Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato o al termine di un attività o alla conclusione di un lavoro. Tuttavia, anche nel caso in cui non è specificata una data precisa di termine, oppure il completamento di un progetto o un limite temporale, ci possono essere comunque delle condizioni particolari o dei cavilli in cui, se si verificano, possono mettere fine al rapporto di lavoro e quindi la rottura del contratto. In questa semplice ed esauriente guida andremo ad esaminare alcune cause di possibile licenziamento in caso di un contratto a tempo indeterminato.

26

Occorrente

  • Contratto a tempo indeterminato
  • licenziamento
36

I diversi tipi di contratto

Il contratto a tempo indeterminato viene firmato dal consenso del datore di lavoro e del dipendente. Inoltre, in come tutti i tipi di contratto, anche in quello a breve termine vige una tutela. Nel contratto a tempo indeterminato il licenziamento può avvenire per questi tre motivi: per il consenso da entrambe le parti, per decisione unilaterale del datore di lavoro (per licenziamento), oppure per scelta da parte del dipendente (per dimissioni).

46

In caso di licenziamento

Ovviamente il lavoratore può godere, in ogni caso, di alcuni diritti, in caso di licenziamento. Prima di tutto avrà il diritto di accertarsi che le motivazioni da parte del datore di lavoro, usate per il licenziamento, siano fondate e non frutto di pura invenzione. Il datore di lavoro avrà, pertanto, la possibilità di licenziare un dipendente con un contratto a tempo indeterminato, ma potrà farlo dimostrando e giustificando la sua azione davanti ad un giudice. Quest'ultimo, successivamente, dovrà valutare se concedere oppure meno il licenziamento. In ogni caso, possiamo affermare che non è affatto semplice licenziare un dipendente con un contratto a tempo indeterminato, per il quale vale ancora l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori.

Continua la lettura
56

La giusta causa

In caso di licenziamento da parte del datore di lavoro, questi si potrà appellarsi alla giusta causa, come viene regolamentato dall'articolo 18 dello statuto dei lavoratori. Tale riforma è stata messa in atto dal governo Renzi. Ma torniamo, ora, al caso di licenziamento da parte del datore di lavoro. Quando un datore di lavoro si trova dinnanzi a dei comportamenti poco consoni e corretti da parte del lavoratore nei confronti dell'azienda, il lavoratore licenziato per giusta causa ha diritto alla sola liquidazione. Si parla di motivi che potrebbero riguardare sia l'azienda che il lavoratore, magari colpevole di effettuare troppi giorni di malattia sul posto di lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tutti i lavoratori con un contratto a tempo indeterminato, in caso di licenziamento, potranno chiedere una verifica sulle motivazioni fornite dal datore di lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Licenziamento senza preavviso

Gli articoli 337 e 337d della Costituzione, regolano il licenziamento senza preavviso, possibile solo nel caso di provvedimenti disciplinari per giusta motivazione. Assolutamente non può esistere il licenziamento senza preavviso per il dipendente in...
Lavoro e Carriera

5 caratteristiche del contratto a tempo indeterminato

La crisi economica di questi ultimi anni ha portato diverse aziende alla chiusura; a sua volta, questo ha determinato la perdita di numerosi posti di lavoro. Molte persone si sono trovate senza un'occupazione, accettando successivamente nuove forme di...
Lavoro e Carriera

Come licenziarsi da un contratto a tempo indeterminato

Il contratto a tempo indeterminato è un accordo redatto per iscritto tra il datore di lavoro ed un dipendente, regolato dal Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL). Esso non riporta la scadenza del rapporto lavorativo e deve contenere: i dati...
Lavoro e Carriera

Come stipulare un contratto di lavoro a tempo indeterminato

Se un dipendente viene impiegato su 2 o più contratti successivi a tempo determinato in servizio continuo per un periodo di 4 anni, i dipendenti hanno diritto a un contratto a tempo indeterminato. Il datore di lavoro può giustificare la concessione...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...
Lavoro e Carriera

Come funziona il contratto a tutele crescenti

Nel campo lavorativo esistono diverse tipologie di contratto, ognuna con le sue regole da rispettare e le sue eccezioni particolari, tra questi c'è quello a tutele crescenti che va nella categoria di quelli a tempo indeterminato, inoltre va aggiunto...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
Lavoro e Carriera

Conseguenze sanzionatorie del licenziamento individuale illegittimo

Il licenziamento singolo, può far incorrere il datore di lavoro in alcune particolari sanzioni, se ciò avviene in modo illegittimo e senza una giusta causa. In questa guida, vediamo nel dettaglio quali sono le conseguenze sanzionatorie del licenziamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.