Contratto di somministrazione: come funziona

Tramite: O2O 07/06/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il contratto di somministrazione è stato introdotto per la prima volta in Italia nel 2003 a seguito dell'approvazione della Legge Biagi. Quest'ultima è stata emanata per sostituire un altro contratto di lavoro, ossia quello interinale previsto da una precedente legislazione fin dal 1997. Questo accordo preveda la figura di tre soggetti che consistono in lavoratore, utilizzatore, ovvero l'azienda che cerca un nuovo organico e l'agenzia per il lavoro. Nei passi successivi della seguente guida viene spiegato come funziona il contratto di somministrazione.

26

Utilizzatore e lavoratore

Per stipulare un contratto di somministrazione occorre raggiungere due accordi, uno tra il somministratore e l'utilizzatore e l'altro tra il somministratore ed il lavoratore. Per somministratore si intende l'agenzia per il lavoro e ha il compito di pagare il lavoratore secondo i patti stabiliti in precedenza con l'azienda-utilizzatore. I tipi di contratto possono essere sia a tendo determinato che indeterminato, ed allo stesso tempo, part time oppure full time. La durata non può superare l'arco di tempo previsto di dodici mesi, tuttavia sono possibili delle proroghe. Il contratto di lavoro può essere prorogato per numero di volte massimo di quattro, della durata non superiore a sei mesi ognuna.

36

Agenzie per la somministrazione

Le agenzie per la somministrazione sono enti privati, presso le quali i lavoratori possono iscriversi per sottoporre la loro candidatura. Le aziende hanno una doppia funzione, ovvero, da una parte, trovare un lavoro che corrisponda alle richieste dei lavoratori. Dall'altra, fornire alle ditte la figura professionale di cui sono alla ricerca. L'agenzia comunemente detta somministratore ascolta i lavoratori e mette loro a disposizione degli utilizzatori, ovvero le aziende. Queste ultime acquistano dall'agenzia il diritto di usufruire dei lavoratori. Il somministratore manda il lavorante presso l'impresa, pubblica o privata, per svolgere sotto le direttive dell'utilizzatore la sua attività.

Continua la lettura
46

Sottoscrizione

L'azienda sottoscrive con il somministratore un contratto. Nello stesso tempo, l'agenzia firma con il futuro salariato un contratto di prestazione. Con questo documento il lavoratore conferma di essere dipendente dell'agenzia, ma di professare presso una ditta utilizzatrice disgiunta da essa. Con il contratto di somministrazione al lavoro, sia l'agenzia che l'azienda si assumono degli obblighi, ossia pagare i lavoratori e versare contributi previdenziali. Lo stipendio del lavoratore somministrato verrà calcolato secondo i parametri del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro o CCNL.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rivolgetevi ad un consulente del lavoro per ulteriori chiarimenti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come funziona il contratto di lavoro a tempo parziale

I lavoratori con contratto a tempo parziale, più comunemente conosciuto come part-time, ricevono lo stesso trattamento dei lavoratori a tempo pieno; l'unica differenza è che lavorano per un numero minore di ore, percependo ovviamente una retribuzione...
Lavoro e Carriera

Contratto di lavoro intermittente o a chiamata: come funziona

Alcune aziende ed enti privati si avvalgono di lavoratori con contratto di lavoro intermittente o a chiamata in occasione di eventi speciali. A volte, in determinate occasioni e orari, quando l'attività ha bisogno di personale in più, si rivolge ad...
Lavoro e Carriera

Cos'è e come funziona il contratto a progetto

La politica viene spesso ignorata da tanti italiani, perché ritengono futile esprimere il loro voto durante le elezioni comunali/regionali/nazionali. Questo avviene soprattutto per colpa dei numerosi scandali che accadono ormai da tanti anni in tutta...
Lavoro e Carriera

Contratto part-time: guida agli svantaggi

La forte crisi economica che la società odierna si ritrova ad affrontare ha inevitabilmente modificato ed alterato anche il mondo del lavoro, specialmente per quanto riguarda il lavoro giovanile, così come le tipologie di contratto lavorativo che oggi...
Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato o al termine di un attività o alla conclusione di un lavoro. Tuttavia,...
Lavoro e Carriera

Contratto a progetto: requisiti della collaborazione

Il mondo del lavoro negli ultimi decenni ha subito notevoli cambiamenti. Questa sua metamorfosi ed evoluzione ha determinato la nascita di nuove forme contrattuali. Spesso, proprio per la loro complessità e particolarità, esse possono determinare piuttosto...
Lavoro e Carriera

Il contratto a tempo indeterminato: caratteristiche

Quando si viene assunti occorre conoscere la tipologia di contratto di lavoro che si stipula con l’azienda. I più diffusi sono 3: contratto a tempo indeterminato (in sostanza non vi è una scadenza del rapporto lavorativo), a tempo determinato (quando...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a tempo determinato

Quando si ottiene un contratto a tempo determinato occorre visionarlo per bene. Questo è un sistema che va eseguito sempre. Per poi poter, in eseguito muoversi in base a quello che viene concordato e poi firmato. Il contratto a tempo determinato prevede...