Cos'è e come funziona il contratto a progetto

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La politica viene spesso ignorata da tanti italiani, perché ritengono futile esprimere il loro voto durante le elezioni comunali/regionali/nazionali. Questo avviene soprattutto per colpa dei numerosi scandali che accadono ormai da tanti anni in tutta la Penisola italiana. La mancanza di partecipazione degli individui alla vita politica del Paese comporta un problema di democrazia, fondata appunto sulla sovranità appartenente al popolo (articolo 1 della Costituzione). La classe dirigente al Governo prende le decisioni che riguardano la vita quotidiana degli italiani, come ad esempio la regolamentazione dei contratti lavorativi. Attualmente ci sono varie tipologie di contratto, ognuna con le proprie caratteristiche. Trovare oggi un'attività lavorativa risulta abbastanza difficile. Ecco perché tante società o molti datori di lavoro ricorrono ad un tipo di contratto particolare. Precisamente si tratta del contratto a progetto o co. Co. Pro., molto adoperato in Italia poiché estremamente vantaggioso per gli imprenditori. Lo stesso non può affermarsi per i dipendenti, visto che il contratto di collaborazione a progetto non prevede forme di stabilità. Negli ultimi anni, il Governo italiano ha comunque varato delle modifiche finalizzate a scoraggiare i datori di lavoro ad utilizzare tale forma contrattuale. Nei passaggi successivi di questo tutorial vediamo allora cos'è e come funziona il contratto a progetto.

26

Le informazioni da specificare nel contratto

La semplicità del contratto a progetto risiede nel fatto che i datori di lavoro risultano vincolati per un determinato lasso temporale. Tale forma contrattuale si fonda infatti sulla realizzazione di un progetto già stabilito. Di conseguenza viene assegnato un periodo di tempo limitato, entro il quale dovrà venire terminato il programma lavorativo prefissato. Ultimato il progetto, il contratto di lavoro scade ed il lavoratore si ritrova senza più un'attività lavorativa. Quando viene stipulato un co. Co. Pro., è necessario descrivere una serie di informazioni. Precisamente occorre indicare la tipologia di lavoro, la sua durata, il valore del progetto assegnato, la modalità di pagamento ed ogni misura riferita alla sicurezza nel posto di lavoro.

36

I mesi di gravidanza ed il jobs act

A questo punto bisogna esplicitare che i mesi riguardanti la gravidanza rappresentano un fattore disciplinato in modo tale da non arrecare danni alla lavoratrice. Durante tale periodo di gestazione, gli accordi contrattuali vengono interrotti e conseguentemente prorogati di 180 giorni. Per favorire l'integrazione a tempo indeterminato nei confronti dei lavoratori più giovani, l'ultimo Governo Renzi ha previsto il Jobs Act. Precisamente si tratta di un insieme di emendamenti studiati per concretare una riforma del lavoro. Quest'ultima prevede vari cambiamenti sul regime contributivo ed ha una duplice finalità. La prima consiste nella riduzione del famoso articolo 18, mentre la seconda riguarda l'incentivazione delle società ad integrare i giovani a tempo indeterminato.

Continua la lettura
46

Le ferie, la malattia e l'indennità di ricovero ospedaliero

Come già indicato nella parte introduttiva, il contratto a progetto sfavorisce purtroppo il lavoratore. Questo perché il co. Co. Pro. Non garantisce la sicurezza del posto di lavoro. Assumendo personale tramite questa forma contrattuale non vengono inoltre retribuiti i periodi di ferie e le giornate di malattia. L'assenza per ragioni di benessere fisico supera i 30 giorni o risulta maggiore ad un sesto della durata complessiva dell'accordo lavorativo, fissata al momento della stipulazione? Il datore di lavoro ha l'opportunità di provvedere al recesso del contratto a progetto. È necessario specificare che, soltanto in caso di ricovero ospedaliero, al lavoratore viene riconosciuta un'indennità. Per riceverla effettivamente, occorre però versare un contributo addizionale dello 0,5%.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: come dare le dimissioni

La moderna legislazione che regola il mercato del lavoro, contempla diverse categorie di collaborazioni mediante le quali un imprenditore può avvalersi di forza lavoro. Uno dei tipi di collaborazione sempre più frequente nel mondo del lavoro è quella...
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: requisiti della collaborazione

Il mondo del lavoro negli ultimi decenni ha subito notevoli cambiamenti. Questa sua metamorfosi ed evoluzione ha determinato la nascita di nuove forme contrattuali. Spesso, proprio per la loro complessità e particolarità, esse possono determinare piuttosto...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a progetto

I contratti a progetto sono delle tipologie di accordi tra lavoratori e datori di lavoro molto frequenti ma nello stesso tempo costituiscono dei contratti che non danno molte garanzie al lavoratore che presta servizio presso l'azienda a tempo determinato...
Lavoro e Carriera

Come calcolare i contributi sul contratto a progetto

Ecco una guida, pratica e veloce, mediante il cui aiuto concreto poter essere in grado d'imparare come e cosa fare per calcolare nel modo corretto e pratico, i contributi sul contratto a progetto. Eseguire tutto questo, è veramente utile ed anche molto...
Lavoro e Carriera

Contratto a termine: come funziona

Con la definizione di "contratto a termine" si intende un contratto di lavoro al quale è stata apposta una data di scadenza. Questa forma di contratto è molto diffusa. Viene spesso utilizzata dalle aziende o da enti pubblici, per sostituire personale...
Lavoro e Carriera

Contratto di somministrazione: come funziona

Il contratto di somministrazione è stato introdotto per la prima volta in Italia nel 2003 a seguito dell'approvazione della Legge Biagi. Quest'ultima è stata emanata per sostituire un altro contratto di lavoro, ossia quello interinale previsto da una...
Lavoro e Carriera

Come funziona il contratto di lavoro a tempo parziale

I lavoratori con contratto a tempo parziale, più comunemente conosciuto come part-time, ricevono lo stesso trattamento dei lavoratori a tempo pieno; l'unica differenza è che lavorano per un numero minore di ore, percependo ovviamente una retribuzione...
Lavoro e Carriera

Contratto di lavoro intermittente o a chiamata: come funziona

Alcune aziende ed enti privati si avvalgono di lavoratori con contratto di lavoro intermittente o a chiamata in occasione di eventi speciali. A volte, in determinate occasioni e orari, quando l'attività ha bisogno di personale in più, si rivolge ad...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.