Cos'è e come funziona il recupero crediti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nella società odierna siamo abituati a mantenere un tenore di vita piuttosto alto, permettendoci lussi a volta al di fuori delle nostre reali possibilità economiche; può anche capitare di investire in beni materiali quando si gode di una buona situazione economica ma di ritrovarsi poi, per vicende sfortunate, a non riuscire più a pagare le rate di acquisti fatti in passato. Nel mondo dei debitori e dei creditori si inserisce il recupero crediti. In questa guida, a tal proposito, vi sarà spiegato cos'è e come funziona il recupero crediti.

25

Cosa è il recupero crediti

Una società di recupero crediti può essere considerata come una sorta di organismo di mediazione tra i creditori e i debitori. L'intervento di questo tipo di agenzia viene richiesto nel momento in cui un creditore non riesce a riscuotere la somma di denaro dovuta dal suo debitore. L'attività delle società di recupero crediti prevede allora l'impiego di personale formato per riuscire ad affrontare situazioni complicate, legate a questi movimenti di denaro, con l'utilizzo di strumenti leciti e bonari. Condotte aggressive o modalità minacciose possono considerarsi dei comportamenti isolati di alcuni operatori, che saranno chiamati a risponderne personalmente.

35

Quali sono i suoi strumenti

Si possono individuare due fasi del processo di recupero crediti e riscossione della somma di denaro dovuta: una stragiudiziale e una giudiziale. Nel primo periodo gli impiegati del recupero crediti si occupano di sollecitare il debitore al pagamento della quota di denaro dovuta, attraverso strumenti come avvisi tramite lettere o telefonate, esazione diretta oppure con la messa in mora. Si tratta dell'ultimo strumento previsto prima di ricorrere alla fase giudiziale: si invia una raccomandata al debitore con la richiesta di pagare la somma dovuta (aumentata a seguito di sanzioni e interessi sul debito contratto) entro un termine stabilito.

Continua la lettura
45

A cosa punta la fase giudiziale

Nel caso in cui queste strategie non hanno ottenuto gli effetti sperati, si passa alla fase giudiziale che punta al recupero coatto del credito, anche rivalendosi sul patrimonio del debitore. Si può arrivare anche a richiedere il pignoramento dei beni del debitore insolvente, se continua a non pagare. In questo caso è bene condurre delle indagini preliminari per accertarsi della presenza di eventuali beni o patrimoni da poter sottoporre a pignoramento. È infatti necessario tenere conto del fatto che le spese legali per portare avanti la causa saranno a carico del creditore.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' infatti necessario tenere conto del fatto che le spese legali per portare avanti la causa saranno a carico del creditore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Trading di opzioni binarie: cos'è e come funziona

Probabilmente molti di voi avranno sentito parlare del cosiddetto "trading binario" nell'ambito della borsa, ma cos'è effettivamente? E, soprattutto, come funziona? In questa breve e semplice guida, andremo alla scoperta del trading di opzioni binarie:...
Aziende e Imprese

Professionisti: cos'è il Pos e come funziona

Le nuove leggi, datate 2014, che regolano i pagamenti negli esercenti pubblici, impongono i liberi professionisti e gli artigiani a munirsi della tecnologia Pos (Point of Sale), ovvero l'apparecchio che permette di fare transazioni per via telematica....
Aziende e Imprese

Cos'è e come funziona il social media marketing

Nell'era digitale in cui viviamo, caratterizzata dall'uso smodato di social network e dalla diffusione di dispositivi portatili sempre connessi ad Internet, come smartphone e tablet, era inevitabile che si venisse a creare un nuovo modo di fare pubblicità,...
Aziende e Imprese

Insider trading: cos'è e come funziona

Da quando esistono attività commerciali, industriali e/o comunque legate alla produzione di beni e servizi esiste la concorrenza: essa può essere leale ad esempio, sviluppando idee innovative o migliorando un certo tipo di bene (o servizio) o utilizzando...
Aziende e Imprese

Come compensare le cartelle esattoriali con i crediti verso la P.A.

Per compensazione delle cartelle esattoriali, si intende la possibilità di poter saldare le proprie pendenze debitorie nei confronti di una Pubblica Amministrazione, attraverso eventuali crediti commerciali vantati nei confronti di quest'ultima. Per...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di rotazione dei crediti e dei debiti

L'analisi per indici si occupa di calcolare quozienti o rapporti tra valori e grandezze di natura diversa. Si distingue a seconda dell'aspetto della gestione che viene esaminato. L'analisi finanziaria, in particolare, va a esaminare quella che è l'attitudine...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare il fondo svalutazione crediti

La partita doppia e la contabilizzazione delle voci sono da sempre un elemento molto ostico. Per contabilizzare alcune movimentazioni è infatti richiesta una buona conoscenza di economia aziendale e magari anche qualche infarinatura di ragioneria. La...
Aziende e Imprese

Come gestire i crediti insoluti

Se gestite una società finanziaria oppure siete l'amministratore di un condominio ed intendete recuperare dei crediti insoluti di uno o più persone, potete ottimizzare il risultato sfruttando alcuni mezzi legali a vostra disposizione. Tuttavia è importante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.