è e come si usa la carta di debito internazionale a doppia tecnologia

In questa guida vi spiegheremo in cosa consiste la carta di debito internazionale a doppia tecnologia e come si usa.Innanzitutto è importante sapere che tale carta viene chiamata Bancomat Maestro ed è dotata di un microchip che consente di pagare, comodamente,...
Banche e Conti Correnti

Come funziona la riserva frazionaria

Molte banche in passato sono state costrette a dichiarare fallimento durante i periodi di crisi finanziaria, a causa della sempre maggiore mancanza di clienti. Oggi ci sono molte misure di sicurezza in atto per prevenire che dei casi del genere si verifichino...
Banche e Conti Correnti

Codice blocco Postepay: cos'è e quando serve

Il codice blocco Postepay è un codice che si utilizza generalmente per salvaguardare le operazioni effettuate con la propria carta. Vogliamo sottolineare in questa guida che esistono diversi tipi di Postepay, ad esempio quella Evolution, di colore nero...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.